Gruppo ISP SMS: la truffa dei falsi messaggi

L’SMS con il mittente Gruppo ISP è oggi utilizzato dagli hacker per truffare i clienti di Intesa Sanpaolo. Ecco come riconoscere il messaggio fake e difendersi.

Gruppo ISP sms

Consocerai di sicuro il Gruppo ISP, ovvero Intesa Sanpaolo. Con oltre 13,5 milioni di correntisti in Italia, è tra le banche più solide e più utilizzate.

Se hai aperto un conto corrente online o in una delle filiali, forse ti sarai trovato a ricevere un SMS con mittente Gruppo ISP, con un messaggio dubbio. In alcuni casi ti viene comunicato un acceso anomalo sul tuo conto. In altri verrai avvertito che la carta è stata bloccata, richiedendoti di inserire dei dati riservati.

Stai attento: è una truffa che ha già colpito centinaia di correntisti ignari, la quale sfrutta strategie come il phishing, ovvero l’utilizzo di SMS per carpire informazioni dai clienti. Cosa fare per riconoscerla? Come comportarsi se ricevi questo messaggio? Nella nostra guida avrai tutte le informazioni utili per proteggere i tuoi soldi.


Gruppo ISP SMS: cos’è

Cos'è l'sms Gruppo ISP

L’istituto bancario Intesa Sanpaolo nasce nel 2007 dalla fusione di Banca Intesa e Sanpaolo Imi, combinando la tradizione di una delle banche più antiche d’Italia, il Sanpaolo di Torino, nata nel 1563, con l’innovazione. Oggi la società è quotata in borsa al FTSE MIB, con il codice ISP e una capitalizzazione di oltre 46 miliardi.

Un gruppo che negli ultimi mesi è stato sotto i riflettori, date le sue esposizioni in Russia e in Ucraina, anche se le ultime trimestrali sono state positive, con un +8,4%. Oggi, se sei un correntista, dovrai fare attenzione ai tentativi di truffa di hacker che sfruttano l’SMS Gruppo ISP. Infatti, questo termine identifica proprio il servizio di messagistica di Intesa Sanpaolo.

Attraverso di esso, vengono effettuate comunicazioni, come la conferma di una transazione, l’importo prelevato presso un ATM o notizie di servizio. Potrai ricevere anche un SMS Gruppo ISP per i codici di verifica OTP, necessari per l’autenticazione a due fattori.

Questo sistema è indispensabile per avere la massima sicurezza nelle attività che svolgerai sulla tua home banking, dato che dovrai confermarle attraverso una password dispositiva. Ovviamente, in quanto correntista, avrai familiarità con questa tipologia di messaggio. Su questo si sono basati i truffatori al fine di far cadere in errori gli utenti. Vediamo come funziona la truffa.

Gruppo ISP SMS: truffa

Dalle truffe sul trading a quelle sui servizi di home banking. Il fine è unico: quello di ottenere la password e il codice di accesso per entrare nel tuo conto corrente online Intesa Sanpaolo. Infatti, l’SMS Gruppo ISP viene utilizzato per attivare un attacco di smishing.

Questo termine identifica un sistema attraverso cui verrà utilizzato un cellulare come mezzo per portare a termine la truffa, simile a quello delle e-mail, definito invece come phishing.

Smishing Gruppo ISP2

La truffa prevede l’utilizzo di diversi sistemi, rendendo spesso difficile distinguere tra l’SMS reale e quello invece inviato da un malintenzionato. Il punto di partenza è quello di inviarti un messaggio di allerta, che ha il fine di spingerti a compiere un’azione specifica.

Ecco quali sono alcuni degli SMS più comuni ricevuti dai correntisti Intesa Sanpaolo:

  • attenzione, conto sospeso;
  • carta bloccata;
  • accesso anomalo da parte di un altro soggetto.

Gruppo ISP SMS conto sospeso

Avere la massima libertà di utilizzare i propri soldi per le spese quotidiane o per le proprie attività professionali è quello che spinge gli utenti ad utilizzare uno dei migliori conti online, come quello del Gruppo ISP.

Quindi ricevere un messaggio in cui ti viene comunicato il blocco del tuo account, deve essere il primo segnale per identificare che questo SMS non proviene dalla tua banca.

Infatti, un conto bancario aziendale o personale potrà essere bloccato solo nel caso in cui vi siano transazioni dubbie e violazioni ai regolamenti europei contro l’anti-riciclaggio. In ogni caso, un istituto bancario ti comunicherà questa intenzione dai 15 ai 30 giorni prima, via e-mail o con un raccomandata market, chiedendoti di fornire una serie di giustificazioni ai tuoi movimenti.

Gruppo ISP SMS carta bloccata

Sms Gruppo ISP carta bloccata

Tra gli SMS con mittente Gruppo ISP più impiegati per le truffe vi è quello che prevede il messaggio carta bloccata. Ti verrà richiesto di inserire gli estremi della tua tessera Intesa Sanpaolo per attivare di nuovo il servizio.

In questo caso si utilizza la leva psicologica sull’impiego di uno degli strumenti economici indispensabili per le spese quotidiane, come le carte di pagamento. Infatti, devi considerare che, in caso di problematiche sulla carta, potrai ricevere un messaggio da Intesa Sanpaolo, ma la procedura di sblocco avverrà sempre utilizzando l’app del Gruppo e accedendo con le tue credenziali. Non ti verrà mai richiesto di inserire, su link esterni, le chiavi di accesso, proprio per sicurezza.

Conto ISP SMS accesso anomalo

Altro esempio di SMS truffa, con mittente Gruppo ISP, è quello contenente un avviso di un accesso anomalo al conto. Forse ti sarà capitata la stessa cosa per il tuo account Facebook o per quello Google.

Il sistema è simile. Viene creata un’urgenza di cambiare le password al fine di evitare che un utente estraneo utilizzi il tuo conto, inserendo la tua password e il codice PIN per accedere alla tua app di home banking.

Ovviamente è solo un sistema per avere i tuoi dati. Ribadiamo che il Gruppo Intesa Sanpaolo non prevede questa tipologia di SMS, dato che l’accesso alla tua piattaforma è estremamente sicuro grazie alla verifica a doppio fattore.

Nella pratica, un malintenzionato, per entrare nel tuo conto, dovrebbe avere in contemporanea questi tre elementi:

  1. PIN;
  2. password;
  3. disporre del tuo cellulare.

Come riconoscere la truffa SMS Gruppo ISP

Riconoscere la truffa sma

Sono diversi gli aspetti che ti possono aiutare a riconoscere un SMS Gruppo ISP truffa. Ecco quali sono alcuni elementi che potrai subito rilevare:

  • verificare il mittente;
  • controllare gli errori presenti sul messaggio;
  • inserimento di password e PIN di accesso;
  • richiesta di installazione applicazioni extra.

Spesso, anche se il mittente è indicato come il Gruppo ISP, il numero di cellulare non corrisponderà a quello di altri messaggi ricevuti, come quando ricevi il codice OTP. Ti basterà confrontarli per evidenziare che qualcosa non è regolare.

In particolare, se noti il prefisso, questo farà riferimento quasi sempre a un Paese estero, come la Tunisia o uno dell’est Europa. Inoltre, vicino al nome è presente un punto o un altro simbolo, che spesso viene scambiato per un errore d’invio.

Altro elemento che ti può mettere in allerta è il testo del messaggio. Troverai diversi errori, come lettere maiuscole al centro di parole o termini scritti in maniera imprecisa. Anche la richiesta del messaggio è un elemento da utilizzare per identificare il tentativo di truffa.

Infatti, tutte le banche riconosciute e affidabili non prevedono la conferma delle credenziali di accesso attraverso un SMS o un’e-mail, ma questo procedimento può avvenire solo dalla home banking e previa conferma attraverso codice OTP.

Infine, la presenza di un link allegato all’interno dell’SMS è tipica di un sistema di smishing. Questo potrà essere:

  1. un link di invio a una pagina esterna;
  2. una richiesta di installazione di un’applicazione.

Nel primo caso, sarai mandato su una pagina che assomiglia a quella di Intesa Sanpaolo, ma sarà gestista dagli hacker. Invece, con l’istallazione dell’applicazione, verrà inserito un bot, ovvero un malware all’interno del tuo cellulare, che permetterà al truffatore di copiare i tuoi dati di accesso.


Cosa fare se si riceve il messaggio truffa Gruppo ISP

Come comportarsi con sms Gruppo ISP

Nel momento in cui hai ricevuto un SMS Gruppo ISP truffa, è importante non inserire informazioni. Ecco quali sono gli step da seguire:

  1. bloccare il numero di cellulare;
  2. contattare il servizio clienti del Gruppo Intesa Sanpaolo;
  3. cancellare il messaggio.

Il primo passo è quello di bloccare subito il numero di cellulare, in modo da evitare eventuali nuovi messaggi di smishing. Una volta completata questa operazione, potrebbe essere utile contattare il servizio clienti per verificare subito l’eventuale truffa, comunicando di essere il destinatario di questa tipologia di messaggio.

Ora che hai la conferma di aver ricevuto un messaggio da un soggetto terzo e non collegato alla banca, potrebbe essere utile segnalarlo anche alla polizia postale. Infine, ti consigliamo di fare uno screenshot e cancellare subito il messaggio.

Ben diversa è la situazione in cui involontariamente ti sei trovato a cliccare sul link o inserire le credenziali. La prima operazione da fare è quella di rientrare subito sul tuo conto attraverso l’home banking e cambiare la password.

Inoltre, ti consigliamo di bloccare la carta disabilitando dall’app tutte le funzionalità. Può essere utile anche segnalare l’accaduto al servizio clienti e procedere con l’operatore a un reset dei codici di accesso del conto e della carta.

Nel caso in cui avessi subito un danno economico, con una sottrazione di denaro dal conto o pagamenti non autorizzati, dovrai subito segnarlo al servizio clienti ed effettuare la denuncia alle autorità competenti, per richiedere un eventuale rimborso.

Gruppo ISP sms: domande frequenti

Come bloccare gli SMS Gruppo ISP truffa?

Per bloccare il mittente dell’SMS Gruppo ISP sia nei sistemi iOS, sia in quelli Android, ti basterà accedere alla conversazione, evidenziare il mittente e selezionare la voce blocca mittente.

Come riconoscere l’SMS Gruppo ISP truffa?

Potrai riconoscere l’SMS Gruppo ISP truffa attraverso diversi parametri, che potrai trovare all’interno della nostra guida.

Come comportarsi se si riceve un SMS Gruppo ISP carta bloccata?

Sarà importante non inserire i dati che vengono richiesti e segnalare il mittente al servizio clienti del Gruppo ISP per la tutela dello smishing.

Paolo Serafini

Trader, esperto di borse e forex

Trader, esperto di borse e forex con un passato da consulente finanziario. Collabora con FinanzaDigitale, scrive libri e investe sui mercati mondiali.

Lascia un commento