Diritto di Oblio: Che cos’è il Diritto di Oblio

Diritto di oblio: che cos'è e come funziona

Diritto di Oblio

Il Diritto di Oblio è un principio legale che consente agli individui di richiedere la rimozione di informazioni personali obsolete o irrilevanti dai risultati dei motori di ricerca. Questo diritto è particolarmente rilevante nell’era digitale, dove le informazioni possono essere facilmente accessibili e distribuite su larga scala.

Funzione del Diritto di Oblio

Il Diritto di Oblio serve a bilanciare il diritto alla libertà di espressione e il diritto alla privacy. Permette alle persone di controllare la loro reputazione online e proteggere la loro privacy, richiedendo la rimozione di informazioni personali che potrebbero danneggiare la loro reputazione o causare disagio.

Applicazione del Diritto di Oblio

L’applicazione del Diritto di Oblio varia a seconda della giurisdizione. Nell’Unione Europea, ad esempio, il diritto di oblio è sancito dal Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (GDPR). Gli individui possono presentare una richiesta di rimozione a un motore di ricerca, che deve poi valutare la richiesta e decidere se le informazioni in questione sono obsolete, irrilevanti o eccessive.

Limitazioni del Diritto di Oblio

Nonostante il suo valore, il Diritto di Oblio ha delle limitazioni. Non tutte le richieste di rimozione devono essere accettate. Ad esempio, se le informazioni sono di interesse pubblico, come nel caso di personaggi pubblici o di reati gravi, il diritto alla libertà di espressione può prevalere sul diritto all’oblio. Inoltre, il diritto di oblio si applica principalmente ai motori di ricerca, e non necessariamente a tutte le piattaforme online.