Investire in azioni Repsol: dividendo, grafico, analisi tecnica e target price

Il titolo Repsol è fra i più seguiti nel settore energetico: scopriamo di cosa si occupa, quali sono le sue strategie per il futuro, le possibili previsioni e se investire in Repsol oggi potrebbe essere strategico.

Azioni Repsol

Dal minimo storico di novembre 2020, le azioni Repsol sono cresciute oltre il 155%. Un recupero che difficilmente abbiamo avuto modo di evidenziare su altri titoli nel corso degli ultimi due anni, reduce la crisi e le difficoltà portate dalla pandemia.

Valutare se comprare azioni Repsol possa essere la giusta strategia, risulta tuttavia complesso, soprattutto se hai poca esperienza in ambito di investimento. Abbiamo quindi creato questa guida, analizzando i punti di forza del gruppo e le possibili stime di prezzo per l’avvenire.

Ottenere quante più informazioni possibili è d’obbligo, soprattutto perché il mercato è come ben sai spesso instabile e i fattori di influenza possono spingere verso l’alto o verso il basso il valore del titolo sulla Borsa.

Iniziamo in ogni caso con una consapevolezza importante, ossia che il settore energetico resta e resterà per molto uno dei più indispensabili. Essere presenti adesso potrebbe portare interessanti vantaggi, a patto di strutturare la giusta strategia.

Chi è e cosa fa Repsol?

SocietàRepsol
SedeSpagna
Codice ISINES0173516115
TickerREP
Capitalizzazione20,43 miliardi di euro
Lotto minimo di acquisto1
Tipologia di negoziazioneContinua
Settore di mercatoEnergetico
DividendiDistribuiti
Informazioni su Repsol

Repsol è un fornitore multi-energia globale, come riportato sulla sua pagina ufficiale. Opera in tutto il mondo con le sue controllate e ha una grande quota di mercato, soprattutto in Europa, con i principali stabilimenti in Spagna e in Italia.

Le origini della società partono molto da lontano, precisamente dal 1981, con la fondazione dell’ente pubblico Instituto Nacional de Hidrocarburos (INH). Subendo una serie di modifiche organizzative, venne successivamente creata Repsol, con INH come unico azionista.

Nel 1997 Repsol diventa una società privata e avvia una serie di acquisizioni, finalizzate ad ampliare la sua operatività e ad espandersi in tutto il mondo. Così facendo, ha aggiunto sempre più comparti, diventando un gruppo completo nel settore energetico.

Nel 2023, è una delle più grandi compagnie petrolifere al mondo, con oltre 37.000 dipendenti all’attivo.

Per portare avanti il suo business, il gruppo si avvale di diverse controllate, mantenendo per ognuna specifiche percentuali di partecipazione:

  • Petronor;
  • Solred;
  • Dynasol;
  • Repsol Comercial de Productos Petrolíferos;
  • Repsol Comercializadora de Gas;
  • Repsol Exploración Perù;
  • Repsol Brasil.

Repsol: modello di business

Azioni Repsol

Il modello di business di Repsol è molto diversificato e si basa su decine di attività, sempre legate al settore energetico. L’ambizione del gruppo resta quella di voler diventare un player importante nel processo di decarbonizzazione mondiale.

La società è presente in tutta la catena di valore dell’energia, risultando attiva in questi comparti:

  • raffinazione: per trasformare il greggio in altre materie prime, come ad esempio carburanti per uso industriale, combustibili per il settore agricolo e molto altro;
  • sostanze chimiche: finalizzato alla produzione di prodotti petrolchimici, venduti ad aziende terze per la costruzione di oggetti, o altri materiali d’uso comune;
  • GPL: si tratta del segmento che produce, distribuisce e vende gas liquefatto, molto più facile da trasportare e stoccare, in Francia, Portogallo e Spagna;
  • produzione di energia a basse emissioni di carbonio: la società ha costruito negli ultimi anni grandi impianti per sostenere l’energia green, incentrati su soluzioni a ciclo combinato, idroelettriche, solari e fotovoltaiche;
  • fornitura di energia elettrica e gas, anche con l’integrazione di soluzioni digitali all’avanguardia, come ad esempio l’autoconsumo e la generazione distribuita (Solmatch);
  • lubrificanti, asfalti e prodotti specializzati per il settore industriale;
  • commercio, produzione e sviluppo di generazione di energia con fonti sempre più moderne e con sistemi all’avanguardia;
  • esplorazione, fornitura e mobilità: il gruppo è costantemente attivo nella ricerca di nuovi giacimenti ed in caso di nuove risorse, gestisce in autonomia qualsiasi attività, dall’estrazione alla lavorazione, fino al trasporto e alla fornitura del prodotto finito.

Azionariato di Repsol

AzionistiNumero di azioni BBVA
Repsol50.406.820
Norges Bank Investment Management41.228.281
The Vanguard Group, Inc.33.926.473
Amundi Asset Management SA30.325.361
Eleva Capital LLP15.545.112
Dimensional Fund Advisors LP15.194.265
BlackRock Investment Management (UK) Ltd.11.721.092
BlackRock Advisors (UK) Ltd.10.784.639
Schroder Investment Management Ltd.10.306.812
Geode Capital Management LLC9.603.838
Maggiori azionisti di Repsol

Studiare l’azionariato di Repsol ci permette di comprendere quali gruppi hanno dato fiducia alla società, al punto di acquistare grandi partecipazioni. Uno studio che è molte volte sottovalutato, ma che può essere un primo aspetto conoscitivo rilevante.

Dalla tabella, che mette in evidenza i 10 principali azionisti, si evince come una grande percentuale delle azioni sia nelle mani di grandi investitori istituzionali. Fra gli stessi trovi nomi conosciuti, come Norges Bank, The Vanguard e BlackRock Investment.

Azioni Repsol in Borsa

Le azioni Repsol sono quotate su diverse Borse. Una delle prime ad aver listato il titolo è stata la Borsa Italiana. Su Piazza Affari, il titolo è uno dei più capitalizzati nel segmento delle società energetiche, con un market cap attuale che si aggira attorno ai 20,43 miliardi di euro.

Essendo uno dei gruppi più grandi in Spagna, le azioni Repsol sono presenti anche sulla Borsa di Madrid. Il titolo può essere individuato con lo stesso ticker, ossia “REP” ed è presente anche nel noto indice IBEX-35, che racchiude le società spagnole più grandi.

Infine, puoi trovare il titolo Repsol anche sulla Borsa tedesca (ETR:DE), dove la valuta di quotazione resta sempre l’euro. I mercati con più scambi sul titolo sono comunque quello italiano (BIT) e quello spagnolo (BME).

Quotazione azioni Repsol: grafico in tempo reale

Presentiamo il grafico in tempo reale delle azioni Repsol, prendendo la quotazione su Piazza Affari, ossia sulla Borsa Italiana. Con lo stesso puoi conoscere secondo dopo secondo quanti euro sono necessari per comprare azioni Repsol oggi.

Ciò che interessante evidenziare, è l’andamento positivo che il titolo mostra nel breve e nel lungo periodo. Lasciando al paragrafo successivo l’approfondimento sullo storico, negli ultimi 6 mesi il valore delle azioni è cresciuto ben oltre il 15%.

Nella giornata del 26 settembre del 2022, una singola azione poteva essere acquistata a 11,23 euro. Ad inizio 2023, il prezzo del titolo ha ottenuto nuovi rialzi e grazie alla fiducia del mercato, l’asset ha superato i 15,50 euro nella giornata del 15 febbraio.

Andamento azioni Repsol

PeriodoPrezzo azioni BBVA
22/02/202315,00 euro
04/11/202214,29 euro
10/06/202215,58 euro
07/01/202210,75 euro
22/01/20218,49 euro
30/10/20205,31 euro
0/05/20208,68 euro
13/06/201914,45 euro
11/10/201816,49 euro
Andamento storico azioni Repsol

Al di là del breve periodo, è allargando l’orizzonte temporale che è possibile apprezzare la corsa al rialzo delle azioni Repsol. Dallo storico esposto, si evince come il titolo abbia subito una prolungata discesa di prezzo, prima di un parallelo recupero.

L’11 ottobre del 2018, un’azione poteva essere acquistata con 16,49 euro. Un valore sostituto da un trend stazionario fino a dicembre del 2019, anticipando uno dei ribassi più pesanti della sua intera quotazione, durante i difficili periodi della pandemia Covid 19.

Dopo essere sceso sotto i 6,40 euro a marzo del 2020, la correzione ha portato il titolo sul suo punto di minimo storico, sotto i 5,31 euro nella giornata del 30 ottobre. Da quel giorno, l’andamento è stato invece positivo, con il superamento degli 11€ a marzo 2021.

Risultati in crescita sono stati registrati anche durante il 2022, nonostante gli squilibri portati dalla guerra sul prezzo del greggio. Dopo aver corretto sugli 11,35€ a settembre, le azioni Repsol hanno continuato la loro corsa, superando i 15€ a fine febbraio 2023.

Azioni Repsol: previsioni

Previsioni azioni Repsol

Negli ultimi anni il prezzo delle azioni Repsol ha mostrato un alto grado di volatilità, con andamenti repentini al rialzo e al ribasso. La crisi pandemica, accompagnata dalla guerra fra Russia e Ucraina, hanno reso molti mercati instabili.

Lavorando con il petrolio, altamente influenzato dalle decisioni della Russia, anche Repsol ha dovuto attuare strategie mirate per cercare di mantenere alta la propria redditività. Con la guerra ancora in corso e un prezzo del gas e del greggio instabile, resta tutto molto incerto.

Fare previsioni sulle azioni Repsol è quindi complesso anche per un esperto. Mai come in questo caso, è necessario focalizzare l’attenzione su quanti più aspetti possibili, sia di carattere tecnico, sia di carattere fondamentale.

Può a tal proposito essere interessante studiare:

  1. l’analisi tecnica sulle azioni Repsol;
  2. lo studio dei dati finanziari;
  3. l’analisi sui competitor.

1. Azioni Repsol: analisi tecnica

L’analisi tecnica prende in considerazione lo studio dei principali indicatori sulla quotazione. Basandosi sulle variazioni storiche, ti permette di cogliere ipotetici segnali sulla direzione del prezzo nel breve, medio e lungo periodo.

Il primo strumento che proponiamo è la media, che può essere mobile o esponenziale, e che può dare segnali positivi, negativi, oppure neutri. Qui in basso una prima tabella con le indicazioni delle medie sulle azioni Repsol su base mensile.

Indicatore102030
Media Mobile SempliceOttimisticoOttimisticoOttimistico
Media Mobile EsponenzialeOttimisticoOttimisticoOttimistico
Medie su Repsol (*stime da analisti terzi, soggette a variazione)

Oltre alle medie, una seconda categoria di strumenti tecnici utilizzati dagli esperti è quella degli oscillatori, i quali si soffermano anche sul trend, su zone di ipercomprato ed ipervenduto. Ecco i segnali di altri indicatori su Repsol, sempre in un orizzonte a 30 giorni.

IndicatoreEsposizione
MomentumPessimistico
Commodity Channel Index (CCI)Pessimistico
Relative Strenght Index (RSI)Neutrale
Livello MACDOttimistico
StocasticoNeutrale
Indicatori su Repsol (*stime da analisti terzi, soggette a variazione)

Ricorda in ogni caso che le stesse analisi restano pur sempre ipotesi e che ogni segnale deve essere aggiornato di volta in volta. Puoi tu stesso utilizzare i principali indicatori in modo gratuito, sfruttando la sezione tecnica delle migliori piattaforme di trading.

2. Dati finanziari di Repsol

Dati finanziari

Gli ultimi dati finanziari esposti dai vertici del gruppo sono positivi. I risultati di bilancio ti permettono di comprendere se il gruppo stia per ottenere risultati dalle proprie strategie, oppure se le voci di indebitamento e di perdita siano in aumento rispetto al passato.

Percentuali positive arrivano dai confronti sia su base annua che trimestrale. Il CDA ha approvato nel mese di febbraio i dati di tutto il 2022, ufficializzando anche quelli del Q4, ossia del periodo che va da ottobre al 31 dicembre.

Fra le voci più significative ricordiamo:

  • utile netto sul quarto trimestre pari a 1,03 miliardi di euro, in aumento rispetto al penultimo trimestre del 2022;
  • utile netto complessivo, su tutto l’esercizio 2022, arrivato a 4,25 miliardi di euro, di cui quasi il 64% derivante da attività di carattere internazionale;
  • riduzione del debito netto del 61% nel giro di soli 12 mesi.

La stessa società ha i ogni caso ricordato che il risultato del 2022, sommato alle entrate del 2021, pari a 2,499 miliardi di euro, non sia ancora sufficiente per compensare le pesanti perdite subite nel 2019 e nel 2020, che ammontano invece a 7,105 miliardi di euro.

3. Analisi competitor

Competitor di Repsol

Un ulteriore aspetto da non sottovalutare, rilevante nell’ottica previsionale, è la presenza dei competitor, ossia delle possibili minacce presenti sul medesimo settore, che potrebbero erodere quota di capitale e quindi il business della società.

A seguire un elenco con i principali concorrenti di Repsol:

  • Shell: è una grande società petrolifera anglo-olandese, proprietaria anche di centinaia di centri di distribuzione del carburante in tutto il mondo;
  • Exxon Mobile: quotata sul NYSE della Borsa di New York, è nella top 10 delle società con più alto profitto al mondo, operativa sia sul segmento del petrolio sia su quello del gas naturale;
  • Eni: si tratta di una società italiana specializzata nella ricerca, estrazione, lavorazione e commercializzazione del greggio;
  • Saudi Aramco: è la società con la più alta produzione di petrolio ed è specializzata in tutta la filiera di lavorazione dell’oro nero.

Azioni Repsol: target price

Banca d’affariValutazioneTarget price stimato
AlantraRialzista rispetto alla precedente20,05 euro
BernsteinRialzista rispetto alla precedente20,00 euro
Banco SabadellRialzista rispetto alla precedente18,02 euro
BarclaysRialzista rispetto alla precedente17,00 euro
EquitaRialzista rispetto alla precedente16,00 euro
*Sime terze su Repsol, soggette a variazioni

Qui in alto trovi le possibili stime di prezzo e le raccomandazioni degli analisti sulle azioni Repsol. È la stessa società, direttamente sulla pagina ufficiale, a raccogliere i target price più significativi sul suo titolo, proponendoli in una specifica sezione informativa.

Le previsioni sulle azioni Repsol più ottimistiche sono proposte da Alantra. I suoi analisti hanno piazzato un prezzo a 20,05 euro, con un giudizio di acquisto. Sulla stessa linea troviamo anche Bernstein, che ha invece ipotizzato un valore a 20,00€.

Meno ottimisti sulle sorti della società, sono invece gli analisti di Banco Sabadell, che hanno in ogni caso proposto una raccomandazione di acquisto, aumentando il proprio giudizio con un target price a 18,02 euro per singola azione.

Più cauti rispetto alle altre società di rating, sono Barclays ed Equita, che hanno invece proposto rispettivamente una stima di prezzo attorno ai 17,00 ed ai 16,00 euro. In entrambi i casi la raccomandazione resta positiva, con un giudizio di acquisto.

Azioni Repsol: dividendo

Data di pagamento dividendoValore del dividendo
11/01/20230,263 euro
07/07/20220,267 euro
11/01/20220,243 euro
07/07/20210,243 euro
31/12/20200,233 euro
Ultimi dividendi di Repsol

Dallo storico dei dividendi, è intuibile come Repsol sia una società molto focalizzata sul soddisfacimento dei propri azionisti. Propone infatti da anni un dividendo considerevole, che nonostante il periodo di incertezza è aumentato nel 2023.

Il Consiglio di Amministrazione, ha infatti approvato un pagamento in data 11 gennaio 2023, con una cedola di 0,26 euro. La stessa permette al gruppo di raggiungere un rendimento su dividendo (dividend yield) del 3,63%.

Potrebbe interessarti il nostro approfondimento sulle azioni con dividendi più alti

Azioni Repsol: forum e ultime notizie

Repsol forum e notizie

I forum sulle azioni Repsol, o in generale sulla Borsa, sono uno dei canali più utilizzati per andare alla ricerca delle ultime notizie sulla società. Uno studio importante, che ti permette di valutare le news che potrebbero influenzare positivamente, o negativamente, il titolo.

Oltre ai forum, considera il sito ufficiale del gruppo, sia quello internazionale sia quello italiano, che propongono periodicamente dati ufficiali sul bilancio e sulle nuove strategie. Quali sono le ultime novità su Repsol?

Approfondiamole a seguire, concentrandoci su:

  • strategie di Repsol per il futuro;
  • partnership strategiche.

Strategie Repsol per il futuro

Piani strategici

Con la presentazione dei risultati di bilancio del 2022, i vertici di Repsol hanno proposto alcune novità del piano industriale 2021-2025. Lo stesso è finalizzato ad ottenere un aumento sul fatturato entro i prossimi 2 anni e un’espansione territoriale in Europa.

Solamente nel 2022, l’azienda ha investito 4,182 miliardi di euro per supportare la sua lenta, ma progressiva, transazione ecologica. Per portare avanti la strategia di decarbonizzazione, ha dichiarato di investire 5 miliardi di euro nel 2023.

La somma sarà dedicata a progetti a basse emissioni di carbonio, che a loro volta serviranno per raggiungere l’ambizioso obiettivo di società green. Repsol aumenterà inoltre la sua forza lavoro, incrementando il numero di dipendenti in Spagna e in altri stabilimenti.

Ecco quali potrebbero essere le migliori azioni del 2023

Partnership strategiche di Repsol

Partnership strategiche

Per rafforzare la trasformazione del gruppo in una realtà meno legata alle fonti fossili, la società ha stretto partnership importati con realtà operative sia nel segmento upstream, ossia di esplorazione e produzione, sia in quello delle rinnovabili.

Uno degli accordi più cruciali è stato siglato con EIG, ossia un investitore istituzionale che acquisirà il 25% delle attività di esplorazione e di produzione del gruppo. Si prevede anche il possibile lancio di un’IPO sulla Borsa di New York, entro e non oltre il 2026.

Nel mese di febbraio 2023, la società ha inoltre ufficializzato un accordo strategico con DORIS, ossia una società di Parigi specializzata in sistemi ingegneristici legati al settore energetico. L’accordo sarà rilevante per una nuova ricerca al largo del Messico.

Leggi di più su:

Comprare azioni Repsol conviene?

Comprare azioni Repsol conviene

La convenienza del comprare azioni Repsol è legata alla crescita potenziale del titolo nei prossimi mesi. Al di là delle stime di prezzo degli esperti, che abbiamo citato in precedenza, è opportuno prestare attenzione sia ai vantaggi sia agli eventuali svantaggi.

La società ha dichiarato che l’aumento del prezzo del petrolio le ha permesso di recuperare terreno e di segnare rendimenti in crescita. La strada per una completa ripresa è tuttavia ancora lunga, ma il piano industriale 2021-2025 fa ben sperare gli analisti.

Quanto agli aspetti negativi, oltre alla presenza di una vasta concorrenza e di un mercato saturo, troviamo lo spostamento dell’attenzione mondiale su soluzioni energetiche ad impatto zero. Anche in questo caso, Repsol ha già investito miliardi di euro.

Se hai deciso di dare fiducia e di puntare su questo colosso energetico mondiale, puoi comprare azioni Repsol su uno dei migliori broker, come ad esempio eToro. Ti permette di iniziare con un deposito a partire da soli 50 euro, o con un account di prova gratuito.

L'81% degli utenti CFD perde denaro quando fa trading con questo operatore.

Azioni Repsol – FAQ

Come comprare azioni Repsol?

Se vuoi comprare azioni Repsol puoi fare affidamento su una delle migliori piattaforme di investimento online, che ti permettono di comprare azioni reali e di conservale nel portafoglio.

Dove posso acquistare azioni Repsol?

Puoi comprare azioni Repsol selezionando broker regolamentati e con licenza, come ad esempio eToro.

Qual è il valore delle azioni Repsol?

Il valore delle azioni Repsol cambia in modo dinamico e puoi tenerlo costantemente sotto controllo visionando il grafico della quotazione in tempo reale nel nostro articolo.

eToro è una piattaforma multi-asset che offre sia l’investimento in azioni e criptovalute, sia il trading di CFD.
Si prega di notare che i CFD sono strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. L\81% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se hai capito come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre l’alto rischio di perdere i tuoi soldi.

La performance passata non è un’indicazione dei risultati futuri. La storia di trading presentata è inferiore a 5 anni completi e potrebbe non essere sufficiente come base per la decisione di investimento. Il copy trading è un servizio di gestione del portafoglio, fornito da eToro (Europe) Ltd., che è autorizzato e regolamentato dalla Cyprus Securities and Exchange Commission.

Gli investimenti in criptoasset sono altamente volatili e non regolamentati in alcuni Paesi UE. Nessuna protezione per i consumatori. Possono essere applicate imposte sui profitti. Il tuo capitale è a rischio.
eToro USA LLC non offre CFD e non rilascia alcuna dichiarazione e non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda l’accuratezza o la completezza del contenuto di questa pubblicazione, che è stata preparata dal nostro partner utilizzando informazioni pubbliche non specifiche di eToro.

Argomenti:

Da zero a investitore: impara a operare in borsa

Leggi le nostre migliori guide e impara a investire sulle principali borse mondiali, da casa e in autonomia.

Gianluca Conte

Esperto di finanza digitale e lavoro.

Una lunga esperienza come consulente d'azienda, business analyst e formatore. Collaboro con FinanzaDigitale portando contenuti di vario genere.

Lascia un commento

Altri Articoli Su Finanza Digitale