Bonus 200 euro: al via oggi le domande per autonomi e professionisti

Dalle ore 12.00 di oggi parte il bonus da 200 euro previsto dal Decreto Aiuti bis. Autonomi e professionisti potranno richiedere il contributo effettuando la domanda sul sito dell'INPS o su quella della propria cassa di previdenza.

bonus 200 euro

Al via oggi, dalle ore 12.00, le domande per ottenere il bonus 200 euro previsto dal Governo Draghi ed inserito nel Decreto Aiuti bis, a sostegno di autonomi e professionisti che hanno subito i rincari determinati dalla forte pressione inflazionistica.

I lavoratori autonomi iscritti all’INPS ed i professionisti potranno richiedere il bonus da 200 euro collegandosi sul sito dell’ente pensionistico.

Oltre ai lavoratori dipendenti, la platea si è estesa anche ad autonomi e professionisti che devono rispettare i requisiti stabiliti dal decreto governativo affinché possano rientrare tra i beneficiari del contributo e non ritrovarsi costretti a dover restituire il bonus 200 euro indebitamente percepito.

A chi spetta il bonus 200 euro

A chi spetta il bonus 200 euro

Potranno effettuare la domanda dalle ore 12.00 del 26 settembre 2022 e percepire il bonus da 200 euro lavoratori autonomi e professionisti che rispettano specifici requisiti.

A chi spetta il bonus 200 euro? Tra i requisiti imposti dal Governo che consentono ad autonomi e professionisti di ottenere il bonus da 200 euro vige il rispetto del tetto massimo di 35 mila euro di reddito, in riferimento all’anno di imposta del 2021.

Secondo quanto stimato e diffuso agli organi di informazione, i potenziali beneficiari che rientrano all’interno dei parametri inseriti dal Governo all’interno del Decreto Aiuti bis sarebbero circa 3 milioni.

Inoltre, viste le novità introdotte recentemente nel Decreto Aiuti ter 2022, che prevedono un bonus aggiuntivo da 150 euro per i redditi inferiori a 20mila euro, il sussidio economico potrebbe raggiungere i 350 euro complessivi una tantum per gli aventi diritto.

Il Governo ha deciso di intervenire con il bonus 200 euro ed il bonus 150 euro per sostenere i contribuenti che hanno patito il forte incremento dei prezzi e la diminuzione del potere d’acquisto.

Bonus 200 euro partite IVA INPS: come richiederlo

Come compilare la domanda e richiedere il bonus 200 euro

A partire dalle ore 12.00 del 26 settembre sarà possibile anche per autonomi e professionisti effettuare la domanda sul sito dell’INPS.

La procedura per l’invio della domanda è esclusivamente online e basta semplicemente collegarsi sul sito web Inps oppure sulla piattaforma delle casse previdenziali di appartenenza, di seguito elencate:

  • Cnpadc: commercialisti;
  • Enpacl: consulenti del Lavoro;
  • ENPAV: veterinari;
  • ENPAP: psicologi;
  • ENPAB: Biologi;
  • EPAP: geometri;
  • Cassa Forense.

In caso di iscrizione multipla, sia all’INPS che in una delle suddette casse di previdenza, la domanda per ottenere il bonus governativo deve essere fatta esclusivamente sul sito INPS.

Bonus 200 euro e Bonus 150 euro cumulabili

Bonus 200 euro e Bonus 150 euro

Autonomi e professionisti che nell’anno di imposta 2021 non hanno superato il reddito di 35 mila euro potranno ottenere il bonus da 200 euro, mentre gli stessi che lo scorso anno non hanno superato il reddito di 20 mila euro potranno beneficiare del bonus 150 euro.

Il bonus 200 euro del Decreto Aiuti bis e il bonus 150 euro del Decreto Aiuti ter possono essere cumulabili anche per chi ha una Partita IVA, ottenendo così la cifra complessiva di 350 euro una tantum, purché siano rispettati i tetti reddituali prestabiliti dal Governo.

Jacopo Marini

Trader, opinionista ed esperto di mercati azionari e criptovalute. Uno dei primi investitori in Italia a credere in Bitcoin e diventarne un profondo conoscitore. Collabora con FinanzaDigitale dal 2014.

Lascia un commento

Altri Articoli Su Finanza Digitale