Patrimoniale 2022 sui conti correnti: cos’è e come funziona

La crisi finanziaria potrebbe causare l’applicazione di una tassa Patrimoniale? È un’ipotesi reale, analizziamo pertanto le ultime notizie e scopriamo come difendersi nel caso in cui venisse applicata.

In situazione di grave crisi economica, incombe nel 2022 lo spauracchio della cosiddetta patrimoniale, ossia l’imposta che colpisce i patrimoni mobili ed immobili dei cittadini.

Una pandemia da Covid-19 che ha causato una grave crisi finanziaria e la guerra ucraino-russa che ha comportato ripercussioni sull’economia globale e sull’instabilità dei mercati internazionali, potrebbero spingere il Governo italiano ad attuare misure drastiche per evitare il crack finanziario?

Anche la nuova riforma sul catasto fortemente voluta dal Governo Draghi potrebbe avere conseguenze determinanti sull’aumento delle tasse applicabili sugli immobili. Analizziamo più da vicino l’attuale situazione finanziaria: vediamo cos’è e come funziona la Patrimoniale, le ultime notizie al riguardo e come difendersi dalla pressione fiscale.

Cos’è la Patrimoniale 2022?

cos'è la patrimoniale

La Patrimoniale è un’imposta applicabile su beni mobili ed immobili posseduti sia in Italia che all’estero, con l’obiettivo di incrementare il gettito economico e risollevare i conti dello Stato per evitare il default finanziario.

Erroneamente chiamata tassa patrimoniale, non colpisce il reddito ma solo il patrimonio:

  • proprietà immobiliari: case, fabbricati, box auto, capannoni, uffici, ecc.;
  • beni mobili: conti correnti, preziosi (oro, argento), investimenti finanziari.

Si tratta di una misura eccezionale per arginare le gravi difficoltà economiche in cui versa lo Stato, considerata da sempre un’imposta altamente impopolare, soprattutto dai ceti più benestanti.

Come funziona la Patrimoniale 2022?

come funziona la patrimoniale

La Patrimoniale può essere applicata in 5 diversi modi:

  1. reale: quando viene applicata solo ad una parte delle ricchezze dei cittadini; un esempio di patrimoniale reale è l’IMU, ossia l’Imposta Municipale Unica;
  2. soggettiva: viene applicata su tutte le proprietà del contribuente e colpisce il suo patrimonio mobiliare e immobiliare;
  3. ordinaria: nel caso in cui venga applicata ogni anno;
  4. straordinaria: quando viene applicata una tantum, in maniera eccezionale, di solito per far fronte ad un periodo di grave crisi finanziaria;
  5. extraprofitto: quando viene applicata solo su coloro che, da una crisi finanziaria, hanno beneficiato di maggiori introiti.

Come puoi ben notare nel primo caso, il Governo applica già un’imposta patrimoniale reale, denominata IMU; un tributo diretto patrimoniale applicato sugli immobili.

Certamente la Patrimoniale soggettiva rappresenta la misura più drastica da applicare, erodendo una percentuale di tutto il patrimonio economico ed immobiliare dei contribuenti.

La tassa Patrimoniale potrebbe essere prevista annualmente, con la possibilità di applicare una più comoda rateizzazione, oppure una tantum, per intervenire immediatamente su una grave crisi finanziaria in atto.

Al vaglio del Governo Draghi, c’è la Patrimoniale extraprofitto, una soluzione che salverebbe la maggior parte dei contribuenti e colpirebbe solo coloro che hanno ottenuto maggiori profitti dalla crisi pandemica ed economica, come le compagnie assicurative e le società del settore energetico.

Ultime notizie sulla Patrimoniale nel catasto

patrimoniale nel catasto

Nonostante le smentite del Premier Draghi su un’eventuale applicazione di ulteriori tassazioni, il nuovo aggiornamento catastale, fortemente voluto dal Governo potrebbe celare, anche indirettamente, un aumento delle imposte sugli immobili.

Una migliore organizzazione telematica che agevoli i rapporti tra Comuni ed Agenzie delle Entrate, allo scopo di raggiungere un monitoraggio più efficace della situazione catastale in Italia e limitare quanto il più possibile l’evasione.

Un gettito economico sulla patrimoniale già esistente sulle unità immobiliari che già pesa per ben 22 miliardi di euro potrebbe presto registrare un rialzo se, come sembra, la revisione del catasto comporterebbe un’ulteriore pressione fiscale a discapito dei proprietari di immobili.

L’aggiornamento catastale – che dovrebbe essere definitivo entro il 2026 – potrebbe di fatto aggiornare di conseguenza il valore patrimoniale e la rendita, rispettando i valori di mercato.

Patrimoniale e prelievo forzoso 2022

patrimoniale e prelievo forzoso

Un’eventuale applicazione della Patrimoniale comporterebbe il prelievo forzoso sui conti correnti dei cittadini; una misura che sembra utopica, ma che non è affatto nuova in Italia.

Lo Stato ha facoltà di applicare una patrimoniale emanando un decreto legge che consenta alle Banche di prelevare la percentuale prestabilita dai conti correnti dei cittadini, che si ritroverebbero quindi con uno spiacevole segno meno sulla lista movimenti.

L’eventuale prelievo forzoso potrebbe essere applicato seguendo le diverse forme di patrimoniale che abbiamo elencato precedentemente e quindi riguardare proprietà immobiliari o beni immobili, ma nella peggiore delle ipotesi comprometterli entrambi. Le ipotesi potrebbero essere tante, ma allo stato attuale non c’è nessuna conferma di ulteriori azioni coattive sul patrimonio dei cittadini italiani.

Tassa Patrimoniale: da Nitti ad Amato

tassa patrimoniale giuliano amato 1992

Come anticipato precedentemente, non si sta trattando di ipotesi improbabili, in quanto ci sono stati già periodi storici dove l’applicazione della Patrimoniale ha permesso allo Stato di effettuare un prelievo forzoso sui conti correnti dei cittadini.

Già nel 1919, il Governo Nitti utilizzò il prelievo forzoso per far fronte ai debiti generati dalla Prima Guerra Mondiale. La Patrimoniale fu applicata anche per sopperire alle perdite registrate durante la Seconda Guerra Mondiale e per i decenni successivi di ricostruzione.

La Patrimoniale fu applicata anche dal Governo Amato nel 1992, attraverso un decreto legge denominato “Misure urgenti per il risanamento della finanza pubblica”.

Amato autorizzò un prelievo forzoso del 6 per mille su:

  • depositi bancari;
  • libretti postali;
  • conti correnti;
  • buoni fruttiferi;
  • imbarcazioni;
  • velivoli;
  • veicoli di grossa cilindrata.

Un intervento straordinario una tantum che non venne quindi riproposto negli anni successivi.

Patrimoniali già in vigore in Italia

patrimoniali in vigore in Italia

La Patrimoniale imposta con prelievo forzoso del 1992 innescò una serie di misure che coinvolsero i proprietari di immobili.

Nel 1993 fu introdotta l’ISI, ossia l’imposta straordinaria immobiliare, con l’obiettivo di acquisire la liquidità necessaria con una tassa una tantum.

Tuttavia, l’intervento straordinario si tradusse in misura ordinaria e venne applicata ogni anno, con la denominazione di ICI, Imposta Comunale sugli Immobili.

L’ICI prevedeva i seguenti parametri di tassazione:

  • 2 per mille sulle prime case;
  • 3 per mille sulle seconde case.

L’ICI cambiò denominazione nel 2012 per volere del Governo Monti, che applicò la più conosciuta IMU, Imposta Municipale Unica, attualmente ancora a carico dei contribuenti possessori di proprietà diverse dalla prima casa, a patto che quest’ultima non sia di lusso (categorie catastali A/1, A/8 e A/9).

Un ulteriore esempio di patrimoniale è il bollo auto versato annualmente dai possessori di veicoli e la tassa di successione, applicata a tutti coloro che ricevono in eredità beni immobili e diritti reali immobiliari.

Come difendersi dalla Patrimoniale 2022

come difendersi dalla patrimoniale 2022

Certamente nessun contribuente vedrebbe di buon occhio una nuova Patrimoniale, fermo restando che ad oggi si tratta solo di un’ipotesi realistica ma non ancora approvata.

Le ipotesi proposte da alcune forze politiche trattano interventi finanziari che prevedono un trasferimento di somme destinate a chi ha recentemente ottenuto extra profitti, come le società per l’energia e le compagnie assicurative.

Nel caso in cui un’eventuale imposta straordinaria dovesse intaccare tutti i contribuenti, come potresti difenderti dalla Patrimoniale del 2022?

Innanzitutto, è bene tenere conto che un eventuale prelievo forzoso potrebbe non riguardare tutti i correntisti, ma salvaguardare le categorie più deboli, applicando il consueto tetto ISEE.

Se non dovessi rientrare in questa categoria, diventerebbe quasi impossibile evitare di subire il prelievo forzoso, così come prevedere eventuali aliquote applicate. Tieni presente che, al netto di eventuali esenzioni previste, la Patrimoniale potrebbe colpire sia i beni immobili che mobili (conti correnti e investimenti finanziari), non solo in Italia ma anche all’estero.

Una Patrimoniale colpirebbe pure i conti dormienti e correre ai ripari prelevando i tuoi risparmi non è la soluzione più corretta da adottare perché l’azione del Governo potrebbe essere retroattiva, come successe proprio nel 1992.

Potresti invece valutare alcune interessanti soluzioni di investimento per ridurre le eventuali perdite e puntare ad un rendimento nel lungo periodo.

Patrimoniale 2022: domande frequenti

Quando entra in vigore riforma catasto?

Dal 1° gennaio 2026 il Governo intende prevedere una riforma sul catasto che possa rendere telematico l’intero sistema, con l’obiettivo di raggiungere una più funzionale organizzazione che integra aggiornamenti periodici ed una più corretta attribuzione dei tributi per ridurre l’evasione.

Su cosa viene calcolata la patrimoniale?

La patrimoniale può essere calcolata sia sul patrimonio mobile che immobile: denaro, fabbricati, valori preziosi, investimenti finanziari; l’imposta può essere applicata sia su persone fisiche che giuridiche.

Cosa è la riforma del catasto?

La riforma prevede una più accurata organizzazione del catasto per avviare una procedura telematica che snellisce e facilita il rapporto di condivisione tra i Comuni e le Agenzie delle Entrate.

Argomenti:

Paolo Serafini

Trader, esperto di borse e forex

Trader, esperto di borse e forex con un passato da consulente finanziario. Collabora con FinanzaDigitale, scrive libri e investe sui mercati mondiali.

Lascia un commento