Vendere casa alla banca: come fare e a cosa fare attenzione

Se stai pensando di vendere casa per incassare liquidità, potresti valutare la possibilità di cedere l'immobile alle banche che consentono questa operazione. Ecco come fare

vendere casa alla banca

Solitamente ci si rivolge alle banche per chiedere mutui o prestiti finalizzati all’acquisto di una casa. Eppure, oggi le necessità economiche possono anche portare a voler vendere casa per ottenere la liquidità di cui si ha bisogno.

Vendere casa alla banca potrebbe essere una soluzione da tenere in considerazione, ma prima di farlo potrebbe tornarti utile una guida su come fare, a chi affidarti ed alcuni consigli da tenere bene a mente per evitare di commettere errori.

Ci si chiede in particolare, quali sono le regole da seguire ed i requisiti da rispettare? Cosa prevede la normativa italiana al riguardo? Proviamo a dare le risposte a tutte queste domande.

Come vendere casa alla banca

La normativa italiana parla chiaro. Si tratta del prestito vitalizio ipotecario a firma del Ministero dello Sviluppo Economico, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale numero 38 del 16 febbraio 2016.

Entrando nel dettaglio, la norma consente a coloro i quali non possono ottenere prestiti personali dalle banche oppure non riescono a pagare le rate del mutuo, di vendere casa alla banca.

Il prestito vitalizio ipotecario (sul quale sono previste agevolazioni fiscali) è finalizzato ad evitare che la banca proceda con il pignoramento dell’immobile (o degli immobili) o lo venda all’asta.

Vendere la casa alla banca significa dunque proporre all’istituto finanziario l’acquisto della propria abitazione in cambio di una somma di denaro prestabilita, mantenendo altresì il diritto di continuare a vivere a casa propria.

Come fare per vendere la casa alla banca? Per poter vendere casa alla banca è necessario innanzitutto rispettare i seguenti requisiti:

  • aver compiuto 60 anni di età;
  • essere proprietari di un immobile residenziale;
  • l’immobile oggetto della vendita deve essere libero da ipoteche.

Il primo requisito anagrafico è importante, in quanto garantisce alla banca di entrare in possesso dell’immobile in tempi relativamente brevi, alla morte del proprietario (in caso di comproprietà, fa fede la morte del firmatario più longevo).

Vendere casa alle banche: a chi rivolgersi

Le banche non sono obbligate al prestito vitalizio ipotecario, e non tutte sono interessate a questa tipologia di investimento.

Pertanto, gli interessati potranno rivolgersi solo agli istituti finanziari disposti ad investire sulla propria abitazione. Ecco dunque quali sono le banche alle quali poter vendere casa ed ottenere fino ad un massimale di 350mila euro:

  • Intesa Sanpaolo;
  • Unicredit;
  • Bnl;
  • Monte dei Paschi di Siena;
  • Barclays;
  • Deutsche Bank.

I proprietari potranno quindi negoziare con queste banche la vendita della propria abitazione (previa perizia tecnica per il valore di mercato dell’immobile), ottenendo la somma di denaro prestabilita e mantenendo il diritto di continuare a viverci per tutta la vita.

Inoltre, alla morte del firmatario più longevo, gli eredi potrebbero decidere di riscattare l’immobile dalla banca divenuta proprietaria oppure lasciare che l’istituto venda a terzi l’abitazione.

In quest’ultimo caso, se la banca dovesse ottenere più soldi del denaro versato ai proprietari, la differenza toccherebbe agli eredi del de cuius.

Vendere casa alla banca conviene? Consigli utili

In caso di necessità economica o dell’urgenza di evitare lo spauracchio del pignoramento e dell’asta, vendere alla banca potrebbe avere i suoi vantaggi:

  • incassare subito una somma di denaro;
  • ottenere agevolazioni fiscali previste dalla legge;
  • continuare a vivere a casa propria.

Tuttavia, la negoziazione avvantaggerebbe molto probabilmente la banca e potrebbe quindi rivelarsi più proficuo vendere a privati, meglio se con il supporto di un’agenzia immobiliare di fiducia.

Vendere casa alla banca: domande frequenti

Come si vende la casa alla banca?

Il prestito vitalizio ipotecario consente agli over 60 di vendere casa propria alla banca ed ottenere in cambio una somma di denaro prestabilita. Scopri quali banche accettano questa soluzione.

Cosa succede se il perito della banca valuta di più la casa?

Nel caso in cui il perito dovesse sopravvalutare la casa, la banca attiva la procedura di rischio, necessaria per evitare una sovrastima. Scopri come vendere casa alla banca.

Chi paga il notaio in caso di vendita?

In caso di vendita di un immobile, l’acquirente nomina il notaio e paga le spese previste. Quindi, il venditore non è tenuto a versare nessuna spesa, salvo diversi accordi tra le parti. Leggi come vendere casa alla banca.

Achille Bellelli

Imprenditore tech e investitore indipendente, esperto in criptovalute e strumenti di trading speculativo. Scrive per FinanzaDigitale e altri magazine economici.

Lascia un commento

Potrebbero interessarti anche: