Mini guida ai mutui green

| 1 commento

Sono sempre di più in Italia i cittadini che decidono di farsi costruire una casa ecosostenibile realizzate in legno o comunque rispettando i canoni della bioedilizia. Il motivo di questo nuovo successo è dettato sia dalla necessità di costruire una casa più salubre sia dal desiderio di vivere in modo più rispettoso della natura e delle sue risorse. Farsi costruire una casa “green” oltre al fattore dell’ecosostenibilità, come ogni altra casa di nuova costruzione, mette davanti alla necessità di ottenere un mutuo o comunque un finanziamento. Insieme all’azienda Friul Wood House che si occupa della realizzazione di case in legno a Udine ci illustra qual è la situazione in Italia per quanto riguarda i cosiddetti mutui green.

Portale-del-Risparmio-10-2013

Sul mercato dei mutui e dei prodotti fondiari esistono già differenti soluzioni legate alla bioedilizia, sia che si voglia acquistare una seconda casa, che si voglia ristrutturarne una vecchia oppure che si voglia costruire una nuova abitazione.

Questi mutui sono tipicamente erogati a tassi molto agevolati ma solo a patto che l’immobile considerato ricalchi determinati standard energetici o rientri nella classe energetica A. Questo ovviamente impone l’installazione di impianti per il risparmio energetico ed un ottimo isolamento termico.




Ed ecco concretamente quali sono le realtà bancarie e finanziarie che si sono mosse in questo senso.

Si segnala in primis l’accordo tra Rubner Haus, una delle aziende leader e più avanguardistiche in Italia per quanto riguarda il settore delle case in legno, la società di consulente assicurativa e finanziaria Auxilia France. Questo accordo è stato pensato allo scopo di far ottenere ai clienti dell’azienda altoatesina con più facilità un mutuo per l’acquisto di una casa in bioedilizia, settore di cui le wooden house fanno parte. Una partnership che se da un lato vuole avvantaggiare i cittadini dall’altre vuole stimolare lo stagnante mercato immobiliare italiano.

Banco Popolare invece ha pensato nello specifico ad un mutuo legato alla costruzione di edifici in bioedilizia, un settore in cui il gruppo bancario crede molto. E’ così che ha visto la luce “MutuoBioedilizia” un prodotto fondiario con tasso fisso, variabile con opzione di passaggio a tasso fisso, il tutto proposto a condizioni decisamente vantaggiosa. Il mutuo copre fino al 70% del valore della costruzione o se minore del valore d’acquisto. In un arco di 25 anni sono finanziabili fino a 350.000 euro. Quanto alle condizioni che vengono applicate per Mutuo BioEdilizia a tasso fisso lo spread è pari al 2,00%, per il Mutuo BioEdilizia a tasso variabile lo spread varia dall’1,70% all’1,85%.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Non perderti gli altri articoli:

Un commento

  1. Pingback: Il processo di securitisation: vantaggi e benefici per il sistema bancario

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.