Assopopolari: Zanetti sulla diversità delle strutture bancarie

| 0 commenti

Assopopolari: Zanetti, fondamentale la risoluzione del Parlamento UE sul rafforzamento della diversità delle strutture bancarie.

Il Parlamento Europeo ha approvato ieri un’importante risoluzione (relatrice la britannica Arlene McCarthy, Labour Party) che fornisce indirizzi alla Commissione Europea per la formulazione di proposte in tema di riforma delle strutture del sistema bancario dell’UE.

La deliberazione pone un forte accento sul rafforzamento della diversificazione (c.d. bio-diversità) all’interno del settore bancario per i vantaggi che essa reca al miglior soddisfacimento da parte del mercato alle esigenze delle piccole imprese e delle famiglie.

A tale riguardo Emilio Zanetti, Presidente dell’Associazione Nazionale fra le Banche Popolari, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “La risoluzione del Parlamento Europeo è altamente positiva per il comparto delle Banche Popolari: essa infatti invita con forza la Commissione Europea a tener conto e valorizzare la diversità di modelli societari e di business esistenti nel mercato bancario. Allo scopo di realizzare una concorrenza più equa e sostenibile il Parlamento Europeo ha, fra l’altro, sollecitato una maggiore diversificazione del settore creditizio anche attraverso incentivi che ne favoriscano l’orientamento alla clientela retail quali le PMI e le famiglie.

Le Banche Popolari italiane sono quindi fiduciose che la Commissione darà puntualmente seguito a tali chiari orientamenti e che l’EBA, cui compete l’elaborazione della normativa applicativa, saprà garantire in tutta l’UE la piena attuazione di tale volontà politica.” La compresenza di banche di diversa forma societaria, fra cui le banche popolari e cooperative, concretizza il principio del pluralismo dei modelli d’impresa, costantemente salvaguardato dal Parlamento.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
Assopopolari: Zanetti sulla diversità delle strutture bancarie , 5.0 out of 5 based on 1 rating

Non perderti gli altri articoli:

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.