Home / Criptovalute / Investire in criptovalute: guida per principianti

Investire in criptovalute: guida per principianti

Il mondo delle criptovalute o delle monete digitali è un mercato promettente che consente di introitare guadagni davvero interessanti, anche se non esenti da rischi e pericoli.

Per chi è alle prime armi e per chi desidera iniziare questa nuova “avventura” investendo sull’asset del momento, occorre prestare la dovuta attenzione al rischio intrinseco.

Una non conoscenza e la mancanza di una valida esperienza nel campo delle valute digitali può arrecare problemi di sicurezza per i principianti che decidono di investire su questo bene digitale.

Per quest’ordine di motivi, è bene seguire una guida ad hoc che fornisca una panoramica a 360 gradi del mondo delle criptovalute.

Ecco una guida utile per reperire tutte le informazioni per iniziare a fare trading online con l’asset più ambito e desiderato del momento: le monete virtuali, un nuovo interessante strumento di investimento davvero promettente.

Investire in criptovalute: definizione e caratteristiche

Primo step per il principiante che desidera iniziare ad intraprendere questa strada affascinante e tutta in salita è sapere che cosa siano le criptovalute.

Se ne sente parlare del Bitcoin (la moneta digitale Number 1), Ethereum, Monero, Litecoin, DASH etc. etc. ma, in effetti, non tutti sanno che cosa sia una valuta digitale e che cosa la differenzia dalle altre monete che utilizziamo quotidianamente per concludere acquisti online (Euro, Dollaro, Franco Svizzero, etc.).

Definizione Criptovalute

Cerchiamo di fornire subito una valida e semplice definizione che ti aiuti a capire meglio che cosa sia una criptovaluta.

Si definisce criptovaluta la moneta virtuale o asset digitale che sfrutta il sistema di crittografia per rendere assolutamente sicure ed anonime le transazioni finanziarie, la creazione di nuova moneta e la conclusione dei pagamenti digitali”.

La definizione sopra riportata dà una serie di informazioni rivelanti sulle caratteristiche distintive delle criptovalute rispetto a quelle legali, emesse dalle Banche Centrali.

Caratteristiche distintive delle valute digitali

Enucleiamo ad hoc le caratteristiche peculiari delle criptovalute:

  • Anonimato: molte valute digitali riescono a garantire un elevato livello di anonimato nella negoziazione di asset che avvengono tra gli user, anche per la conclusione di acquisti e vendite.
  • Sistema decentralizzato: rispetto alle normali valute, non esiste una Banca Centrale che si occupa di immettere denaro nel circuito e di controllarne il flusso.
  • Asset solo digitali: le monete virtuali non hanno alcuna controparte “fisica” e cartacea dato che tutte le transazioni e i Wallet o Borsellini sono elettronici ed assimilabili ai Conti Correnti bancari online. Consentono di concludere pagamenti digitali presso esercenti commerciali fisici o siti di E-Commerce.
  • Sicurezza: le transazioni che si concludono tramite criptovalute sono sicure.

Valute digitali: Tecnologia Blockchain

La funzione di pagamento digitale per cui sono nate le valute digitali del calibro del Bitcoin, Ethereum, Monero, etc. è solo una delle tante applicazioni della tecnologia blockchain.

Ma cos’è una blockchain? La possiamo definire come un registro pubblico ed immutabile, una “catena di blocchi” che può essere utilizzata per annotare dati di diverso tipo al fine ultimo di creare contratti “smart” o contratti intelligenti che funzionano in modo robotizzato.

Il blockchain è una base di dati simile ad un libro contabile decentralizzato utilizzabile per annotare le transazioni su diversi computer. Ciò consente agli utenti che utilizzano il blockchain di poter controllare le operazioni in modo economico, sicuro e vantaggioso.

Per questo utilizzo, il database sfrutta una rete Peer-to-peer che si collega ad un protocollo per procedere con la convalida dei nuovi blocks.

Si deve sottolineare il fatto che le varie criptovalute aumentano o diminuiscono di valore a seconda che le rispettive blockchain si dimostrino adatte a costruire i “contratti intelligenti”.

Investire sulle criptovalute: passi fondamentali

Per iniziare ad investire nelle valute digitali è necessario decidere su quale criptovaluta puntare tra le molteplici che possiamo reperire sul mercato.

Occorre aver accumulato del capitale risparmiato per avviare il progetto di investimento, oltre ad una buona pianificazione e selezione tra le diverse alternative offerte.

A seconda delle diverse esigenze occorre definire il quantum da investire settimanalmente o mensilmente.

Si proceda con l’iscrizione ad un e-Wallet o Borsellino elettronico di criptovalute (ad esempio: Coinbase, Bitfinex, Bittrex, etc.), si compili il form online e si associ un contatto email al portafoglio per poter richiedere e ricevere le criptovalute acquistate o da vendere.

Una buona prassi è quella di archiviare le monete digitali su un dispositivo hardware per non temere la minaccia di un attacco hacker ai server del sito dove si conservano gli asset.

Fare trading online con le criptovalute: quali Broker scegliere?

Oltre alla possibilità di aprire un e-Wallet, si può investire sulle criptovalute facendo trading online. Cosa significa? Fare trading online significa compravendere o negoziare con le monete virtuali o con Contract For Difference (CFD).

Basta individuare i Brokers più sicuri ed affidabili che permettono di utilizzare una Piattaforma di Trading online.

Si opti per i Broker che permettono di fare pratica con Conti demo prima di passare ad un conto reale (con soldi veri).

I migliori Broker con cui iniziare a fare trading online sono: eToro, Plus500, Option24, IQ Option, Trade.com, AvaTrade, etc.

Bitcoin: la criptovaluta per definizione

Sul mercato delle cryptovalute, il Bitcoin rimane la valuta digitale per definizione, la “dominatrice” nata per assomigliare all’oro con cui condivide la limitata disponibilità in termini quantitativi e l’enorme quantità di energia necessaria per “minarlo”.

Infatti, per minare il BTC occorrono computer sempre più potenti ed intelligenti per vincere il “match matematico” che consente di aggiudicarsi le criptovalute di nuova emissione.

Se originariamente il Bitcoin era stato concepito come un metodo di pagamento, negli ultimi anni a seguito dell’incremento vertiginoso nella quotazione, si è trasformato in un asset finanziario sempre più ambito dagli speculatori e dai trader.

Altre Criptovalute su cui investire

Oltre al Bitcoin è possibile investire anche su altre criptovalute o monete digitali tra cui l’Ethereum (ETH), coniata per creare contratti automatici.

Il Bitcoin Cash (BCH) è la neonata criptovaluta inaugurata il 1 Agosto 2017 come “sdoppiamento del Bitcoin (BTC)”;  Ripple (XRP) è un’altra moneta virtuale nata per essere impiegata in ambito bancario.

Acerrima concorrente del Bitcoin è il Litecoin che permette di eseguire con maggiore velocità le transazioni e di superare i suoi limiti tecnici.

Ad oggi, sono oltre mille le criptovalute ma potrebbero incrementare sempre di più e, nel prossimo futuro, togliere il primato al “Re delle monete virtuali”.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (2 votes cast)
Investire in criptovalute: guida per principianti, 5.0 out of 5 based on 2 ratings

About Jacqueline Facconti

Dr.ssa FACCONTI JACQUELINE. Laurea magistrale in STRATEGIA, MANAGEMENT E CONTROLLO conseguita con votazione 110 e lode, Master in Comunicazione, Impresa, Assicurazione e Banca. Web Editor e Web Content Manager, Redattore e cultrice di materie economiche, finanza, assicurazione e merceologia. Esperta in Quality e Human Resource Management, scrittrice professionista.

Check Also

Investire 5000 euro: quali consigli utili per il 2018?

Per i soggetti risparmiatori che hanno accumulato un capitale finanziario di 5000 euro e necessitano …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *