Italia: PMI, Prematuro Parlare di Ripresa

| 0 commenti

Italia: PMI, Prematuro Parlare di Ripresa

Sale ai massimi degli ultimi 16 mesi l’indice PMI manifatturiero dell’eurozona a giugno, passato a 48,8 punti dai 48,3 di maggio. Il miglioramento del sentiment delle imprese sembra essere più marcato nei Paesi periferici rispetto a quelli core. In particolare segnaliamo dati in netto miglioramento per Irlanda, Grecia e Spagna. Da rilevare che in quest’ultimo caso il dato è tornato a quota 50 punti, proprio sulla soglia che fa da spartiacque tra espansione e contrazione.
Decisamente incoraggianti i dati italiani. I livelli di produzione hanno mostrato un ritorno alla crescita, mentre i nuovi ordini si sono attestati ai massimi degli ultimi 26 mesi.

I dati lasciano spazio a un cauto ottimismo. Sarebbe molto prematuro comunque parlare di ripresa in questo momento. Il termine stabilizzazione sarebbe certamente più appropriato. Probabilmente inizieremo a vedere segnali di rafforzamento solo in autunno, quando le misure adottate dal governo e le decisioni sul piano lavoro raggiunte nel Consiglio europeo della scorsa settimana inizieranno a produrre effetti. Prima di allora però la situazione rimane fragile e dati odierni rilasciati dall’Istat ne sono una dimostrazione. Il tasso di disoccupazione in Italia a maggio ha segnato un nuovo record storico, passando al 12,2% dal 12%. Rimane elevato anche il dato riferito alla disoccupazione giovanile (tra i 15 e i 24 anni), che si è attestato al 38,5%.

Continuiamo a credere che non ci può essere crescita senza un calo della disoccupazione e questo spiega la nostra view cauta sulla ripresa.

A cura di Vincenzo Longo, Market Strategist IG Markets Italia

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
Italia: PMI, Prematuro Parlare di Ripresa, 5.0 out of 5 based on 1 rating

Non perderti gli altri articoli:

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.