CFD TRADING OUTLOOK – Chiusura Borse UE: Ondata di Ottimismo sui Mercati, S&P500 ai Massimi Storici, Vola la Periferia d’Europa

| 0 commenti

Chiusura Borse UE: ondata di ottimismo sui mercati, S&P500 ai massimi storici, vola la periferia d’Europa.
CFD TRADING OUTLOOK 10 Aprile 2013- In collaborazione con IG Markets.

Focus

Proseguono in deciso rialzo i listini Usa in una seduta che vede i principali mercati azionari del mondo in rally. Il Dow Jones Industrial Average sale dello 0,8%, mentre l’ S&P500 dello 0,9% e il Nasdaq mette a segno un +1,6%. Da segnalare i nuovi massimi storici per il più rappresentativo indice azionario del mondo, l’ S&P500, salito sopra quota 1.580 punti. Volano anche le borse europee, con il Dax che tenta un avvicinamento ai massimi del mese scorso. C’è stato un forte riversamento della liquidità sui mercati dopo un inizio di settimana caratterizzato da volumi particolarmente bassi. Diversi i fattori che hanno contribuito a ciò. Dai dati cinesi della notte, alle parole di Obama passando per l’esito positivo dell’asta Bot. In particolare, la Casa Bianca ha rilasciato le stime sulla crescita sul 2013 al 2,3% (dal 2,7% precedentemente stimato), mentre il tasso di disoccupazione è visto al 7,7% a fine anno. Il sentiment è risultato così forte che ha trascurato le minute del FOMC, dove si è assistito a una spaccatura tra i vari membri sul mantenimento delle misure di stimolo allo stato attuale. Domani le attenzioni si concentreranno sulle aste italiane che saranno il principale market mover della seduta. Le tensioni sull’Italia si sono affievolite ma non sono scomparse pertanto raccomandiamo comunque cautela.

Italia: Ftse Mib, sfondamento 16.000 necessario per allontanare pericoli di breve

A Piazza Affari il FTSE Mib ha terminato in rialzo del 3,2% 15.930 punti. La forza con cui l’indice si è portato fuori il canale laterale che si era creato nelle ultime settimana lascia pensare che il peggio è ormai alle spalle. Dovremo attendere un superamento deciso della soglia dei 16.000 per allontanare il pericolo di ricadute verso i minimi della scorsa ottava. Spiccano su tutti Banca Monte dei Paschi
(+14,7%) e Banco Popolare (+9,7%). Rialzi sopra il 5% per gli altri bancari. Tra gli industriali, bene Fiat (+6,7%), che beneficia ancora delle parole di ieri di Marchionne. Unico segni meno è Impregilo (-0,1%).

Valute: minute FOMC arginano vendite su biglietto verde

Sul fronte valutario, argina temporaneamente le recenti vendite il biglietto verde contro le principali valute dopo le minute del Fomc di questo pomeriggio. La spaccatura all’interno del FOMC ha lasciato un po’ perplessi gli operatori sul mantenimento del piano di acquisto asset ai livelli attuali (85 mld usd). Sull’euro/dollaro il target settimanale rimane a 1,3150, livello che potrebbe essere raggiunto se l’asta italiana dovesse risultare particolarmente positiva. Proseguono intanto le vendite sullo yen. Il cambio usd/jpy vede ormai quota 100, mentre l’euro/yen ha rotto la soglia di 130 e si dirige verso 134,80.

Macro: Cina, segnali importanti arrivano dall’import

Sul fronte macro, buoni i dati sulla bilancia commerciale cinese di marzo, che hanno mostrato un deficit di 880 milioni di dollari, a seguito di un forte rialzo dell’import (14,1% a/a) rispetto all’export (+10%). Il miglioramento della domanda di beni da parte delle imprese cinesi è un buon segnale di fiducia dei mercati che si attendono un miglioramento della domanda globale. I dati più importanti della settimana si concentrano nella seduta di venerdì quando saranno pubblicate le figure sulle vendite al dettaglio e la fiducia dei consumatori in Usa.

Titoli di Stato: asta Bot non muove spread, attenzioni rivolte ai Btp

Sul fronte governativo, esito positivo per l’asta Bot odierna che ha visto il Tesoro collocare 11 miliardi di euro sulle scadenze a 3 e 12 mesi. Rendimenti in calo su entrambe le scadenze e domanda in rafforzamento sull’emissione più importante (Bot annuale). Nonostante tutto sul mercato secondario il rendimento del decennale è rimasto abbastanza immobile, con lo spread fermo a 305 punti base. Il vero focus saranno le aste di domani fino a 7,5 mld euro, di cui 4 mld sul nuovo Btp a 3 anni e 2 mld sul quindicennale. Ci aspettiamo rendimenti in calo su entrambe le scadenze, anche se la domanda potrebbe rimanere sotto pressione causa l’incertezza politica italiana. Dopo i dati di Bankitalia sull’ammontare record di titoli di Stato detenuti dalla banche italiane, continuiamo a ribadire l’importanza di raggiungere un compromesso sulla formazione di un governo per riportare l’appeal degli investitori esteri sul nostro Paese.

Commodity: oro, dopo FOMC prospettive di breve rimangono ribassiste

Tra le materie prime, si spinge ai minimi delle ultime due sedute l’oro, raggiungendo quota 1.570 dollari/oncia dopo le minute del Fomc di oggi. La spaccatura all’interno del comitato esecutivo della Fed sul mantenimento di una politica monetaria fortemente espansiva apre a una fase di calo prolungato per il metallo prezioso che potrebbe presto andare a rompere il supporto a 1.530 dollari. Nel breve vengono confermato quindi le prospettive ribassiste.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
CFD TRADING OUTLOOK - Chiusura Borse UE: Ondata di Ottimismo sui Mercati, S&P500 ai Massimi Storici, Vola la Periferia d'Europa, 5.0 out of 5 based on 1 rating

Non perderti gli altri articoli:

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.