La holding italiana Gagoo di Andrea Pezzi continua a fare crescere il suo business

| 1 commento

La holding italiana Gagoo di Andrea Pezzi partecipata anche da Davide Serra, ha inventato un nuovo modello di fare business: con gli utili generati dalle partecipate finanzia nuove startup britanniche; ad oggi sono già quattro, tra cui TheOutplay.

La holding italiana controllata al 78% da Andrea Pezzi continua ad investire su nuove business idea: nel cuore della capitale londinese, Gagoo ha la vocazione di creare e di fare sviluppare le idee di business, in grado di facilitare la digital tranformation del mercato, ripensando al dna dell’impresa ed alla sua mission.

Pezzi ha voluto sottolineare “Noi siamo la cellula che permette alle aziende l’accelerazione in questa direzione”. Oggi Gagoo controlla tre società e partecipa con il 10% in CucuSports e nell’anno 2013 ha battezzato la holding TheOutplay, una piattaforma di precision marketing che conta 48 dipendenti. “Stiamo vagliando alcune offerte da parte di family office per velocizzare la nostra crescita come holding”, aggiunge Pezzi.

Il gruppo oggi vale più di 150 milioni e le prospettive di ricavi per l’esercizio corrente vedono una crescita a doppia cifra.

Una holding italiana in grado di crescere ed investire: Gagoo

Con gli utili di TheOutplay, la holding Gagoo ha battezzato nel 2015 Myintelligence (controllata con il 98,5%) “un sistema di data intelligenze”, questo sistema permette di riconoscere i devices utilizzati dagli utenti durante la fase di navigazione e di associare tale informazione ai dati contenuti nel database del CRM delle singole imprese.

Ciò consente alle imprese di riconoscere i clienti anche in un ambiente aperto; Myintelligence conta 27 dipendenti e lo scorso anno ha chiuso l’esercizio in maniera assolutamente positiva dal punto di vista degli utili d’esercizio.

Ultima nata è Shallet controllata al 93%, con profitti derivanti dalle altre due start up: “Fino ad oggi abbiamo preferito non distribuire dividendi e reinvestire gli utili in nuove attività, per continuare a crescere” ha affermato Pezzi.

TheOutplay: intervista a Andrea Pezzi

Gagoo è un’incubatrice e per questo motivo diversi family bankers stanno cercando di investire nella holding, con la possibilità di incrementare la capacità di accrescere il business.

Intanto, l’8 marzo è stata presentata alla Triennale di Milano il lancio di TheOutplay, il primo “content and audience exchange” sul mercato che fonda il proprio business sulla distribuzione e lo scambio di video tra editors e produttori di contenuti in tutto il mondo, sulla base di un meccanismo win-win fondato sulla condivisione dei ricavi pubblicitari ad essi associata.

In generale, posso dire che la crescita di TheOutplay nei vari Paesi segna un +300% rispetto allo stesso quartier del 2015, sia in termini di qualità degli accordi, sia per volumi di business fatturato. Questo conferma la bontà della strada intrapresa un anno fa, quando abbiamo messo in cantiere la rivisitazione della piattaforma e del nostro modello di business sul mercato”, ha affermato Pezzi in un’intervista e continua “La piattaforma di Content Exchange in release a giugno è un vero gioiello: immaginate di mettere insieme un Content Management System, un Ad-Server, una SSP e un sistema di Ad Analytics, il tutto segnato da una user experience semplicemente fantastica. Il Content Exchange segnerà decisamente uno spartiacque tra quello che sono state fino a oggi le piattaforme Ad Tech di video advertising e quelle di domani”.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Non perderti gli altri articoli:

Un commento

  1. Pingback: Settore assicurativo: tecnologie avanzate e nuovi modelli di business, quale scenario per il futuro?

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.