Home / Startup / Start Up innovative: Boom di iscrizioni nel 2017

Start Up innovative: Boom di iscrizioni nel 2017

Oltre 7000 le Start Up Innovative che, al 30 giugno, hanno inoltrato le candidature eguagliando la cifra registrata in tutto il 2016. Lo rivela il Ministero dell’Economia e dello Sviluppo Economico (MISE) che ha approntato online il secondo Report trimestrale inerente l’iscrizione delle Start Up VISA.
A metà anno il programma Italia Startup Visa, il quale è stato lanciato nel giugno del 2014, ha fatto registrare un totale di 252 candidature al 30 giugno 2017.

Rispetto al primo Report trimestrale (31 marzo 2017), l’incremento è stato pari a 30 unità.
A queste devono essere sommate le 61 candidature pervenute nel primo trimestre del corrente anno: l’ammontare globale delle richieste ricevute nell’anno 2017 ammonta a 91 e con questo dato, si sta eguagliando le 99 candidature pervenute nel corso dello scorso anno.
Questo è indice di un incremento del fenomeno e del successo del Programma Start Up Innovative, messo a punto tre anni fa e che, nel corso del tempo, ha dato i risultati tanto auspicati, confermati dal boom di iscrizioni nella sezione speciale del Registro delle Imprese dedicata alle startup innovative.

Focus II Trimestre Start Up Innovative: i cinesi sono i principali richiedenti

Come riportato dal MISE, al 30 giugno 2017 sono pervenute 252 domande di candidatura: di queste, 151 ovvero il 59,9% hanno avuto esito positivo, 78 (il 31%) hanno avuto esito negativo, mentre in altri 10 casi la procedura è decaduta.
Al netto delle domande presentate più di una volta dalla stessa persona, i richiedenti visto Start Up sono risultati ben 239 e provengono da 34 Paesi. Nel complesso, le candidature che hanno avuto successo sono state 151, con un tasso di approvazione del 60%.
La Cina con 60 candidature è il paese principali richiedente: ha superato la Russia, stabile a 54.
I principali beneficiari del programma Start Up Innovative presentano un elevato grado di istruzione: oltre il 90% detiene un titolo universitario, in più della metà dei casi equivalente o superiore alla laurea magistrale italiana. Le principali materie di specializzazione sono ingegneria e management.
Per quanto concerne la localizzazione geografica, il Secondo Report mette in evidenza che la meta preferita sia la Lombardia e altre regioni con una significativa presenza di detentori del visto startup sono il Veneto (20) e il Lazio (18, tutti nella Capitale).

Obiettivo del Programma Start Up Innovative

Partito nel giugno 2014, il Programma Start Up Innovative, la finalità principale è quella di rendere l’Italia un Paese più ospitale per le nuove imprese innovative, digitali, industriali, artigianali, sociali, legate al commercio o all’agricoltura, o ad altri settori dell’economia.
Ciò significa intraprendere ed innescare un’inversione di tendenza in termini di crescita economica e di occupazione, soprattutto giovanile. Il nostro Paese deve diventare più veloce e dinamico, capace di tornare a scommettere sulle sue energie migliori.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
Start Up innovative: Boom di iscrizioni nel 2017, 5.0 out of 5 based on 1 rating

About Jacqueline Facconti

Dr.ssa FACCONTI JACQUELINE. Laurea magistrale in STRATEGIA, MANAGEMENT E CONTROLLO conseguita con votazione 110 e lode, Master in Comunicazione, Impresa, Assicurazione e Banca. Web Editor e Web Content Manager, Redattore e cultrice di materie economiche, finanza, assicurazione e merceologia. Esperta in Quality e Human Resource Management, scrittrice professionista.

Check Also

Premio Gamma Donna 2017: candidati come start upper, scade il 19 settembre 2017!

Sei una giovane imprenditrice innovativa? Allora, sei proprio capitata nella giusta guida dato che puoi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *