Tasse Criptovalute: Cosa Sono, Quando e Come si Pagano

Quali sono le tassazioni sulle criptovalute e come dichiarare

Tasse criptovalute

La disciplina in tema di tasse su criptovalute e tassazioni nei riguardi di possedimenti crypto risulta ad oggi abbastanza ostica e complessa. Cerchiamo di fare chiarezza all’interno di questa guida approfondita, presentata tuttavia con parole semplici ed alla portata di tutti.

Sappiamo benissimo come ottemperare agli obblighi fiscali sia di fondamentale importanza. Tutto ciò per evitare eventuali sanzioni di carattere pecuniario, o nella peggiore delle ipotesi (con il superamento di determinate soglie) anche di carattere penale (reclusione).

Non sempre un utente ed investitore alle prime esperienze dispone delle giuste capacità e degli strumenti per stabilire quali siano le tasse sulle criptovalute, come calcolarle e quali dichiarazioni debbano essere presentate ai fini fiscali. Ricorderemo inoltre le principali differenze in materia tassativa fra l’acquisto ed il possesso reale di asset crypto e le negoziazioni su criptovalute tramite strumenti derivati (per intenderci contratti per differenza e prodotti affini).

Non mancheranno rapidi richiami ai migliori operatori online, come ad esempio il broker eToro, i quali propongono sempre chiare documentazioni ed “estratti conto”, fondamentali per tenere sotto controllo il proprio patrimonio in criptovalute (o associato allo stesso) e calcolare le tasse.

Tasse su criptovalute: Cosa sono

Tasse criptovalute

Nel corso degli ultimi anni, il settore delle criptovalute ha subito tantissimi cambiamenti, riuscendo a divenire un comparto con capitalizzazione colossale e con migliaia di strumenti negoziabili.

Gli Stati e le principali nazioni mondiali, hanno quindi avuto la necessità di rivisitare le proprie regole in materia fiscale, proponendo soluzioni che in qualche modo potessero sopperire lacune mostrare durante i primi anni di presenza del Bitcoin, o di altre criptovalute.

Al pari di qualsiasi altro investimento, anche l’acquisto (o come avremo modo di vedere più avanti la negoziazione con strumenti derivati), viene considerata un’attività speculativa e che potrebbe portare possibili profitti, o perdite.

Supponiamo di acquistare un determinato numero di criptovalute, per una somma pari a 20.000 euro. Trascorso un determinato periodo di tempo, sulla base degli andamenti del mercato, l’investitore può ritrovarsi di fronte a 3 fattispecie specifiche:

  • situazione di pareggio (il capitale iniziale resta invariato);
  • minusvalenza (il capitale iniziale subisce delle perdite);
  • plusvalenza (il capitale iniziale subisce degli aumenti su profitto).

Le tasse sulle criptovalute rappresentano un’esborso di denaro richiesto dal fisco, da calcolare sulle plusvalenze generate dalle criptovalute. Tuttavia, soltanto in caso di superamento di determinate soglie, che avremo modo di approfondire nel corso dei paragrafi successivi, non prima di aver visto una tabella informativa preliminare.

Sono obbligatorie?Sì, con superamento di alcune soglie
Quale aliquota si applica?26% su plusvalenze
⌚Quando si applica?Giacenza superiore a 51.645,69 per oltre 7 giorni lavorativi
Come si pagano le tasse?Con modello F24
️Cosa si rischia a non pagare tasse?Sanzioni pecuniarie e penali

Tassazione plusvalenze criptovalute

Tasse criptovalute

Arrivati a questo punto, cerchiamo quindi di fare chiarezza sulla tassazione delle plusvalenze derivanti da criptovalute. Sappiamo che le stesse rappresentano monete digitali, che possono essere acquistate, detenute ed anche vendute a propria discrezione.

Le disposizioni dell’articolo 67 del DPR n 917/86 stabiliscono in modo chiaro e dettagliato gli adempimenti e gli obblighi derivanti dalla costituzione di redditi diversi di natura finanziaria, esponendosi sulle plusvalenze derivanti da cessioni a titolo oneroso di valute estere.

Nel corso degli ultimi anni, vista soprattutto una mancata presenza di discipline e regole ad hoc, che potessero in qualche modo creare regole definite soltanto per gli asset crypto, l’Agenzia delle Entrate ha considerato le criptovalute strumenti assimilabili a valute estere.

Sempre secondo quanto stabilito dall’articolo 67 del DPR n 917/86, le stesse plusvalenze “concorrono a formare il reddito” solo se nel periodo di imposta la giacenza dei conti correnti e dei depositi si mostra superiore a 51.645,69 euro per un periodo di almeno 7 giorni lavorativi.

Il calcolo di suddetta somma, deve inoltre essere calcolato sulla base del cambio individuato all’inizio del periodo di riferimento, secondo i tassi di cambio e di conversione reali e quindi mostrati all’interno del mercato di scambio.

Ricapitolando:

  • il concorso a reddito sulla cessione crypto scatta solo al superamento della somma suddetta;
  • il calcolo va effettuato sulla base del tasso di cambio al 1° gennaio dell’anno della cessione;
  • la soglia va considerata solo sul suo mantenimento per più di 7 giorni lavorativi consecutivi.

Tasse su criptovalute: Come si calcolano

Calcolare tasse su criptovalute

Compreso il calcolo delle plusvalenze derivanti dalle cessioni su strumenti crittografici, che possono in ogni caso riguardare tutte le tipologie di criptovalute, è ora possibile scendere nel dettaglio su aspetti operativi.

Come calcolare le tasse sulle criptovalute? Seguendo le discipline al momento di questa stesura, la tassazione su criptovalute si basa sull’apposizione di un’imposta del 26%, da calcolare sulle plusvalenze generate dall’attività dell’investitore.

Una percentuale che, in ogni caso, va considerata se e solo se la somma precedentemente esposta dei 51.645,69 euro venisse superata. Parlare di tassazione su plusvalenza sulle criptovalute, significa essenzialmente parlare di una tassazione solo sui profitti generati dagli stessi asset.

Ottenuto il valore della plusvalenza, andando quindi a scorporare il capitale iniziale, un semplice calcolo in percentuale permette di conoscere con precisione quale sia l’ammontare dovuto al fisico, in riferimento a quello specifico esercizio.

Come si dichiarano le criptovalute?

Tasse criptovalute

In materia dichiarativa, al pari di qualsiasi altra attività similare, il fisco va costantemente a monitorare il possesso delle criptovalute da parte dei cittadini della propria nazione di appartenenza (in questo caso l’Italia).

A tal riguardo, è bene effettuare una piccola precisazione, in questo caso basata sulla natura dell’intermediario selezionato per l’acquisto, per la detenzione ed eventualmente per la cessione (quindi la vendita di criptovalute).

La maggior parte degli exchange (questo il nome delle piattaforme utilizzate per comprare criptovalute), risultano estere, quindi con sede legale ed operativa in una nazione, o in uno Stato diverso da quello italiano.

In questo caso, essendo considerata una vera e propria attività all’estero (vista in ogni caso la presenza di capitali e di somme in un altro territorio), il fisco richiede l’adempimento e la complicazione di uno specifico riquadro in sede di dichiarazione, ossia il quadro RW.

Quadro RW criptovalute

Quadro RW tasse criptovalute

Ricollegandoci a quanto esposto in precedenza, in questo caso soltanto ai fini dichiarativi, le criptovalute devono essere dichiarate in modo tempestivo nell’apposito quadro che fa riferimento al monitoraggio fiscale degli investimenti all’estero.

Tutto ciò per via del fatto che la stessa detenzione potrebbe portare alla creazione di un reddito specifico imponibile nel nostro territorio (ossia in Italia). Entrando nel pratico, quali sono quindi gli obblighi da ottemperare?

In sede di dichiarazione è necessario compilare il quadro RW, apponendo nella colonna 3 il codice specifico di riferimento, che in questo caso è il 14. Un codice che può tuttavia considerarsi relativamente generico, poiché indicante “Altre attività estere di natura finanziaria e valute virtuali”.

Quanto invece ai redditi che derivano da attività di trading di criptovalute, facendo riferimento alle “plusvalenze di natura finanziaria”, la dichiarazione deve essere effettuata compilando il quadro RT del cosiddetto modello UNICO.

Leggi anche: “Quali criptovalute comprare nel 2022?”

Migliori exchange per calcolo tasse

Adesso che abbiamo compreso i principali adempimenti ed obblighi derivanti dalle attività di possesso e di cessione delle criptovalute, è possibile soffermare l’attenzione sull’ottenimento dei dati da utilizzare in dichiarazione.

A tal riguardo, un ruolo che potremmo definire alquanto cruciale, è giocato dalla scelta dell’exchange, ossia dell’intermediario che permette di convertire valute fiat (come ad esempio l’euro) in valute digitali, o viceversa.

Presentiamo a seguire una tabella completa ed esaustiva con alcuni dei migliori exchange che ad oggi permettono di ottenere rendicontazioni complete sui propri possedimenti e di visionare i tassi di cambio di interesse per ottemperare alle dichiarazioni:

1 Miglior Exchange 2022
etoro trading
  • Broker, exchange & wallet di cripto
  • Pagamento con PayPal, carta di credito
  • Social Trading, Staking, Fondi Crypto
  • 9.6
    Rated 5 stars out of 5
  • 50 $ deposito minimo
  • Reg. CONSOB 2830
coinbase
  • Exchange più grande al mondo
  • Bonus 8€ in Bitcoin
  • Commissioni basse
  • 8.5
    Rated 4.5 stars out of 5
  • 25 € deposito minimo
  • Quotato al NASDAQ
bitpanda
  • Criptovalute, azioni, ETF, metalli, fondi crypto
  • Investimenti a partire da 1€
  • 3+ milioni di utenti iscritti
  • Calcolo tasse automatico
  • 8.5
    Rated 4.5 stars out of 5
  • 25 € deposito minimo
  • Regolamentato FMA n. 423018k
bitstamp
  • Wallet & Exchange
  • 15+ valute
  • 7
    Rated 4 stars out of 5
  • 20 € deposito minimo
  • Attivo dal 2011

eToro

Broker eToro

Un primo intermediario completo, con un portafoglio clienti da milioni di user, è il broker & exchange eToro.

Per chi non lo conoscesse, si tratta di una piattaforma di scambio e di negoziazione moderna. Per decine di asset, permette sia di agire in modo diretto sull’asset sottostante (quindi acquisto vero e proprio), sia di utilizzare negoziazioni con contratti per differenza.

Le criptovalute sono numerose ed il broker va costantemente ad aggiungere nuovi asset sulla base dell’interesse del mercato, qualora risultino disponibili nuove criptovalute di nuova generazione.

La gestione è rapida ed effettuabile anche tramite applicazione. L’intermediario permette di:

  • acquistare specifici asset crypto tramite sottostante;
  • fare trading CFD su criptovalute;
  • allocare capitali su Smart Portfolios relativi a panieri crypto;
  • fare staking su specifiche criptovalute.

Ciò che in questa sede preme sottolineare, al di là delle tante funzionalità del broker (come Copy Trading, conto demo e così via), riguarda l’ottenimento dei dati sul proprio portafoglio. Tramite il proprio account, è sempre possibile accedere all’estratto conto ed estrarre informazioni utili in sede di dichiarazione.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Coinbase

Coinbase exchange

Un secondo exchange professionale, anche in questo caso considerato un reale punto di riferimento per milioni di utenti registrati, è Coinbase.

All’interno della sezione crypto è possibile individuare centinai di criptovalute. L’operatore garantisce a tutti gli utenti registrati comodi grafici in tempo reale su tutti gli asset supportati (sia storici che di nuova generazione).

L’exchange permette di effettuare tantissime operazioni sul comparto crypto:

  • acquisto di criptovalute;
  • vendita di criptovalute;
  • detenzione in wallet di criptovalute;
  • lending crypto;
  • sezione per scambi di NFT;
  • attività di staking su criptovalute.

Anche in questo caso, attraverso le impostazioni sul proprio account ufficiale, è sempre possibile visionare la composizione precisa dei propri possedimenti, così come le transazioni e la cronologia delle operazioni effettuate. In altri termini, dati rilevanti in sede dichiarativa e per le tassazioni.

Il tuo capitale è a rischio

Tasse su criptovalute con Futures

Tasse trading criptovalute

Nel corso dei paragrafi precedenti, abbiamo avuto modo di ricordare nel dettaglio la disciplina in materia di tassazione nel caso di acquisto e di cessione su criptovalute.

Le soglie relative al calcolo sull’imposta da dover versare (quindi sul superamento dei 51.645,69 euro) devono quindi essere considerate solamente in caso di possesso fisico e reale delle criptovalute.

Discorso differente, riguarda invece le operazioni che possono essere effettuate sempre in riferimento alle criptovalute, tuttavia utilizzando altre metodologie di investimento. Si pensi ad esempio ai Futures, o ad altre tipologie di prodotti aventi la stessa derivazione, o natura.

Non vengono richiesti specifici limiti da dover o meno superare ed il pagamento dell’imposta ammonta anche in questo caso al 26%, da calcolare sulla plusvalenza (ove presente) generata dall’attività di negoziazione. Nulla è dovuto in caso di minusvalenze.

Puoi approfondire in merito leggendo la nostra guida sulle tasse nel trading.

Migliori broker per calcolo tasse

In modo speculare per quanto visto per gli exchange, è quindi possibile chiedersi quali siano attualmente i migliori broker non sostituti di imposta, che permettono di negoziare sul comparto delle criptovalute.

Presentiamo quindi una tabella completa ed aggiornata, che fa riferimento a broker di CFD su criptovalute professionali ed autorizzati, che mettono a disposizione rendicontazioni complete in merito alla cronologia delle transazioni, dei capitali, delle variazioni e di tutti i dati rilevanti per calcolare l’eventuale plusvalenza.

1 Miglior Broker del 2022
etoro trading
  • Azioni, crypto, ETF
  • 20+ milioni di utenti
  • Social Trading
  • Conto Demo gratis
  • 9.6
    Rated 5 stars out of 5
  • 50 $ deposito minimo
  • Reg. CONSOB 2830
plus500
  • Trading CFD
  • Conto demo gratis
  • Licenza ASiC, CySEC. Reg. CONSOB
  • 8
    Rated 4.5 stars out of 5
  • 100 € deposito minimo
  • Reg. CONSOB 4161
capex trading
  • Partner Juventus
  • Piattaforma Web e App
  • Licenza CySec, ASF, CNMW
  • 8.7
  • 100 € deposito minimo
  • Reg. CONSOB 4640
xtb trading
  • Azioni e ETF reali 0% commissioni
  • Materiale formativo per principianti
  • Conto Demo gratis
  • 9.6
    Rated 5 stars out of 5
  • 100€ deposito minimo
  • Reg. CONSOB 3569
broker trade.com
  • Licenza FCA
  • Conto Demo
  • Piattaforma innovativa
  • 7.8
    Rated 4.5 stars out of 5
  • 200 € deposito minimo
  • Reg. CONSOB 3949
broker trading
  • Conto di risparmio e trading
  • Investi in azioni e IPO
  • 1 milione di strumenti finanziari

*Capital is at risk

  • 8.2
  • Nessun deposito minimo
  • Reg. CONSOB 4792

Le tasse sulle criptovalute si pagano sempre?

Pagare meno tasse criptovalute e Bitcoin

Prima di procedere con le dovute conclusioni, una delle domande più frequenti poste dagli utenti, riguarda le soluzioni per poter evitare di pagare le tasse su criptovalute (come ad esempio il Bitcoin).

È bene considerare, come nel caso in cui si rientri a pieno negli obblighi di pagamento esposti nel corso dei paragrafi precedenti, non pagare le tasse può comportare sanzioni di carattere pecuniario, o penale (in caso di determinate soglie evase esposte dalla giurisprudenza italiana).

Discorso differente, vede invece le possibili soluzioni che possono essere utilizzate per pagare meno tasse, o per evitare di pagarle (sempre in merito al possesso ed alla detenzione degli asset crittografici).

Per pagare meno tasse, una delle possibili soluzioni riguarda il cambio di residenza. È in questo caso possibile scegliere un Paese differente dal nostro, cambiare residenza ed essere assoggettati alle regole fiscali di quel territorio. È ad esempio possibile approfondire sulla tassazione criptovalute in Portogallo, in Spagna, o in altre zone europee, o extra UE. In caso di volumi bassi, è invece possibile considerare i sistemi che portano all’esonero delle tasse su criptovalute.

In modo intuitivo, per non pagare tasse sul Bitcoin (o su asset crypto) non bisogna mai superare la somma dei 51.645,69 euro per 7 giorni lavorativi consecutivi. È quindi possibile utilizzare strategie di acquisto e di vendita, o altri sistemi legali al limite dei 7 giorni.

Potrebbe interessarti anche: Comprare criptovalute.

Tasse su criptovalute: Note finali

Alla luce di quanto evinto nel corso del nostro approfondimento, conoscere temi base in materia di tasse sulle criptovalute rappresenta un aspetto fondamentale.

Tutto ciò per cercare di evitare eventuali sanzioni da parte del fisco, o che si possa essere assoggettati come evasori nei confronti di determinate imposte. Abbiamo quindi visionato i limiti sul calcolo della plusvalenza, a sua volta rilevante per calcolare il 26% di imposta.

In ultimo, sono stati proposti alcuni dei migliori exchange che ad oggi permettono di controllare costantemente rendicontazioni sui propri possedimenti, così da ottemperare alle dichiarazioni sui propri redditi e compilare quadri RT, RW, o qualsiasi altro adempimento in materia.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Tasse su criptovalute – FAQ

Come funzionano le tasse sulle criptovalute?

Come visionato all’interno del nostro approfondimento sulle tasse criptovalute, alla cessione delle criptovalute, in caso di plusvalenza e di superamento di determinate soglie, è richiesta l’imposta del 26% (sulla plusvalenza).

Quando si deve compilare il quadro RW per criptovalute?

Il quadro RW per criptovalute viene utilizzato dal fisco per monitorare il possesso di criptovalute su operazioni all’estero. Va compilato in caso di attività di scambio e di detenzione su exchange esteri.

Qual è la soglia da superare per il calcolo delle plusvalenze sulle tasse su criptovalute?

Come esposto all’interno della nostra guida, secondo quanto citato all’interno dell’articolo 67 del DPR n 917/86, la soglia da superare per dover calcolare l’imposta sulla plusvalenza ammonta a 51.645,69 euro.

eToro è una piattaforma multi-asset che offre sia l’investimento in azioni e criptovalute, sia il trading di CFD.Si prega di notare che i CFD sono strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 68% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se hai capito come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre l’alto rischio di perdere i tuoi soldi.

La performance passata non è un’indicazione dei risultati futuri. La storia di trading presentata è inferiore a 5 anni completi e potrebbe non essere sufficiente come base per la decisione di investimento.Il copy trading è un servizio di gestione del portafoglio, fornito da eToro (Europe) Ltd., che è autorizzato e regolamentato dalla Cyprus Securities and Exchange Commission.

L’investimento in criptovalute non è regolamentato in alcuni paesi dell’UE e nel Regno Unito. Nessuna protezione del consumatore. Il tuo capitale è a rischio. eToro USA LLC non offre CFD e non rilascia alcuna dichiarazione e non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda l’accuratezza o la completezza del contenuto di questa pubblicazione, che è stata preparata dal nostro partner utilizzando informazioni pubbliche non specifiche di eToro.

Jacopo Marini

Trader, opinionista ed esperto di mercati azionari e criptovalute. Uno dei primi investitori in Italia a credere in Bitcoin e diventarne un profondo conoscitore. Collabora con FinanzaDigitale dal 2014.