Il Petrolio collassa verso nuovi minimi

| 0 commenti

Attualmente siamo sotto il livello dei 39 dollari al barile. Il mercato del Petrolio sta vivendo il suo periodo post-crisi Lehman Brothers più buio.

oil-crash

La Crisi Cinese continua a pesare sul Petrolio

La crisi Cinese si sta espandendo anche verso il petrolio, che insieme a numerosi altri mercati, sta collassando al ribasso.

Nella giornata di Lunedì, il prezzo del WTI è caduto oltre del 6%, andando ad attestarsi sul prezzo di 38 dollari al barile, un nuovo minimo post-crisi per questa materia prima che non vuole smetterla di andare al ribasso. Se vi ricordate, soltanto qualche mese fa, eravamo intorno ai 100 dollari al barile.

Plus500 Petrolio Plus500 Forex
Plus500 Plus500

I prezzi del Greggio WTI, sono scesi di oltre il 60% rispetto ad 1 anno fa esatto. Erano riusciti a trovare un pò di stabilità durante metà anno, ma adesso il trend al ribasso sta proseguendo di nuovo.

Non c’è soltanto la crisi Cinese a pesare sul petrolio, ma anche l’eccesso di domanda da parte dei membri dell’OPEC e degli Stati Uniti, che hanno portato le scorte dei petrolio a raggiungere i massimi storici. Ovviamente, quando c’è molta offerta, il prezzo è destinato a cadere.

La rottura al ribasso del Petrolio

Guardate che rottura al ribasso:

Ghm83z6Y78yYabD_WzKxR0NaG9RNzspdZ6j6H5sxyG8

Gli investitori sono andati in panic sell, a causa della paura che il crollo dell’azionario possa allargarsi verso nuovi settori economici, e che quindi questo possa diminuire la richiesta globale (e in particolar modo dalla Cina, il fautore di questa crisi improvvisa del mondo della finanza).

Germania giù, USA segue a ruota

Parlando d’Europa, il Dax è giù del 5%, mentre l’S&P500 ha fatto perdere miliardi e miliardi in un solo giorno a uomini del calibro di Bill Gates e Warren Buffett.

Il Petrolio pesa anche sul Dollaro Canadese

Intanto, il dollaro Canadese continua a risentire pesantemente della discesa del Greggio, e in queste ore sta la coppia USD/CAD sta toccando il livello di 1,3250, siamo ai massimi livelli degli ultimi 12 anni.

Il Loonie, è molto legato al valore del petrolio, e continua quindi a risentire pesantemente del valore in calo dell’oro nero, che tanto più oro non è, in quanto nel giro di un anno, ha perso più del 60% del suo valore iniziale.

Prevediamo che gli investitori rimarranno cauti nel settore del petrolio, e se non ci saranno dati incoraggianti da parte dell’economia cinese, e la domanda continuerà ad essere inferiore all’offerta, non sarà molto difficile vedere questo mercato sul livello dei 30 dollari al barile, già tra qualche mese.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (2 votes cast)
Il Petrolio collassa verso nuovi minimi, 5.0 out of 5 based on 2 ratings

Non perderti gli altri articoli:

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.