Migliori Criptovalute Emergenti: Valore e Previsioni Nuove crypto da monitorare

Quali sono le criptovalute emergenti sulle quali conviene investire

criptovalute

In un settore così vasto come quello delle criptovalute, potrebbe risultare complesso per un utente alle prime armi ed esperienze andare alla ricerca delle migliori criptovalute emergenti.

Trattasi di criptovalute che, per un motivo o per un altro, hanno avuto la capacità di ottenere percentuali in aumento sul proprio valore, dimostrando di generare interesse all’interno del mercato.

È bene che tu sappia, prima ancora di iniziare, come ad oggi il Bitcoin non rappresenti più l’unica criptovaluta rilevante all’interno del settore. È vero, migliaia di criptovalute finiscono completamente nel dimenticatoio in pochissimo tempo, così come tuttavia molte altre riescono ad affiorare e successivamente ad esplodere.

Abbiamo quindi deciso di andare alla ricerca delle principali criptovalute emergenti, ossia di tutti quei progetti che, tramite funzionalità, concretezza, o semplicemente viralità, hanno visto la propria quotazione schizzare alle stelle rispetto alle loro stesse fasi di lancio e di emissione.

Proporremo inoltre alcuni dei principali sistemi per poter investire su criptovalute emergenti, focalizzando l’attenzione sia sugli acquisti fisici, sia sulle negoziazioni tramite strumenti derivati (ossia contratti per differenza), messi a disposizione dai migliori broker & exchange online.

Cosa sono le criptovalute emergenti?

criptovalute emergenti

Parlare di criptovalute emergenti significa parlare di criptovalute rilevanti all’interno dell’intero mercato delle criptovalute, che hanno iniziato ad ottenere traguardi importanti sulla propria quotazione.

Sappiamo benissimo come ogni criptovaluta disponga di un andamento, al rialzo ed al ribasso, che va a sua volta a caratterizzare il valore della moneta digitale. Diversamente dalle criptovalute da evitare, ossia quelle che di mese in mese a perdono valore, le criptovalute emergenti continuano a mostrare nuovi traguardi.

Aspetto che, in ogni caso, deve tuttavia considerarsi in modo parallelo alla presenza del rischio e dell’imprevedibilità legata a qualsiasi criptovaluta.

Una delle prime domande che potresti essere portato a fare è: le criptovalute emergenti sono quelle ad elevata capitalizzazione? Risposta alla stessa è: non necessariamente. Oltre alla nota classifica che porta le prime 10 criptovalute più capitalizzate al mondo, è infatti possibile constatare centinaia di altri progetti.

Molte volte, nonostante mostrino un basso livello di capitalizzazione, sono proprio questi progetti a rappresentare ecosistemi nuovi ed innovativi, a loro volta associati a potenziali criptovalute emergenti.

È quindi importante tenere a mente come anche se una moneta digitale non risulti fra le prime 10 posizioni nella classifica per capitalizzazione, non è detto che possa considerarsi non emergente.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Criptovalute emergenti 2021: Lista Top 15

Presentiamo di seguito una classifica completa con alcune delle principali criptovalute emergenti, progetti che hanno avuto la capacità di incrementare il loro valore rispetto al passato, ossia rispetto alla loro emissione iniziale.

Ecco una tabella preliminare con 15 ecosistemi, associati ai rispettivi token di riferimento. Verranno approfonditi singolarmente nel corso dei prossimi paragrafi.

🌐Ecosistema🏷️Token
EthereumETH
Bitcoin CashBCH
RippleXRP
CardanoADA
UniswapUNI
DogecoinDOGE
Shiba InuSHIB
PolkadotDOT
1inch1INCH
Binance CoinBNB
Basic Attention TokenBAT
AvalancheAVAX
AlgorandALGO
PolygonMATIC
KusamaKSM

Ethereum “ETH”

Ethereum “ETH” rappresenta una delle criptovalute più capitalizzate al mondo. Al momento di questa stesura, si pone in seconda posizione, sovrastato solamente dal Bitcoin.

Un ecosistema innovativo, considerato rilevante in molti progetti di finanza decentralizzata (DeFi), che hanno trovato concretezza proprio grazie alla tecnologia blockchain di Ethereum, la quale conosce ad oggi pochissimi concorrenti diretti.

Rientra all’interno della nostra classifica sulle criptovalute emergenti mostrandosi:

  • storica ma in grado di rinnovarsi;
  • con tecnologia chiave per progetti DeFi;
  • seconda per capitalizzazione al mondo.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Bitcoin Cash “BCH”

Se sei un appassionato di Bitcoin, così come di criptovalute in generale, conoscerai sicuramente Bitcoin Cash “BCH”. Rappresenta una criptovaluta alquanto singolare, nata da un hard fork della criptovaluta più conosciuta al mondo, ossia il Bitcoin.

Fra gli scopi primari della fondazione a capo del progetto, troviamo la volontà nel voler migliorare alcuni aspetti ed alcune problematiche legate a criptovalute di prima generazione, una fra tutte le grandezza dei blocchi. Valevole come network di scambio, è fra gli asset più analizzati.

Rientra all’interno della nostra classifica sulle criptovalute emergenti mostrandosi:

  • associata al re delle criptovalute (BTC);
  • upgrade rispetto alle funzioni del Bitcoin;
  • listato su tutti i migliori intermediari.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Ripple “XRP”

Nonostante risulti molto più giovane rispetto a criptovalute considerate storiche, Ripple “XRP” ha ugualmente avuto la capacità di ritagliarsi un considerevole interesse nel settore delle criptovalute, apportando innovazione e progresso.

Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad uno strumento crypto ad elevata capitalizzazione, che nonostante qualche piccolo screzio e dibattito nei confronti di enti regolatori, ha tentato sempre di risollevarsi e di mostrare le funzionalità del proprio ecosistema, incentrato prettamente su scambi a bassi costi.

Rientra all’interno della nostra classifica sulle criptovalute emergenti mostrandosi:

  • criptovaluta nella top 10 per market cap;
  • ecosistema di riferimento rapido e con commissioni ridotte;
  • tecnologia presa molte volte in considerazione da banche.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Cardano “ADA”

Un ecosistema che non poteva di certo mancare all’appello è Cardano, a sua volta associato ad una criptovaluta di tutto rispetto, rilevante all’interno del progetto, che prende il nome di “ADA”.

Una criptovaluta a tutti gli effetti, che ha avuto la capacità di ottenere nuovi traguardi importanti nel corso degli ultimi anni. L’ecosistema di riferimento è ben strutturato, gode di una comunità attiva e dinamica ed integra numerose funzionalità, fra le quali gestione di Smart Contract (contratti intelligenti).

Rientra all’interno della nostra classifica sulle criptovalute emergenti mostrandosi:

  • legata ad un ecosistema in costante aggiornamento;
  • potenzialmente concorrente di Ethereum;
  • fra le criptovalute più capitalizzate al mondo.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Uniswap “UNI”

Conosciuta per avere come raffigurazione un unicorno, Uniswap (UNI) viene ad oggi considerato uno degli ecosistemi crittografici più analizzati da esperti ed appassionati.

Nata nel corso degli ultimi tempi, ha avuto rapidamente la capacità di segnare nuovi traguardi importanti all’interno del proprio grafico di riferimento. L’ecosistema è associato ad un token vero e proprio, ossia UNI, mettendo a disposizione molte funzionalità, fra le quali un exchange decentralizzato.

Rientra all’interno della nostra classifica sulle criptovalute emergenti mostrandosi:

  • legata ad uno dei maggiori DEX al mondo;
  • associata ad un ecosistema con una stabile community;
  • listata ad oggi sui principali exchange mondiali.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Dogecoin “DOGE”

Dogecoin “DOGE” rappresenta una delle criptovalute meme per eccellenza, raffigurata dall’immagine di una nota razza canina, ossia lo Shiba Inu.

Asset crittografico nato un po’ per provocazione ed un po’ per scherzo, come d’altronde dichiarato dal suo fondatore, ha lentamente iniziato ad ottenere nuovi traguardi, incrementando il proprio livello di market cap.

Comprare Dogecoin è diventata una vera e propria mania negli ultimi mesi, perché fra gli investitori si è fatto spazio l’idea che la criptovaluta possa crescere e crescere, spinta da notizie ed endorsement importanti.

Rientra all’interno della nostra classifica sulle criptovalute emergenti mostrandosi:

  • legata ad aspetti mediatici;
  • presa in considerazione da personaggi come Elon Musk;
  • fra le criptovalute più capitalizzate al mondo.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Shiba Inu “SHIB”

Cercando di cavalcare l’onda del successo di Dogecoin, una seconda criptovaluta meme di nuova generazione è Shiba Inu.

Un ecosistema con tre token di riferimento (ossia SHIB, BONE e LEASH), che contrariamente da molte criptovalute meme, risulta associato ad un progetto incentrato a tutto tondo sul mondo della finanza decentralizzata, dei NFT, dei DEX (con ShibaSwap) e molto altro.

Rientra all’interno della nostra classifica sulle criptovalute emergenti mostrandosi:

  • legata ad un ecosistema con tante funzionalità;
  • legata ad aspetti mediatici;
  • nella top 10 della classifica per market cap.

Se vuoi approfondire puoi anche dare un’occhiata alle previsioni su Shiba Inu stilate dagli esperti di Finanza Digitale.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Polkadot “DOT”

Un ulteriore ecosistema completo, anche in questo caso con molte novità interessanti e miglioramenti rispetto al passato, è Polkadot. Un progetto legato ad una criptovaluta a tutti gli effetti, ossia DOT.

Anche Polkadot (DOT), così come descritto per Cardano, rientra a pieno all’interno dei progetti fondamentali per la gestione degli Smart Contract (ossia contratti intelligenti). Un ambiente altamente scalabile, con basse commissioni e che permette interazioni fra blockchain.

Rientra all’interno della nostra classifica sulle criptovalute emergenti mostrandosi:

  • possibile competitor diretto di Ethereum;
  • legato ad un ecosistema costantemente aggiornato;
  • caratterizzato da una comunità attiva e dinamica.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Criptovaluta 1inch (1INCH)

Un ecosistema che ha avuto la capacità (nel corso degli ultimi mesi), di ottenere diversi round di finanziamento, è 1inch. Un progetto alquanto singolare, che può ad oggi considerarsi un competitor diretto di Uniswap (esposto in precedenza).

1inch dispone di molte funzionalità, mettendo a disposizione una piattaforma decentralizzata a tutti gli effetti, utilizzabile da tutti gli utenti interessati per poter individuare i migliori tassi di conversione e di cambio presenti sul mercato dei DEX.

Rientra all’interno della nostra classifica sulle criptovalute emergenti mostrandosi:

  • diversi round di finanziamento;
  • legata ad un ecosistema incentrato sul mondo DEX;
  • progetto nuovo, che ha saputo ottenere considerazione sul mercato.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Binance Coin “BNB”

Una delle particolarità di molti exchange centralizzati (quindi non DEX), è quella di essere dotati di un proprio token. A tal riguardo, il noto exchange Binance, dispone di un asset crypto a tutti gli effetti, ossia Binance Coin.

Una criptovaluta in grado di ottenere nuovi traguardi nel corso dell’ultimo anno e legata in ogni caso ad uno scambiatore con volumi sugli scambi da record. Ecosistema, quello di Binance, con numerose funzionalità rispetto al passato, come ad esempio l’innovativa tecnologia Binance Smart Chain, pronta a competere con quella di Ethereum.

Rientra all’interno della nostra classifica sulle criptovalute emergenti mostrandosi:

  • legata ad uno degli exchange più grandi al mondo;
  • fra le più capitalizzate nel mercato;
  • fondamentale per molte funzioni nell’exchange Binance.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Basic Attention Token “BAT”

Nonostante Basic Attention Token (questo il nome dell’ecosistema crittografico) rappresenti un progetto nato nel 2017, quindi abbastanza storico, viene ugualmente considerato un ambiente con numerose funzionalità interessanti.

Caratteristica fondamentale è la sua associazione con il browser Brave. Un progetto che permette agli utilizzatori interessati di poter ottenere premi e ricompense. La sua struttura interna si basa su tecnologia Ethereum, fra le più efficienti sul mercato.

Rientra all’interno della nostra classifica sulle criptovalute emergenti mostrandosi:

  • fra le prime 100 criptovalute per market cap;
  • strutturata con protocolli e tecnologie moderne;
  • legata ad un ecosistema a favore del web moderno.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Avalanche “AVAX”

Avalanche, ennesimo progetto legato al modo della finanza decentralizzata, pone i suoi principali punti di forza su un elevato livello di scalabilità ed una semplicità di gestione rispetto ad ecosistemi competitor.

Completa il tutto la possibilità di poter eseguire Smart Contract e di poter creare progetti con un alto livello di flessibilità e di personalizzazione. Gode di un token interno, che ha avuto la capacità di ottenere nuovi traguardi nel corso degli ultimi tempi, ossia AVAX.

Rientra all’interno della nostra classifica sulle criptovalute emergenti mostrandosi:

  • incentrato sulla finanza moderna;
  • progettato da una squadra di sviluppo professionale;
  • con un asset listato sui migliori exchange e broker al mondo.

Il tuo capitale è a rischio

Algorand “ALGO”

Nato dall’idea di Silvio Micali, Algorand rappresenta un progetto colossale, strutturato nel corso del 2017, ma ufficializzato ed entrato a pieno regime solamente nel corso del 2020.

Integra al suo interno uno strumento crittografico in tutto e per tutto, che prende il nome di ALGO, il quale svolge un ruolo chiave all’interno dell’ecosistema. Progetto volto a proporre una nuova idea di finanza decentralizzata, chiamata dalla squadra di sviluppo FutureFi.

Rientra all’interno della nostra classifica sulle criptovalute emergenti mostrandosi:

  • legata ad un ecosistema altamente scalabile;
  • associata ad un progetto smart contract layer 2;
  • incentrata su una nuova idea di DeFi.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Polygon “MATIC”

Polygon viene ad oggi considerato uno dei sistemi Scaling Layer 2 più efficienti e completi all’interno del settore delle criptovalute. Ha apportato numerosi miglioramenti nel settore delle criptovalute, andando a risolvere problematiche legate ad asset di prima generazione.

Un progetto fortemente legato ad aspetti di finanza decentralizzata (DeFi), al settore delle DApps ed a molti altri ambiti. Dispone di un proprio token di riferimento, che prende il nome di MATIC, il quale ha mostrato nel corso degli ultimi mesi nuovi traguardi rispetto al passato.

Rientra all’interno della nostra classifica sulle criptovalute emergenti mostrandosi:

  • dotata di tecnologie e struttura all’avanguardia;
  • basata su un network solido;
  • con una comunità di utenti attiva e dinamica.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Kusama “KSM”

Kusama chiude la nostra classifica, rappresentando un ecosistema strettamente associato a Polkadot. Nato dalle idee del medesimo fondatore, integra molte funzionalità similari con il progetto presentato in precedenza, come ad esempio l’elevata interoperabilità fra le blockchain.

Diversamente da Polkadot, che rappresenta l’ambiente ufficiale di lancio dei progetti, Kusama va a rappresentare il cosiddetto Canary Network, ossia un vero e proprio ambiente di prova, che sta tuttavia cercando di acquisire sempre più autonomia ed indipendenza.

Rientra all’interno della nostra classifica sulle criptovalute emergenti mostrandosi:

  • legato a Polkadot;
  • con una comunità attiva e dinamica;
  • caratterizzato da un ecosistema con scopri reali e concreti.

Il tuo capitale è a rischio

Come comprare criptovalute emergenti

Contrariamente da quanto si pensi, comprare criptovalute al giorno d’oggi rappresenta un processo molto intuitivo e gestibile comodamente dal divano di casa propria. Per poter comprare criptovalute, è infatti necessario disporre di:

  • un account aperto all’interno di un exchange professionale;
  • un dispositivo (smartphone o PC) per poter entrare sulla piattaforma;
  • una connessione ad Internet per accedere ed effettuare l’acquisto.

Vediamo quindi a seguire una piccola guida step by step prendendo come riferimento uno degli exchange più famosi al mondo, ossia eToro.

Step 1. Registrazione

La fase iniziale, per poter comprare la criptovaluta emergente selezionata sulla base dei propri interessi, riguarda l’apertura dell’account all’interno dell’operatore professionale.

Il più delle volte è sufficiente compilare semplicemente una sezione con pochissimi dati, fra i quali nominativi personali, email, password e numero di telefono (non sempre richiesto). Procedendo con la conferma, si avrà la possibilità di passare alle fasi successive.

eToro registrazione

Prima di poter iniziare ad operare sul mercato, tutti gli exchange professionali richiedono la verifica dell’identità. Ricorda quindi di avere a portata di mano un semplice documento di riconoscimento da poter inserire durante la procedura.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Step 2. Deposito iniziale

Al momento della registrazione iniziale, hai la possibilità di optare per due alternative. La prima è quella del conto demo, ossia una modalità gratuita con la quale poter provare strategie su criptovalute emergenti senza utilizzare capitali reali.

La seconda, vede invece la presenza della modalità reale, la quale necessita del primo deposito all’interno della piattaforma. Il broker eToro, come esposto in modo chiaro e dettagliato all’interno della sezione informativa, mette a disposizione numerosi sistemi di pagamento, come ad esempio:

  • bonifico bancario;
  • carte di pagamento (circuiti MasterCard, VISA, o Maestro);
  • PayPal e molto altro.

Step 3. Acquisto criptovaluta

Attraverso la schermata personale, hai a questo punto la possibilità di individuare l’asset crypto di tuo interesse.

La piattaforma permette così di visualizzare il valore di cambio della criptovaluta (ossia il tasso di conversione in valuta fiat), l’andamento tramite un comodo grafico in tempo reale e di procedere con l’acquisto impostando il quantitativo.

eToro Ethereum

Tutte le operazioni e le posizioni effettuate all’interno dell’exchange possono essere controllate in qualsiasi momento, anche tramite applicazione per dispositivi mobili. eToro dispone inoltre di un vero e proprio portafoglio (wallet) per poter archiviare le criptovalute acquistate.

Integra altresì funzionalità interessanti nel settore delle criptovalute, una fra tutte lo staking di criptovalute: meccanismo per poter immobilizzare asset crypto PoS per ottenere ricompense.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Migliori exchange per comprare criptovalute emergenti

Il primo sistema per poter comprare criptovalute emergenti riguarda l’uso degli exchange. L’operazione di acquisto tramite exchange consiste semplicemente nel convertire una quantità di valuta fiat (come nel caso dell’euro) in una quantità di moneta digitale.

Le criptovalute che vengono acquistate diventano così di proprietà e necessitano di conservazione. Lo strumento adibito alla conservazione delle criptovalute è il wallet, ossia un portafoglio digitale, con il quale poter conservare, ricevere, o in alcuni casi inviare criptovalute ad altri indirizzi.

In tutto ciò, vista l’applicazione delle dovute commissioni sugli scambi, è importante optare per exchange con commissioni sulle transazioni competitive e che non vadano a pesare troppo sull’acquisto complessivo.

A seguire una tabella aggiornata con i migliori exchange che permettono di comprare criptovalute emergenti:

1 Miglior Exchange 2021
etoro trading
  • Broker, exchange & wallet di cripto
  • 0 Commissioni sulle crypto
  • Pagamento con PayPal, carta di credito
  • Social Trading, Staking, Fondi Crypto
  • 9.6
    Rated 5 stars out of 5
  • 50 $ deposito minimo
  • Reg. CONSOB 2830
coinbase
  • Exchange più grande al mondo
  • Bonus 8€ in Bitcoin
  • Commissioni basse
  • 8.5
    Rated 4.5 stars out of 5
  • 25 € deposito minimo
  • Quotato al NASDAQ
bitstamp
  • Wallet & Exchange
  • 15+ valute
  • 7
    Rated 4 stars out of 5
  • 20 € deposito minimo
  • Attivo dal 2011

Migliori broker per fare trading su criptovalute emergenti

Una seconda modalità alternativa, che permette anche in questo caso di poter investire in criptovalute emergenti, valutate a propria discrezione, riguarda l’uso dei broker di CFD.

Si differenziano molto rispetto agli exchange poiché permettono di negoziare sulle criptovalute senza possederle fisicamente. Diversamente dagli exchange, i broker di CFD non richiedono alcun portafoglio di archiviazione ed il tutto risulta gestibile su piattaforme rapide e semplificate.

La caratteristica stessa dei CFD, permette di aprire due diverse tipologie di ordini:

  • ordine di acquisto, ipotizzando un progressivo aumento di valore della criptovaluta;
  • ordine di vendita, ipotizzando una progressiva diminuzione di valore della criptovaluta.

Una seconda differenza rispetto agli exchange esposti in precedenza, vede invece l’assenza di commissioni fisse sugli scambi. In questo caso, essendo broker di CFD, gli intermediari richiedono solamente piccolissimi spread sugli scambi (differenza fra valore di acquisto e di vendita).

A seguire una tabella aggiornata con le migliori piattaforme trading criptovalute:

1 Miglior Broker del 2021
etoro trading
  • Azioni, crypto, ETF a 0% commissioni
  • 20+ milioni di utenti
  • Social Trading
  • Conto Demo gratis
  • 9.6
    Rated 5 stars out of 5
  • 50 $ deposito minimo
  • Reg. CONSOB 2830
plus500
  • Trading CFD
  • Conto demo gratis
  • Licenza ASiC, CySEC. Reg. CONSOB
  • 8
    Rated 4.5 stars out of 5
  • 100 € deposito minimo
  • Reg. CONSOB 4161
xtb trading
  • Azioni e ETF reali 0% commissioni
  • Materiale formativo per principianti
  • Conto Demo gratis
  • 9.6
    Rated 5 stars out of 5
  • 100€ deposito minimo
  • Reg. CONSOB 3569
broker trade.com
  • Licenza FCA
  • Conto Demo
  • Piattaforma innovativa
  • 7.8
    Rated 4.5 stars out of 5
  • 200 € deposito minimo
  • Reg. CONSOB 3949
broker trading
  • Conto di risparmio e trading
  • Investi in azioni e IPO
  • 1 milione di strumenti finanziari

*Capital is at risk

  • 8.2
  • Nessun deposito minimo
  • Reg. CONSOB 4792

Come valutare le criptovalute emergenti

valutare criptovalute

Esperti ed analisti, sono alla continua ricerca di criptovalute emergenti, ossia di progetti che hanno mostrato crescite considerevoli nel corso degli ultimi tempi, incrementando di valore rispetto al passato.

Quali sono gli elementi ed i parametri considerati? Scegliere se considerare una criptovalute emergente o meno non è di certo semplice. Diversi aspetti vengono ad oggi presi in esame da appassionati ed esperti in materia, come ad esempio:

  • innovazione;
  • funzionalità;
  • crescita;
  • sottostima.

Molte delle criptovalute considerate emergenti dagli esperti, come quelle indicate nel corso della nostra classifica, hanno avuto la capacità di apportare innovazione all’interno del settore, puntando su nuove funzionalità rispetto al passato.

Diversamente dalle criptovalute di prima generazione, come ad esempio il Bitcoin (focalizzata nel voler diventare un sistema di pagamento e rete per transazioni), le criptovalute di seconda e di terza generazione hanno iniziato a lanciare servizi e meccanismi utilizzabili nel concreto ed in modo pratico.

Ulteriore punto che non può di certo passare inosservato, riguarda la crescita stessa della criptovaluta rispetto al passato. Molte criptovalute note, hanno mostrato crescite record, superiori anche al 1.000% in pochissimi anni.

In ultimo, non per importanza, l’aspetto della sottostima, ossia dell’idea che una criptovaluta emergente possa valere molto di più del suo valore attuale. Tutto ciò considerando in ogni caso la pur sempre presente imprevedibilità e volatilità degli asset, legata a loro volta al rischio.

Conviene investire sulle Criptovalute emergenti?

criptovalute emergenti

Come ricordato in precedenza, qualsiasi investimento, anche su eventuali criptovalute valutate emergenti, comporta un proprio grado di rischio. Aspetto che deve sempre essere tenuto in considerazione da qualsiasi investitore e trader nel settore delle criptovalute.

Dal loro canto, le criptovalute emergenti, diversamente dalle criptovalute che stentano a decollare, fanno riferimento a progetti con una reale concretezza nel settore e con un rilevante interesse mostrato anche da parte delle comunità.

Aspetto che, mai come all’interno di progetti decentralizzati (ossia senza un controllo centrale), rappresenta un punto chiave. Una community di utenti solida ed attiva, permette da una parte il funzionamento dell’ecosistema associato alla criptovaluta e dall’altra possibili sviluppi e miglioramenti.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Criptovalute emergenti – FAQ

In quale criptovaluta investire adesso?

Nel corso della nostra guida abbiamo avuto la possibilità di conoscere il significato di criptovalute emergenti, esponendo alcuni asset crypto che hanno mostrato crescite sul valore rispetto al momento della loro quotazione.

Quante criptovalute comprare?

Come ricordato nel corso del nostro approfondimento, ogni criptovaluta dispone di un valore specifico. Sulla base dello stesso e delle proprie necessità, l’utente può acquistare il quantitativo a propria discrezione.

Come acquistare criptovalute emergenti?

All’interno del nostro esposto, sono stati elencati alcuni dei migliori exchange per poter comprare criptovalute emergenti. In alternativa, si ricorda la presenza dei broker di CFD, per negoziare senza possesso fisico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.