1 euro rari: ecco le monete da 1 euro rare più costose

Quali sono le monete da 1 euro rare che valgono di più al mondo? Come riconoscerle? Vediamo come individuarle, come venderle e cosa sapere sugli 1 euro rari con errori di conio, o in tiratura limitata.

Monete da 1 euro rare

Andare alla ricerca delle monete da 1 euro rare è diventata la passione di molti. Se possiedi tante monete nel tuo portafoglio, o semplicemente in casa, potresti essere uno dei pochi fortunati a possedere 1 euro raro con errori di conio, o in serie limitata.

Pezzi unici nel loro genere, oppure presenti in circolazione in un numero molto scarso, che possono valere anche oltre i 100 euro, o addirittura migliaia di euro. Non tutte le monete da 1 euro rare sono tuttavia “reali”.

È quindi fondamentale imparare a distinguere eventuali truffe, monete false, o monete che non valgono nulla (non in tiratura limitata). Un’analisi che richiede sicuramente uno studio approfondito e la presentazione delle serie che attualmente hanno un valore più alto.

Procediamo quindi con una classificazione per nazionalità (restando ovviamente nella zona euro), così da permetterti di controllare se le monete in tuo possesso siano o meno monete rare da 1 euro. Scopriamo quanto valgono e come venderle.


Come riconoscere 1 euro rari?

Monete da 1 euro rari

Riconoscere monete da 1 euro rare non è certo semplice, soprattutto per chi si avvicina a questo settore per la prima volta. In linea generale, per “moneta rara” si intende una moneta con una scarsa circolazione, ossia con un numero basso di unità.

Quando uno Stato decide di effettuare modifiche alla propria moneta, deve seguire rigide procedure burocratiche, che portano dapprima all’approvazione e successivamente al conio (ossia alla fabbricazione della nuova stampa).

Un primo aspetto a rendere “rara” una moneta da 1 euro è la sua valenza da moneta da primo conio (ossia la prima serie esistente). Una caratteristica che conferisce già di suo unicità e che fa solitamente salire il valore (soprattutto con il passare degli anni).

Quali sono le altre caratteristiche che rendono le monete da 1 euro rare? A seguire alcuni punti:

  • serie commemorativa: si tratta di monete che vengono coniate per un evento storico in particolare (si pensi ad esempio alle Olimpiadi) e che quindi hanno un valore variabile, anche sulla base del numero prodotto;
  • errore di conio: monete da 1 euro che sono state coniate con un errore di stampa (grande o piccolo che sia) e che quindi risultano uniche nel loro genere (ad esempio con sezioni piatte invece che ruvide, con meno dentellature attorno al perimetro ed una miriade di altre eventuali imperfezioni che fanno aumentare il valore);
  • tiratura limitata: emesse in poche migliaia di unità.

Quali sono gli 1 euro che valgono di più?

1 euro rari

Le tabelle in basso ti permettono di constatare una prima classificazione geografica con le monete da 1 euro più rare. Una valuta che è entrata in vigore nel 2002 e che ha permesso ad un agglomerato di Stati di uniformare il proprio sistema monetario.

Tutte le nazioni che fanno parte dell’Unione europea hanno la possibilità di utilizzare l’euro, definita anche “moneta unica”. Nonostante il valore di ogni moneta da 1 euro sia sempre lo stesso, è possibile individuare tantissime stampe e tipologie differenti.

Dal 2002 ad oggi sono state prodotte migliaia di monete da 1 euro. Alcune delle stesse sono diventate commemorative, altre rare, molto rare, o semplicemente comuni. A seguire ricordiamo le caratteristiche strutturali standard della moneta da 1 euro:

  • diametro di 23,25 millimetri;
  • peso di 7,50 grammi;
  • spessore di 2,33 millimetri;
  • bordo zigrinato, con rientranze nel metallo;
  • due facciate, una uguale per tutte le Nazioni ed una variabile.

Monete da 1 euro rare 1999

1 euro 1999

I primi 1 euro rari che vogliamo presentare sono le monete da 1 euro del 1999. A tal riguardo è fondamentale precisare come non tutti gli Stati europei abbiano iniziato a coniare le proprie monete dal 2002, ossia l’anno di ufficializzazione dell’euro.

La moneta era infatti stata approvata già nel 1999 e molte Nazioni hanno deciso di apporre nella prima serie questa data. Trovare monete da 1 euro italiane con apposta la data 1999 è quindi impossibile e le stesse (qualora esistessero) devono essere consegnate alle autorità.

Discorso differente, riguarda invece le monete di 5 Stati che hanno potuto iscrivere sul primo conio la data 1999: Belgio, Francia, Finlandia, Spagna e Olanda. Quanto valgono? Non essendo monete commemorative, bensì comuni, sono presenti in numero elevato.

La rarità delle stesse, nonostante non siano in tiratura limitata, deriva proprio dalla natura di primo conio. Questa caratteristica ha creato un vero e proprio mercato, che tuttavia (in assenza di errori di conio) ha valore di facciata (1 euro).


Monete da 1 euro rare italiane

Serie della moneta raraAnno di conioTiratura
Prima20045.000.000
Prima20055.000.000
Seconda2012-20155.000.000
Seconda2016-20173.000.000
Seconda2017-20201.000.000

Proseguiamo la nostra classifica con le monete da 1 euro rare italiane, che sono quindi state emesse dalla zecca di Roma (nella parte posteriore puoi quindi individuare la lettera R in maiuscolo). L’anno di primo conio, come detto in precedenza, è il 2002.

Sulla facciata anteriore troviamo la scritta “1 euro” affiancata dai confini europei (l’immagine è stata estesa con la seconda serie, dal 2008 in poi, includendo altre Nazioni entrate in UE). Sull’altra faccia troviamo l’immagine dell’Uomo Vitruviano di Leonardo Da Vinci.

Per la prima serie, i pezzi da 1 euro più rari sono quelli del 2004 e del 2005, entrambi coniati in tiratura da 5.000.000. Per la seconda serie, quelli più rari sono stati coniati nel 2018, 2019 e 2020 (in 1.000.000 di monete).

Sul web è poi possibile individuare tantissime monete italiane da 1 euro con errori di conio. In alcuni casi mancano ad esempio due o tre stelline nella facciata con l’Uomo Vitruviano. In altri casi, a mancare è proprio la data. Presta in ogni caso attenzione alle eventuali truffe.

Scopri le monete da 2 euro rare


Monete da 1 euro rare Eypo

Serie della moneta raraAnno di conioTiratura
Seconda201232.500
Seconda201324.000
Seconda201415.500
Seconda2015-201617.000
Seconda2020-202110.000

Fra le monete da 1 euro rare Eypo (ossia della Grecia), è bene aprire un importante approfondimento. Partiamo subito con la spiegazione delle due facce. Nella parte anteriore troviamo la facciata comune, con la scritta “1 euro”, i confini europei e le 6 strisce verticali.

Sulla facciata posteriore, troviamo invece il disegno di una civetta, la scritta “1 EYPO” e 12 stelle a 5 punte. Una delle caratteristiche distintive di diversi pezzi, è quella di mostrare la lettera S all’interno della stella posizionata più in basso (nella serie del 2002).

Molte di queste monete da 1 euro vengono vendute online per cifre colossali. Chiariamo tuttavia come il loro valore sia pressoché identico a quelle senza stella. Entrambe le versioni sono state coniate in milioni di unità ed il loro valore è pari a quello di facciata (1 euro).

Le monete da 1 euro più rare sono quelle emesse dal 2012 in poi, poiché hanno una tiratura non superiore ai 32.500 pezzi ad anno. Nel 2020 e 2021 sono ad esempio state coniate solamente 10.000 nuove monete.

Potrebbe interessarti il nostro approfondimento su: come e dove investire oggi


Monete da 1 euro rare Espana (Spagna)

Serie della moneta raraAnno di conioTiratura
Terza20123.400.000
Terza20134.000.000
Terza201415.300.000
Quarta20154.300.000

Fra le tante monete da 1 euro rare, non poteva mancare il conio spagnolo (altra nazione appartenente all’UE). Cosa raffigurano le due facce? In quella anteriore troviamo la raffigurazione dei confini europei (aggiornata), con le 6 linee verticali e la scritta “1 euro”.

Sulla facciata posteriore troviamo l’immagine del Re di Spagna Juan Carlos, con la scritta ESPANA, la lettera M della Zecca di Madrid, le 12 stelle a 5 punte a delineare il contorno ed una sezione a mezzaluna che racchiude 4 stelle a destra (solo nelle prime due serie).

Nella 4” serie, è invece raffigurato il nuovo Re di Spagna Felipe IV. Contrariamente da quanto si pensi, la tiratura del 1999 è stata coniata in migliaia di monete ed è quindi molto comune. Fra le serie più rare troviamo l’anno 2012, 2013, 2014 e 2015 (appartenente alla quarta serie).

Passando agli errori di conio, le monete da 1 euro rare spagnole che possono essere acquistate presentano una raffigurazione decentrata delle mezzelune che racchiudono le 4 stelle laterali e la parola “ESPANA”. Possono valere anche più di 1.000 euro a pezzo.

Monete da 1 euro rare Germania

Serie della moneta raraAnno di conioTiratura
Seconda2008128.150 (A)
Seconda2008125.120 (D,F,G,J)
Seconda2009102.150 (A)
Seconda200992.120 (D,F,G,J)
Seconda201944.900 (A)
Seconda201936.100 (D,F,G,J)
Seconda202042.200 (A)
Seconda202033.800 (D,F,G,J)

Le monete da 1 euro rare tedesche sono state prodotte in due serie: la prima va dal 2002 al 2006 e la seconda va dal 2007 fino ai giorni d’oggi. La facciata anteriore è identica a quella delle monete esaminate in precedenza (scritta “1 euro” e la raffigurazione dell’Europa).

Sulla facciata posteriore, è invece presente l’immagine di un’aquila stilizzata, ossia il simbolo per eccellenza della sovranità tedesca. Particolarità vuole che il simbolo della Zecca di conio può differenziarsi sulla base di 5 diverse Zecche:

  1. A (Berlino);
  2. D (Monaco);
  3. F (Stoccarda);
  4. J (Amburgo);
  5. G (Karlsruhe).

Le monete da 1 euro della Germania della prima serie sono tutte comuni. Quelle rare appartengono alla serie dal 2008 in poi, come esposto nella tabella. Alcune monete, messe in vendita online a più di 500 euro, mostrano invece errori di conio sul disegno dell’aquila.

Scopri quali sono i 20 centesimi rari

Monete da 1 euro rare Portogallo

Serie della moneta raraAnno di conioTiratura
Seconda201249.000
Seconda201349.000

Le monete da 1 euro rare portoghesi sono molto ambite dai collezionisti, ma quali sono quelle introvabili ed in tiratura limitatissima? Prima di rispondere alla domanda vediamo cos’è raffigurato su questa specifica moneta nazionale.

La prima facciata è identica a quelle esposte in precedenza. Sulla facciata posteriore, è invece raffigurato il sigillo reale portoghese, datato 1144, con attorno 5 stemmi araldici e 7 castelli. Presente anche la scritta “Portugal” ed il segno di Zecca INCM.

Le monete sono state prodotte in due serie differenti: la prima va dal 2002 al 2007 e la seconda dal 2008 in poi. La prima serie è composta da monete comuni, o molto comuni. Per quelle rare, è invece possibile concentrarsi su quelle del 2012 e 2013, in tiratura limitata.

Anche in questo caso, effettuando qualche ricerca online, è possibile individuare tantissime monete da 1 euro del Portogallo con errori di conio. Nella maggior parte dei casi si tratta di monete con l’immagine della corona decentrata, con valori superiori ai 1.000 euro.

Monete da 1 euro rare Città del Vaticano

Serie della moneta raraAnno di conioTiratura
Prima200276.000
Prima200378.000
Seconda200560.000
Terza2006-2007101.000
Quarta201398.000
Quinta201680.000
Sesta201974.930

Chiudiamo la nostra classifica ricordando anche le monete da 1 euro rare della Città del Vaticano, che come sappiamo ha il diritto di coniare monete differenti rispetto a quelle italiane, poggiandosi su Zecche di conio locali.

In circolazione esistono 6 serie differenti di monete da 1 euro della Città del Vaticano. Nella tabella in alto abbiamo volutamente indicato quelle più introvabili, esponendo anche la serie di appartenenza ed il numero di tiratura.

Come riconoscerle? Vediamo le principali raffigurazioni apposte sulle varie serie:

  • prima serie (2002/2005): ha il ritratto di Giovanni Paolo II;
  • seconda serie (2005): ha lo stemma del Cardinale Camerlengo con l’emblema della Camera Apostolica;
  • terza serie (2006/2007): ha il ritratto di Papa Benedetto XVI;
  • quarta serie (2008/2013): anche in questo caso troviamo il ritratto di Benedetto XVI;
  • quinta serie (2014/2016): ha il ritratto di Papa Francesco;
  • sesta serie (2017/oggi): ha lo stemma di Papa Francesco.

Leggi di più sul cambio Euro – Dollaro

Come vendere 1 euro rari?

Vendere 1 euro rari

Se vuoi vendere le tue monete da 1 euro rare, è in primo luogo opportuno valutarle in modo accurato, affidandoti eventualmente ad un esperto. In caso di possesso di monete che non possono circolare (ad esempio 1 euro italiano del 1999), è bene consegnarle alle autorità.

Qualora si trattasse di monete commemorative, puoi valutare il valore di mercato sulla base degli altri venditori. Stesso discorso vale per le monete da 1 euro rare, in tiratura limitata (che vengono spesso messe in vendita con un valore standard) e con errori di conio.

Per vendere 1 euro rari, puoi optare su due strade differenti:

  1. farle stimare da un consulente in un negozio di numismatica, che ti farà successivamente un’offerta di acquisto, che potrai accettare o meno (ricorda che in questo caso il professionista potrebbe valutare la moneta con un prezzo più basso, per rivenderla ad un prezzo equo);
  2. fare affidamento su siti di vendite online, come ad esempio Subito.it, eBay, o piattaforme specializzate anche in articoli da collezione, come ad esempio Catawiki (con la stessa piattaforma puoi anche far valutare le tue monete da esperti in materia e venderle successivamente all’asta).

Monete da 1 euro rare – FAQ su 1 euro rari

Quali sono le monete da 1 euro più rare?

Nel nostro articolo completo sulle monete da 1 euro rare abbiamo esposto un elenco completo ed aggiornato con i 1 euro più rari e con maggior valore, poiché in tiratura limitata, o con errori di conio.

Quanto vale l’euro della Finlandia del 1999?

Come spiegato in modo dettagliato nella nostra guida sulle monete da 1 euro più rare, le monete del 1999 (degli Stati che le hanno potute coniare con questa data), sono considerate comuni e con un valore di facciata (1€).

Dove si possono portare le monete da 1 euro rare?

Nella nostro approfondimento sulle monete da 1 euro rare abbiamo ricordato tutti i sistemi che puoi utilizzare per vendere le tue rarità.

Achille Bellelli

Imprenditore tech e investitore indipendente, esperto in criptovalute e strumenti di trading speculativo. Scrive per FinanzaDigitale e altri magazine economici.

Lascia un commento