KodaKOne & KodakCoin: quali potenzialità della nuova criptovaluta per i fotografi?

Come correre al riparo e proteggere la creatività alla base della professione del fotografo? La risposta proviene dalla grande KodaK che ha lanciato la Piattaforma KODAKOne e la criptovaluta KODAKCoin.

La storica multinazionale della pellicola Kodak brevetta un sistema per la gestione dei diritti delle fotografie e punta ad attaccare il mercato digitale: è subito un successone in Borsa.

Il KodakCoin è una “criptovaluta fotocentrica” che consentirà ai fotografi e agenzie di detenere un maggiore controllo nella gestione dei diritti dell’immagine.

Cosa c’è da attendersi da questo interessante lancio sul mercato delle criptovalute? Riuscirà la Kodak nel suo intento ad attaccare il mercato digitale? Vediamo cosa bolle in pentola.

Piattaforma KodaKOne: Tecnologia all’avanguardia

Utilizzando la tecnologia blockchain, la piattaforma KODAKOne fornisce la scansione continua del web per monitorare e proteggere l’IP delle immagini registrate nel sistema KODAKOne.

Quando viene rilevato l’utilizzo senza licenza di immagini, la piattaforma KODAKOne può gestire in modo efficiente il processo post-licensing per premiare i fotografi.

Sulla piattaforma KodakOne i professionisti possono registrare lavori vecchi e nuovi su un “libro mastro criptato e digitale per la proprietà dei diritti e, attraverso la criptovaluta i fotografi possono ricevere pagamenti per l’autorizzazione all’uso dei propri lavori subito dopo la vendita e sia i professionisti, sia gli operatori amatoriali possono vendere le proprie opere in sicurezza attraverso una piattaforma certa di blockchain”, spiega la stessa multinazionale.

Inoltre, la community sarà supportata da una serie di vantaggi esclusivi disponibili dato che è prevista una Initial Coin Offering (ICO).

LEGGI TUTTO
Il G8 contro i Paradisi Fiscali

Strategia di Eastman Kodak: obiettivi

Qual è la nuova criptovaluta lanciata da Eastman Kodak?

KodakCoin è il tentativo di Eastman Kodak di esordire sul mercato delle criptovalute con uno strumento che consenta di aiutare i fotografi a rintracciare l’uso delle loro immagini.

Kodak non è la prima azienda a fare questo “salto” sorprendente sul mercato delle criptovalute: anche la Long Island Iced Tea Corp. ha dichiarato di voler cambiare la sua ragione sociale in Long Blockchain Corp., poiché vuole concentrarsi maggiormente sulla tecnologia blockchain, continuando a produrre bevande. Le sue azioni intanto sono quasi triplicate dopo aver dato l’annuncio agli stakeholders.

Il CEO di Kodak, Jeff Clarke, ha dichiarato: “Con una nuova piattaforma come KodakOne è fondamentale che i fotografi sia no supportati nel loro lavoro e i loro guadagni sia gestiti in modo sicuro e affidabile: è questo l’obiettivo che vogliamo raggiungere con KodakCoin“.

KodakCoin: Qual è il valore della nuova criptovaluta?

Kodak sta collaborando con WENN Digital per lanciare un’ICO sul mercato; tuttavia, non c’è ancora alcuna data sicura e stabilita a priori: ciò che significa che i potenziali investitori dovranno ancora attendere.

Il valore di KodakCoin, come per ogni criptovaluta, dipenderà dal livello di investimento, dalle “riserve” di moneta e dalla disponibilità di monete.

La KodakCoin è fondamentalmente concepita come uno strumento per aiutare i fotografi a farsi pagare per il lavoro da loro svolto, ma può anche fungere da strumento di investimento come qualsiasi altra valuta digitale, al pari del Bitcoin, Ethereum, Litecoin, Ripple, etc.

Qual è il rischio nell’investire in KodakCoin?

KodakCoin come le altre criptovalute è rischiosa e nasconde fluttuazioni nella sua quotazione.

LEGGI TUTTO
Rischi e volatilità del mercato finanziario: Report Banca d’Italia

È decentralizzata e gli investitori possono essere presi di mira da hacker e da altri cyber criminali che tentano di rubare le criptovalute depositate online.

Ad oggi è ancora presto fare una recensione dato che il KodaCoin è stato appena battezzato e lanciato sul mercato. Attendiamo che i tempi maturino prima di considerare un eventuale investimento sull’asset.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *