Trimestrale Microsoft 2022: il gigante Tech supera le previsioni

Nel primo trimestre del 2022, Microsoft ha battuto le aspettative, in controtendenza rispetto al momento inflazionistico. Confermata la sua leadership nel settore cloud, occhi puntati sull’acquisizione Activision Blizzard

Il colosso americano Microsoft (NASDAQ: MSFT) supera le attese nonostante il periodo fortemente inflazionistico che ha determinato fasi ribassiste anche a Wall Street.

Le previsioni degli esperti analisti internazionali indicavano un fatturato medio che si attestava a 49,05 miliardi dollari, ma nella serata di ieri Microsoft ha chiuso il trimestre registrando un fatturato di 49,36 miliardi di dollari.

Il fatturato di Microsoft ha registrato una crescita su base annua del 18%, forte della domanda del settore tecnologico che, nonostante le enormi difficoltà, sembra poter resistere all’inflazione che ha colpito i mercati internazionali.

I numeri del primo trimestre 2022 di Microsoft

Prima della chiusura del trimestre 2022, Microsoft registrava a Wall Street un calo del 3,7% sul valore delle sue azioni, poi i risultati positivi dei primi tre mesi hanno regalato al titolo americano una ripresa nel post-mercato.

Gli utili di Microsoft sono stati di 16,74 miliardi di dollari, in aumento rispetto ai 15,46 miliardi di dollari ottenuti nell’anno precedente.

Nonostante le previsioni sugli utili per singola azione non andavano oltre i 2,19 dollari, Microsoft è riuscita a toccare quota 2,2 dollari per azione.

Permane invece l’incertezza sul settore tech causato dall’instabilità internazionale e dal conflitto tra Russia ed Ucraina, motivo per cui il titolo americano ha perso il 3,7%, al netto delle buone notizie derivanti dal trimestre 2022 positivo.

I motivi del trimestre positivo di Microsoft

trimestre microsoft

Analizzando la crescita del primo trimestre 2022 di Microsoft, pari al +18%, è possibile notare come il ritmo sia rallentato rispetto al +20% di crescita registrata nel periodo pre-pandemico.

Un rallentamento pressoché previsto, ma che tuttavia riduce il gap subito a causa della recente pandemia e prospetta una notevole ripresa verso la normalità.

Merito duna programmazione aziendale che sta dando interessanti risultati; in particolar modo, i motivi che comportano dati trimestrali positivi sono legati prevalentemente al business dei servizi cloud di Microsoft.

Microsoft Azure, la piattaforma del colosso americano che propone servizi di cloud computing, ha registrato nell’ultimo trimestre una crescita del 26%, raggiungendo un incremento del fatturato a 19,05 miliardi di euro.

Nonostante le previsioni su Azure raggiungevano un incremento del 45%, dai risultati ottenuti nel primo trimestre 2022, Microsoft ha superato le attese, toccando quota 46%.

Anche il software Office, LinkedIn e Dynamics hanno contribuito sensibilmente al raggiungimento di un buon trimestre 2022, registrando un incremento del 17% ed ottenendo ricavi per 15,79 miliardi di dollari.

Windows, Xbox e Surface hanno anch’essi ottenuto un incremento dell’11%, consentendo a Microsoft di incassare 14,52 miliardi di dollari, sopra le più rosee aspettative.

Anche i recenti investimenti di Microsoft hanno sostenuto la crescita della società americana, interessata ad acquisire il gigante dei videogames Activision Blizzard.

Un investimento molto importante da 68,7 miliardi di dollari che dovrebbe chiudersi entro il prossimo 30 giugno 2022, dopo aver prodotto le integrazioni richieste dalle autorità di controllo.

Jacopo Marini

Trader, opinionista ed esperto di mercati azionari e criptovalute. Uno dei primi investitori in Italia a credere in Bitcoin e diventarne un profondo conoscitore. Collabora con FinanzaDigitale dal 2014.

Lascia un commento