Home / Appuntamenti / Voucher Digitalizzazione Imprese e Professionisti 2018: via alle istanze

Voucher Digitalizzazione Imprese e Professionisti 2018: via alle istanze

A partire dal 15 gennaio 2018 è possibile compilare sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico le domande per richiedere il Voucher digitalizzazione, il quale prevede un’agevolazione pari al 50% dell’importo destinato (fino ad un massimo di 10 mila euro) per gli investimenti sostenuti dalle Imprese e Professionisti volti ad ammodernare la strumentazione e l’organizzazione aziendale mediante l’utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro.

Quali investimenti rientrano nel Voucher Digitalizzazione?

Sono oggetto di agevolazione tutti gli investimenti sostenuti dalle Imprese e dai Professionisti effettuati per l’acquisto di:

  • Hardware, software e servizi di consulenza specialistica per il miglioramento dell’efficienza aziendale; modernizzazione dell’organizzazione del lavoro; sviluppo di soluzioni di e-commerce,
  • Spese per la partecipazione a corsi e per l’acquisizione di servizi di formazione qualificata in funzione dell’ICT (a favore di titolari, legali rappresentanti, amministratori, soci, dipendenti dell’impresa beneficiaria),
  • Spese di attivazione del servizio per la connettività alla banda larga o per le spese una tantum

L’articolo 7 dello stesso Decreto 23 settembre 2014 prevede come sintetizzato nella tabella seguente:

 Voucher Digitalizzazione: spese ammissibili

Ambiti di attività Spese ammissibili
a)     miglioramento dell’efficienza aziendale

b)    modernizzazione dell’organizzazione del lavoro

c)     sviluppo di soluzioni di e-commerce

Hardware, software e servizi di consulenza specialistica
d)       connettività a banda larga e ultralarga

Le spese relative a tale ambito sono ammissibili solo se strettamente correlate agli ambiti di attività a), b) e c)

 

Spese di attivazione del servizio per la connettività sostenute una tantum (con esclusivo riferimento ai costi di realizzazione delle opere infrastrutturali e tecniche e ai costi di dotazione e installazione degli apparati necessari alla connettività a banda larga e ultralarga)
e)       collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare

Le spese relative a tale ambito sono ammissibili solo se strettamente correlate agli ambiti di attività a), b) e c)

 

Spese relative all’acquisto e all’attivazione di decoder e parabole per il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare
f)        formazione qualificata nel campo ICT del personale

Le spese relative a tale ambito sono ammissibili solo se attinenti ai fabbisogni formativi strettamente correlati agli ambiti di attività a), b), c), d) ed e)

 

Spese per la partecipazione a corsi e per l’acquisizione di servizi di formazione qualificata (a favore di titolari, legali rappresentanti, amministratori, soci, dipendenti dell’impresa beneficiaria)

Chi può accedere al Voucher IT?

Possono presentare l’istanza per richiedere il Voucher IT o Voucher Digitalizzazione tutte le micro, piccole e medie imprese costituite in qualsiasi forma giuridica; anche i Professionisti possono compilare la domanda per fare richiesta dell’agevolazione.

Sul sito del MISE si legge che “ai fini dell’accesso alle agevolazioni, le imprese sono tenute al rispetto di tutti i requisiti individuati all’articolo 5 del decreto 23 settembre 2014 (Società tra Professionisti NdR), tra cui è previsto l’obbligo, alla data di presentazione dell’istanza di Voucher, di essere iscritti al Registro delle imprese. Pertanto, gli studi professionali e, più in generale, i liberi professionisti possono accedere alle agevolazioni solo qualora svolgano la propria attività in forma di impresa e siano iscritti, alla data di presentazione della domanda, al Registro delle imprese“.

Presentazione delle Domande per richiedere il Voucher Digitalizzazione

Le domande per l’accesso al Voucher IT devono essere presentate esclusivamente attraverso la procedura informatica, accendendo nell’apposita sezione “Accoglienza Istanze” e cliccando sulla misura “Voucher per la digitalizzazione”; si ricorda che tale funzionalità è già disponibile a partire dalle ore 10:00 del 15 Gennaio 2018. La trasmissione della domanda è consentita a partire dalle ore 10.00 del 30 Gennaio 2018 e fino al termine ultimo delle ore 17.00 del 9 febbraio 2018.

Per accedere alla procedura telematizzata occorre essere in possesso oltre che di una casella PEC attiva e registrata nel Registro delle imprese, anche della Carta nazionale dei servizi e del relativo PIN rilasciato con la stessa. Il MISE raccomanda di procedere alla compilazione della domanda e alla firma digitale della stessa tempestivamente, così da avere tutto il tempo per risolvere eventuali criticità.

Per fruire di un supporto tecnico relativo all’accesso alla procedura informatica e alla compilazione delle istanze scrivere a: voucherdigitalizzazione.istanzedgiai@mise.gov.it oppure chiamare al numero 06-64892998.

Voucher IT: chiarimenti per le Reti d’Impresa

Come previsto dall’articolo 5 del decreto 23 settembre 2014 possono essere destinatarie del Voucher digitalizzazione le imprese costituite in qualsiasi forma giuridica.

Pertanto, possono accedere alle agevolazioni anche le reti d’impresa dotate di soggettività giuridica (cd. reti-soggetto) iscritte al Registro delle imprese. Sono invece escluse dalle agevolazioni le reti d’impresa non dotate di soggettività giuridica (cd. reti-contratto).

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
Voucher Digitalizzazione Imprese e Professionisti 2018: via alle istanze, 5.0 out of 5 based on 1 rating

About Jacqueline Facconti

Dr.ssa FACCONTI JACQUELINE. Laurea magistrale in STRATEGIA, MANAGEMENT E CONTROLLO conseguita con votazione 110 e lode, Master in Comunicazione, Impresa, Assicurazione e Banca. Web Editor e Web Content Manager, Redattore e cultrice di materie economiche, finanza, assicurazione e merceologia. Esperta in Quality e Human Resource Management, scrittrice professionista.

Check Also

Investire 5000 euro: quali consigli utili per il 2018?

Per i soggetti risparmiatori che hanno accumulato un capitale finanziario di 5000 euro e necessitano …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *