Reddito di cittadinanza: le proposte dei partiti in vista delle elezioni 2022

Il Reddito di Cittadinanza infiamma la campagna elettorale in vista delle prossime elezioni del 2022. Cosa intendono fare i vari partiti? Chi è pro e chi contro il RdC.

reddito di cittadinanza

Il Reddito di Cittadinanza, fortemente voluto dal Movimento 5 Stelle ed introdotto dal Governo Conte per sostenere i disoccupati, è uno degli argomenti più discussi della campagna elettorale in vista delle prossime elezioni nazionali 2022.

Dopo le dimissioni di Draghi, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha sciolto le Camere ed assegnato al Governo il compito di traghettare il Paese verso le prossime elezioni che si terranno il prossimo 25 settembre 2022.

Tra i temi più scottanti che coinvolgono l’opinione pubblica e suscitano di conseguenza l’interesse dei partiti, non poteva che essere sulla bocca di tutti il Reddito di Cittadinanza, misura volta al sostegno di milioni di cittadini ma che non trova d’accordo tutti i partiti politici.

Se da un lato il Movimento 5 Stelle insiste a tutti i costi nel confermare il Reddito di Cittadinanza, molti altri partiti intendono modificarlo, migliorarlo e addirittura abolirlo.


La posizione di M5S, FdI e FI sul Reddito di cittadinanza

La posizione dei partiti su Reddito di cittadinanza

Entriamo nel dettaglio per capire quale posizione assumono i vari partiti sul tema caldo del Reddito di Cittadinanza che riguarda tutti i percettori che potrebbero non beneficiare più della misura adottata dal Governo Conte.

L’ex Premier Giuseppe Conte, oggi alla guida del Movimento 5 Stelle, ha ribadito e sottolineato l‘assoluta volontà di confermare il Reddito di Cittadinanza che secondo il M5S ha salvato dalla povertà assoluta circa 1 milione di italiani.

Attraverso gli organi di stampa, Conte aggiunge che il Movimento 5 Stelle è fermo sulla volontà non solo di garantire nel prossimo quinquennio il RdC, ma anche di incrementarlo con maggiore gettito economico a beneficio di quanti avranno i requisiti per ottenerlo.

Non è dello stesso avviso Fratelli d’Italia, il partito guidato da Giorgia Meloni che secondo le ultime proiezioni potrebbe essere il primo partito d’Italia alle prossime elezioni 2022, nonostante l’assoluta posizione volta a modificare integralmente il Reddito di Cittadinanza.

Secondo FdI, il RdC è stato un vero e proprio fallimento che ha incrementato il lavoro nero e giovani disoccupati che preferiscono percepire il Reddito ai consueti lavori stagionali.

Secondo Fratelli d’Italia, il Reddito di Cittadinanza dovrebbe essere contenuto e mirato, rivolto solamente agli over 60, ai disabili e alle famiglie che non percepiscono reddito ma che hanno minori a carico.

Rimanendo all’interno della coalizione del centro-destra, Antonio Tajani, braccio destro di Silvio Berlusconi ed attualmente alla guida di Forza Italia, presenta un piano sul Reddito di Cittadinanza volto a favorire i pensionati che hanno lavorato per tutta la vita, anziché sostenere giovani che sono perfettamente in grado di lavorare.

Lega, PD e Terzo Polo sul Reddito di Cittadinanza

reddito di cittadinanza elezioni 2022 partiti

Matteo Salvini, uomo simbolo della Lega, sembra essere più propenso a mantenere il Reddito di Cittadinanza, ma erogandolo solo ed esclusivamente a chi non può lavorare, mentre per tutti gli altri percettori il RdC decade se si dovesse rifiutare la prima proposta di lavoro.

Sul versante del centro-sinistra, il Partito Democratico guidato da Entrico Letta si pone favorevole a mantenere il Reddito di Cittadinanza, ma attuando delle misure correttive che possano sostenere anche famiglie numerose con basso reddito e con minori a carico.

Carlo Calenda alla guida di Azione e Matteo Renzi di Italia Viva sembrano aver trovato una quadra circa il Reddito di Cittadinanza, volto esclusivamente al sostegno di coloro i quali sono impossibilitati a lavorare e che necessitano di un sostegno economico da parte dello Stato.

Non resterà che attendere circa un mese per scoprire chi alle prossime elezioni del 25 settembre 2022 sarà chiamato a Governare l’Italia e la questione relativa al Reddito di Cittadinanza potrebbe anche fungere da ago della bilancia.

Achille Bellelli

Imprenditore tech e investitore indipendente, esperto in criptovalute e strumenti di trading speculativo. Scrive per FinanzaDigitale e altri magazine economici.

Lascia un commento

Altri Articoli Su Finanza Digitale