Indice CAC40: Cos’è, composizione, previsioni e come investire

Come si compone e come sta andando l’indice CAC40

Indice CAC 40

L’indice CAC 40 è uno degli indici di Borsa internazionali più conosciuti ed analizzati al mondo. Fa rifermento alla Borsa francese (o meglio alla Borsa di Parigi), che a sua volta è stata integrata all’interno del cosiddetto Euronext, ossia l’indice europeo per eccellenza.

I risultati e gli ultimi andamenti mostrati dal CAC40, che come avremo modo di visionare integra al suo interno 40 delle società più capitalizzate sulla Borsa di Parigi, hanno fatto si che che l’indice venisse posto letteralmente sotto i riflettori.

Sappiamo benissimo che per un trader alle prime esperienze andare alla ricerca di informazioni sul settore indici possa essere alquanto complesso. Abbiamo quindi deciso di focalizzare l’attenzione su cos’è e come funziona l’indice CAC 40, sulla sua composizione e sull’andamento storico.

Per concretizzare le proprie scelte, proporremo inoltre alcune soluzioni valide per poter investire sull’indice CAC 40, tramite l’uso di broker professionali. Gli stessi permettono di negoziare sia sulle azioni che compongono l’indice, sia in modo diretto sul CAC40, tramite l’ausilio di CFD (strumenti derivati).

Cos’è l’indice CAC 40?

Per definizione, l’indice CAC40 è un paniere che contiene al suo interno i 40 titoli azionari a maggior capitalizzazione quotati sulla Borsa di Parigi (Euronex Paris). A tal riguardo, esponiamo subito una precisazione rilevante, che fa riferimento alla natura territoriale delle stesse società quotate.

indice cac 40

Nell’indice CAC40, nonostante sia possibile individuare reali società francesi e con sede legale in Francia, una percentuale considerevole di titoli è rappresentata da società che lavorano in tutto il mondo (anche con sedi legali all’estero), ma che hanno deciso di quotarsi sulla nota Borsa parigina.

CAC40 è quindi un acronimo che può essere scomposto in due parti: il numero 40 indica il numero degli asset presenti nell’indice, i quali vengono sempre aggiornati (come avremo modo di scoprire più avanti) e il termine “CAC”, che indica Cotation Assistée en Continu.

La nascita dell’indice CAC40 risale al 1987, quando per la prima volta venne fissato un valore di partenza, espresso in 1.000 punti e creato da un primo insieme di società storiche francesi, ovviamente quotate in Borsa. Nel corso degli anni ha avuto modo di svilupparsi ed ottenere nuovi traguardi.

Vediamo subito una tabella con alcune informazioni chiave sull’indice CAC40, prima di soffermarci nello specifico sul suo funzionamento, ossia sul meccanismo di composizione.

TickerCAC40
TipologiaIndice di Borsa Euronext Paris
Anno di fondazione1987
Composizione40 società più capitalizzate
️Miglior broker per investire sul CAC 40eToro (visita qui)

Come funziona l’indice CAC 40

La gestione dell’indice CAC 40 è attualmente nelle mani dell’Euronext, che rappresenta uno dei mercati europei più famosi e conosciuti al mondo, formatosi abbastanza di recente rispetto alle tradizionali Borse europee singole.

borsa di parigi

La valutazione del CAC40 avviene con cadenza periodica, ciò significa che ogni trimestre una squadra di esperti valuta attentamente la sua composizione, decretando ingressi ed uscite di titoli azionari già presenti, o da integrare. I parametri che vengono presi in considerazione per l’ingresso e la fuoriuscita di un titolo sono numerosi.

Due dei più importanti vedono:

  1. la capitalizzazione di mercato a fluttuazione libera;
  2. il valore del fatturato dei 12 mesi precedenti all’analisi.

Il numero delle azioni presenti nel CAC40 non può superare i 40 ed esistono specifiche regole interne da dover rispettare. Una delle più rigorose, fa sì che ogni titolo integrato sull’indice CAC40 non possa superare il 15% del valore complessivo dell’intero gruppo di titoli azionari.

Oltre alle 40 società che risultano di diritto inserite nell’indice, purché rispettino tutti i requisiti, il paniere è diviso e comprende due sottocategorie. Da una parte i titoli azionari che occupano le prime 40 posizioni, e dall’altra una categoria staccata, dalla trentaseiesima alla quarantacinquesima posizione.

Quest’ultimo range di valori prende il nome di “Riser Faller” e fa riferimento al sistema che permette di surclassare eventuali titoli azionari e far salire di posizione altri titoli che hanno mostrato eventuali sviluppi e crescite nel corso del trimestre.

Indice CAC40: Composizione titoli quotati

Arrivati a questo punto, è possibile scendere nel dettaglio e visionare la composizione del CAC40, che ricordiamo ancora una volta integrare le 40 società dell’Euronex Paris con maggior market cap.

Prima di proporre una tabella aggiornata, è tuttavia opportuno ricordare quali siano i settori maggiormente presenti sullo stesso indice. Come avremo modo di visionare, una percentuale rilevante delle società lavora nel settore energetico, della moda, dell’automotive ed industriale.

Nell’elenco a seguire, troveremo inoltre diverse società di carattere internazionale, che seppur quotate sulla Borsa Euronext Paris operano e lavorano in tutto il mondo, mostrando anche più sedi centrali. Nello specifico, l’indice CAC40 è composto da questi titoli.

SocietàTickerSocietàTicker
Air LiquideAIMichelinML
Airbus GroupAIROrangeORA
AlstomALOPernod RicardRI
ArcelorMittalMTPublicisPUB
AxaCSRenaultRNO
BNP ParibasBNPSafranSAF
BouyguesENSaint GobainSGO
CapgeminiCAPSanofiSAN
CarrefourCARRSchneider ElectricSU
Credit AgricoleACASocGenGLE
Dassault SystemesDSYStellantisSTLA
DanoneBNSTMicroSTM
EngieENGITeleperformanceTEP
EssilorLuxotticaELThalesHO
Eurofins Scientific SEERFTotalEnergies SETTE
Hermes InternationalRMSVeolia EnvironnementVIE
KeringKERVivendiVIV
L’OréalORVinciDG
LegrandLRWFD Unibail RodamcoURW
Louis VuittonMCWorldline SAWLN

Indice CAC 40: Quotazione in tempo reale

Uno degli strumenti più importanti per constatare l’andamento dell’indice, è il grafico della quotazione in tempo reale del CAC40. Lo stesso ti permette di visionare in che modo sta andando l’indice e quali siano le variazioni nel brevissimo periodo.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Oltre alla visione delle variazioni in tempo reale, puoi sempre decidere di tornare indietro nel tempo e visualizzare il cosiddetto andamento storico del CAC40 (che ritroveremo a seguire nel dettaglio). Per adesso, è bene concentrarci nell’ottica del breve termine.

Ciò che salta fin da subito all’occhio, è come nonostante le tensioni e gli scontri destabilizzanti fra Russia ed Ucraina, il valore del CAC40 abbia avuto la capacità di ritrovare target che non venivano registrati ormai da diverse settimane.

Tutto ciò portandosi dapprima sopra i 6.000, per poi superare anche i 6.600 nelle prime ore del 22 marzo 2022. Ricordiamo come durante i difficili periodi segnati dal Covid-19, il valore dell’indice CAC40 aveva subito nette diminuzioni, portandosi anche sotto i 4.050 al 27 marzo 2020.

Come investire sull’indice CAC 40

Per investire sull’indice CAC40 puoi far affidamento sui migliori broker di trading online, ossia piattaforme specializzate che ti permettono di negoziare sui principali indici di Borsa (sia europei che mondiali, come ad esempio NASDAQ, S&P 500 e così via).

Oltre a poter investire sugli indici in modo diretto, i migliori operatori, come ad esempio il broker eToro, ti permettono di investire direttamente sulle singole società che compongono il CAC40. Puoi sia comprare le azioni in modo fisico e diretto (per alcuni asset), sia agire con contratti per differenza.

In riferimento alla negoziazione sull’indice CAC40, si ha invece la possibilità di investire solamente con contratti per differenza, ossia strumenti derivati. Gli stessi replicano in modo fedele l’andamento dell’asset sottostante, permettendo di aprire due posizioni:

  • posizione di acquisto, ossia al rialzo;
  • posizione di vendita, ossia al ribasso.

Un ulteriore broker professionale a permettere di negoziare sull’indice CAC40 tramite CFD è Plus500. Anche in questo caso puoi decidere di iniziare comodamente con un account demo, senza alcun limite di tempo e senza obbligo di deposito iniziale.

A seguire, una tabella aggiornata e ben strutturata che mostra alcune delle migliori piattaforme di trading online che permettono di investire sull’indice CAC 40.

1 Miglior Broker del 2022
etoro trading
  • Azioni, crypto, ETF
  • 20+ milioni di utenti
  • Social Trading
  • Conto Demo gratis
  • 9.6
    Rated 5 stars out of 5
  • 50 $ deposito minimo
  • Reg. CONSOB 2830
plus500
  • Trading CFD
  • Conto demo gratis
  • Licenza ASiC, CySEC. Reg. CONSOB
  • 8
    Rated 4.5 stars out of 5
  • 100 € deposito minimo
  • Reg. CONSOB 4161
capex trading
  • Partner Juventus
  • Piattaforma Web e App
  • Licenza CySec, ASF, CNMW
  • 8.7
  • 100 € deposito minimo
  • Reg. CONSOB 4640
xtb trading
  • Azioni e ETF reali 0% commissioni
  • Materiale formativo per principianti
  • Conto Demo gratis
  • 9.6
    Rated 5 stars out of 5
  • 100€ deposito minimo
  • Reg. CONSOB 3569
broker trade.com
  • Licenza FCA
  • Conto Demo
  • Piattaforma innovativa
  • 7.8
    Rated 4.5 stars out of 5
  • 200 € deposito minimo
  • Reg. CONSOB 3949
broker trading
  • Conto di risparmio e trading
  • Investi in azioni e IPO
  • 1 milione di strumenti finanziari

*Capital is at risk

  • 8.2
  • Nessun deposito minimo
  • Reg. CONSOB 4792

Andamento storico CAC 40

CAC 40 Index

Allargando l’orizzonte temporale – in questo caso nell’ottica del lungo periodo – è possibile visionare su larga scala le variazioni ed i traguardi raggiunti dall’indice nel corso del tempo. Tutto ciò tenendo pur sempre in considerazione il valore di partenza esposto in precedenza, fissato a 1.000 punti.

Considerando l’andamento volatile dell’indice, caratterizzato quindi da periodi al rialzo ed al ribasso, è possibile evidenziare 3 periodi al rialzo, che hanno rispettivamente permesso all’indice di ottenere nuovi punti di massimo:

  1. la prima corsa parte dal 18 dicembre del 1998, quando il valore del CAC40 era passato dai circa 3.690 ai circa 6.570 al 13 luglio del 2000;
  2. dopo una serie di correzioni al ribasso, la seconda corsa, senza tuttavia nuovi punti di massimo, era partita da punti di minimo attorno ai circa 2.994 al 16 maggio del 2003, fino ad arrivare ai circa 6.057 al 25 maggio del 2007;
  3. una successiva correzione, aveva spinto il valore nuovamente sotto i 3.000 nel gennaio del 2009, per poi mostrare una graduale ripresa.

Ricollegandoci all’ultima fase, la crescita graduale (seppur con alti e bassi) aveva permesso all’indice CAC40 di ritornare su quote pari a circa 6.069 il 14 febbraio del 2020. L’arrivo della pandemia, con pesanti conseguenze anche per l’economia francese, aveva generato molti squilibri sui mercati.

Nel giro di poche giornate, ossia fino al 27 marzo del del 2020, la quotazione del CAC40 era passata a circa 4.351. Nonostante ciò, la ripresa economica ed i nuovi piani di sviluppo, hanno mostrato un indice su nuovi punti di massimo nelle prime fasi del 2022, attorno a quota 7.219 nella giornata del 7.

Indice CAC 40: Previsioni 2022-2025

I punti di massimo tracciati in precedenza nelle prime giornate del 2022, sono stati completamente annullati nel corso delle ultime settimane. Gli squilibri e le incertezze sulla maggior parte dei mercati azionari hanno fatto sì che anche l’indice CAC 40 pagasse il suo prezzo.

Il valore dell’indice ha così mostrato discese nette nelle prime giornate di marzo del 2022, portandosi su quote attorno a circa 5.962 in alcune ore dell’8 marzo. Una situazione complessa da valutare, che è stata sostituita nel corso delle ultime giornate da trend in recupero.

Nella giornata del 17 marzo 2022, quindi nonostante la guerra in Ucraina ancora pienamente attiva, lo slancio dell’indice CAC40 ha mostrato un recupero su quote pari a circa 6.612. In tutto ciò, quali previsioni sul CAC 40 poter stimare nell’ottica del breve e lungo termine?

Prevedere quale andamento mostrerà in futuro un indice è un’attività complessa anche per i maggiori esperti del settore. Nell’ottica del breve periodo, gli analisti focalizzano l’attenzione soprattutto sulla possibile risoluzione dei conflitti di carattere mondiale.

Molte delle società presenti nel CAC 40 lavorano ed operano attivamente anche all’interno del territorio ucraino, ma soprattutto russo. Nell’ottica del lungo periodo, quindi fino al 2025, tengono invece in considerazione tantissimi fattori di influenza, che avremo modo di approfondire a seguire.

Leggi anche le nostre guide su altri indici quali:

Indice CAC 40: Fattori influenti

Ricollegandoci a quanto esposto in precedenza, quali sono i possibili fattori di influenza associati all’andamento del CAC 40?

Essendo lo stesso un indice europeo, integrato quindi nell’Euronext, notizie legate all’Europa rappresentano sempre aspetti ampiamente valutati, assieme a quelli specifici sull’economia francese. In questo contesto, è possibile indicare alcuni dei principali:

  • l’andamento delle singole società che compongono l’indice, poiché sono le stesse a far muovere l’andamento complessivo del CAC 40;
  • il prodotto interno lordo e la salute dell’economia francese, che possono a loro volta influenzare i bilanci delle società presenti sull’indice e quindi l’andamento del CAC 40;
  • i rapporti di politica economica internazionale, che contribuiscono a rendere chiari ed attivi gli scambi commerciali ed i rapporti fra le nazioni;
  • aspetti macroeconomici legati alla Francia, come ad esempio livello di disoccupazione, tasso di inflazione, e così via.

Investire sull’indice CAC 40: Pro e contro

Prima di esporre le considerazioni finali, ecco due sezioni che evidenziano alcune delle principali potenzialità e rischi associati all’indice CAC40.

Potenzialità indice CAC 40

  • paniere di asset ampiamente diversificato;
  • contiene le società più importanti su Euronext Paris;
  • è un indice presente su tutti i migliori broker di negoziazione;
  • ha mostrato nuovi traguardi nelle prime giornate del 2022, nonostante le difficoltà portate dal Covid 19.

Rischi indice CAC 40

  • volatilità e rischio sull’andamento di mercato;
  • complessità analitica vista la presenza di più società all’interno dell’indice.

Investire sul CAC 40 conviene?

Al pari di qualsiasi altro indice appartenente alle Borse mondiali, ricordiamo come anche il CAC40 sia associato ad una propria volatilità ed imprevedibilità. Il rischio di mercato risulta quindi sempre presente e deve essere considerato da ogni singolo investitore.

Dal suo canto, l’indice CAC 40 fa riferimento ad una delle 5 più grandi superpotenze mondiali, con un prodotto interno lordo in crescita rispetto al passato e con decine di società ad elevata capitalizzazione.

Un indice che quindi ti permette, in prima battuta, di poter diversificare ampiamente il tuo portafoglio, poiché mostra già di suo una diversificazione interna con le 40 società più capitalizzate della Borsa parigina.

Considera inoltre come, nonostante le difficoltà portate dalla pandemia Covid-19, così come la guerra fra Russia ed Ucraina, l’indice abbia mostrato nelle prime settimane del 2022 nuovi punti di massimo, scendendo su quote inferiori, per poi risalire a metà marzo 2022.

Il 67% degli utenti CFD di eToro perde denaro

Indice CAC 40 – FAQ

Cosa indica l’indice CAC 40?

L’indice CAC 40 racchiude al suo interno l’andamento complessivo dei 40 titoli azionari con maggior capitalizzazione quotati sulla Borsa francese, ossia sulla Borsa Euronext di Parigi.

Qual è il valore dell’indice CAC 40?

Il valore dell’indice CAC 40, così come tutti gli altri indici mondiali, varia attimo dopo attimo. All’interno del nostro approfondimento trovi un pratico grafico in tempo reale sulla sua quotazione.

Dove investire sull’indice CAC 40?

Se hai intenzione di investire sull’indice CAC 40 puoi fare affidamento sui broker autorizzati e regolamentati che abbiamo avuto modo di esporre nella chiara tabella che trovi nel nostro approfondimento aggiornato.

eToro è una piattaforma multi-asset che offre sia l’investimento in azioni e criptovalute, sia il trading di CFD.Si prega di notare che i CFD sono strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 68% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se hai capito come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre l’alto rischio di perdere i tuoi soldi.

La performance passata non è un’indicazione dei risultati futuri. La storia di trading presentata è inferiore a 5 anni completi e potrebbe non essere sufficiente come base per la decisione di investimento.Il copy trading è un servizio di gestione del portafoglio, fornito da eToro (Europe) Ltd., che è autorizzato e regolamentato dalla Cyprus Securities and Exchange Commission.

L’investimento in criptovalute non è regolamentato in alcuni paesi dell’UE e nel Regno Unito. Nessuna protezione del consumatore. Il tuo capitale è a rischio. eToro USA LLC non offre CFD e non rilascia alcuna dichiarazione e non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda l’accuratezza o la completezza del contenuto di questa pubblicazione, che è stata preparata dal nostro partner utilizzando informazioni pubbliche non specifiche di eToro.

Jacopo Marini

Trader, opinionista ed esperto di mercati azionari e criptovalute. Uno dei primi investitori in Italia a credere in Bitcoin e diventarne un profondo conoscitore. Collabora con FinanzaDigitale dal 2014.