Intervista esclusiva a Raffaele Settimio, Financial Advisor di Finanza&Futuro Banca

| 0 commenti

Il ruolo che riveste la consulenza finanziaria oggi non è assolutamente trascurabile, non solo per le famiglie ma, soprattutto per il mondo imprenditoriale.

Il risparmiatore deve necessariamente dedicare il tempo che merita al proprio patrimonio e dato che i bisogni di ciascuno di noi sono dinamici, gli investimenti devono considerare le diverse esigenze temporali.

E, nondimeno, è importante focalizzare la propria situazione personale nel valutare il rischio complessivo al quale si è esposti. Tutto questo si può realizzare grazie al supporto di un valido consulente finanziario bravo, capace e competente in grado svolgere il suo lavoro nella maniera più attenta e scrupolosa possibile.

La figura del Financial Advisor è evoluta nel tempo insieme all’evoluzione normativa del settore, alle esigenze della clientela (privata e/o business) e della tecnologia.

Il web offre una concreta possibilità di farsi un’opinione prima ancora di incontrare una persona: Google, Facebook, LinkedIn e altri Social Media non potevano non “travolgere” anche la figura del Consulente finanziario.

Tra gli strumenti Pull che un Consulente ha a disposizione oggi per farsi conoscere e per costruire e potenziare il proprio Personal Branding, tra i vari tool su cui fare leva si annoverano: il sito Internet, la community su Facebook, l’hashtag su Twitter, la pagina su LinkedIn, le presentazioni su Slideshare ed i video tutorial su YouTube.

Per Finanzadigitale.com pubblichiamo l’intervista al Dottor Raffaele Settimio, uno dei massimi esperti del settore della consulenza finanziaria, con un background esperienziale davvero eccellente, oggi Financial Advisor e Supervisore di Finanza e Futuro Spa Gruppo Deutsche Bank.

Raffaele Settimio: l’intervista per FinanzaDigitale.com

D: Buongiorno Gentilissimo e grazie per la Sua squisita disponibilità, Lei è un Consulente finanziario con pluriennale esperienza, secondo Lei come ha impattato l’utilizzo dei Social Media e della Comunicazione 4.0 sulla figura e sulla professione del Promotore finanziario?

R: Sicuramente l’utilizzo dei Social Media sarà sempre più impattante: gli Smartphone sono diventati oramai delle piccole “televisioni”, che ci fanno quasi dimenticare di avere una televisione a casa! Per la nostra professione di Promotori Finanziari dobbiamo attendere ancora qualche anno per avere un’inerazione efficace con la clientela stessa. Per il momento mi ritengo abbastanza soddisfatto dei risutati ottenuti grazie ai Social Media.

D: Lei ha un sito personale (http://www.raffaelesettimio.it/) ben fatto dove mette in evidenza la sua formazione costante ed il suo ruolo chiave di Consulente Finanziario, pensa che lo stesso sito sia un valido tool a Sua disposizione per costruirsi un “brand” ovvero una visibilità che lo aiuti a rafforzare il rapporto con la clientela acquisita e potenziale?

R: Grazie, il sito mi aiuta a presentarmi e a farmi conoscere; oggi le esperienze sono fondamentali e cerco di mantenere una buona reputazione, sperando di conservare sempre una buona reputazione dei miei clienti e dei colleghi che lavorano con me.

D: Cosa significa lavorare per un grande gruppo come Finanza & Futuro? Che impatto ha sulla comunicazione che instaura con il cliente?

R: Il gruppo è molto grande ed ha una prospettiva di crescita interessante […] già, a partire dal 2018, il nostro cliente si avvicina anche per il grande marchio che abbiamo alle spalle, è fuor di ogni dubbio!

D: Oltre ad essere un Consulente per le famiglie immagino che abbia anche da gestire portafogli di imprenditori, che tipo di prodotti richiedono maggiormente a tutela del bene aziendale? Quali sono quelli che consiglia maggiormente a questo target di clientela?

R: Gli imprenditori chiedono principalmente soluzioni assicurative con caratteristiche impignorabili e con le opzioni di rendita vitalizia. Da poco, poi, abbiamo i Piani Individuali di Risparmio (PIR) che offrono una fiscalità agevolata e, quindi, sono molto richiesti, pubblicizzati anche dallo Stato che, al contempo, garantisce un investimento sulle imprese italiane.

Dall’articolo che Finanzadigitale.com aveva pubblicato in precedenza (in data 9 settembre) si legge: “Tra le diverse alternative presenti sul mercato, i PIR, acronimo di Piani Individuali di Risparmio rappresentano una validissima alternativa e forma di investimento di medio-lungo termine da prendere in debita considerazione.

I Piani individuali di risparmio (Pir) stanno sempre più “trainando” la Borsa italiana, che dal mese di gennaio è una delle più performanti del continente, è quanto hanno osservato Gilberto Bassi, Manager di Copernico Sim, Pierluigi Lotti, consulente finanziario e Mario Fumei, Private banker in occasione del quarto e ultimo appuntamento “Investire in un mondo che cambia fra crisi bancarie e crescita delle Pmi”, tenutosi al Beach Aurora di Lignano Pineta da Eo Ipso Comunicazione ed Eventi.

[…] I PIR sono strumenti finanziari che consentono ai risparmiatori di beneficiare della detassazione a patto di mantenerli per almeno cinque anni e fino ad un tetto massimo di 30 mila euro l’anno. In caso di estinzione anticipata, si deve fare attenzione dato che le tasse sono ugualmente dovute (e con gli interessi).

L’altro grande vantaggio e lato positivo derivante dalla disciplina dei PIR, contenuta nella legge di bilancio 2017, è quello di puntare a fornire un valido supporto e sostegno all’economia domestica costituita in prevalenza dal tessuto di piccole e medie imprese che oggi fanno fatica e hanno difficoltà rilevanti nell’accedere al credito bancario per via delle rules e standard sanciti a livello comunitario, i quali impongono requisiti stringenti nell’erogazione del credito.”

D: Per il futuro della Sua Professione, come impatteranno le strategie di social media marketing?

R: Credo che avremo un futuro dinamico e flessibile, video chat con clienti, conferenze di aggiornamento, Video Educational di educazione finanziaria etc. etc. Cercherò di essere pronto! Grazie.

Il metodo infallibile di Raffaele Settimio

E’ indiscutibile per le persone carismatiche come Raffaele Settimio avere un metodo è la vera chiave di successo per arrivare ad ottimi risultati.

Ecco la ricetta per il buon Financial Advisor:

1) Parto dalle esigenze, trovo soluzioni e controllo i risultati … prima di agire bisogna ascoltare! […] Sebbene io possa aver chiari in mente i miei obiettivi, non potrò tracciare una rotta attendibile finchè non conosco il porto da cui sto salpando. Per questo chiedo al mio cliente di illustrarmi la situazione patrimoniale con la massima fiducia e trasparenza, senza nascondermi nulla. Potrò agire al meglio secondo i suoi interessi, tutelandolo e consigliandolo per il meglio.

  1. Trovo le migliori soluzioni
  2. Monitorare, sorridere e …. crescere!

Grazie a Raffaele Settimio per FinanzaDigitale.com.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (2 votes cast)
Intervista esclusiva a Raffaele Settimio, Financial Advisor di Finanza&Futuro Banca, 5.0 out of 5 based on 2 ratings

Non perderti gli altri articoli:

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.