Trading caffè: come investire sulla materia prima, analisi quotazione e previsioni

Come fare trading sul caffè utilizzando strumenti derivati e quali sono i possibili scenari su questa materia prima nel breve, medio e lungo termine.

Trading caffè

Il trading sul caffè è una delle attività di investimento più effettuate da trader di tutto il mondo. Il suo alto interesse sul mercato, nonché considerevole volume sugli scambi, lo rende una delle commodities, ossia materie prime, più negoziate in Borsa.

Investire in questo settore, con le giuste strategie, può portare a risultati concreti e non indifferenti. Ciò non significa, ovviamente, che farlo nel modo corretto sia facile. Oltre alla componente dell’imprevedibilità, per fare trading sul caffè devi considerare diversi aspetti.

Da dove partire? Sicuramente da una completa analisi sulla materia prima, considerando le due tipologie di caffè più note, nonché le uniche due quotazioni presenti sul mercato: l’Arabica e la Robusta.

Vediamo quindi di cosa si tratta, come sta andando il prezzo del caffè oggi, quali sono i possibili scenari futuri e come fare trading sul caffè utilizzando CFD, gli strumenti derivati proposti dalle migliori piattaforme di investimento, come ad esempio eToro.

Cos’è il trading sul caffè?

Strumenti per fare trading sul caffè:CFD
Tipologie di futures negoziabili:Arabia e Robusta
Quanto serve per iniziare:Si può partire con una demo, o con un deposito da 50€
Miglior broker per trading caffè:eToro (vai qui)

Il trading sul caffè permette a qualsiasi trader di investire sul prezzo di questa storica materia prima. La tipologia di trading più nota si basa sull’acquisto o sulla vendita di CFD, ossia contratti per differenza, sui futures del caffè.

Per chi non ne fosse a conoscenza, i futures sono accordi fra un venditore e un acquirente, per scambiare una determinata quantità di beni, in questo caso di materia prima, a una data futura prestabilita.

Alla scadenza del contratto, chi acquista si impegna a diventare possessore dell’attività sottostante, mentre chi vende è obbligato a cedere il suo possesso al prezzo pattuito, indipendentemente dalla quotazione presente in quel momento.

Sui futures del caffè è quindi possibile investire con i CFD, strumento che replica la quotazione della materia prima e che permette di negoziare senza possedere alcun chicco in modo fisico. Il vantaggio è quello di speculare sui prezzi, senza dover conservare il bene.

In questo modo il trader può inoltre decidere se:

  1. investire sull’aumento dei prezzi, attuando una strategia di acquisto (long);
  2. investire sulla diminuzione dei prezzi, attuando una strategia di vendita (short).

Futures del caffè: Robusta e Arabica

Futures sul caffè

Le due tipologie di caffè più famose al mondo sono l’Arabica e la Robusta, ossia i chicchi più utilizzati nel settore produttivo e commerciale. Dopo essere stati raccolti seguono diversi processi per diventare caffè in polvere, o in altre varianti di vendita.

L’Arabica è il caffè più coltivato e da sola rappresenta oltre il 70% di tutta la disponibilità mondiale. La Robusta esiste in quantità molto più bassa e la sua scarsità, con una domanda sostenuta, porta il suo prezzo ad essere superiore rispetto all’Arabica.

Sia l’Arabica che la Robusta hanno una propria quotazione, ossia un mercato di scambio dove acquirenti e venditori si contendono il miglior contratto. È quindi possibile distinguere due futures differenti in base alla tipologia:

  1. futures sull’Arabica, sono scambiati sul NYBOT, ossia il New York Board of Trade;
  2. futures sulla Robusta, sono sono scambiati sull’Intercontinental Exchange di Londra.

Quotazione in tempo reale del caffè

Il grafico in alto mette subito in evidenza la quotazione in tempo reale sui futures del caffè, ossia la tipologia più scambiata sul mercato. Il grafico ti permette di comprendere qual è il prezzo di oggi della materia prima e come si sta muovendo sul mercato.

Soffermandosi sul breve periodo e sugli inizi del 2023, la quotazione del caffè ha subito un nuovo crollo sul finire del 2022 e a inizio gennaio, toccando anche quote attorno ai 149,90 USX (centesimo di dollaro). Dall’11 gennaio ha recuperato terreno, superando il livello dei 170,40.

Andamento storico prezzo del caffè

Andamento prezzo

Al di là del breve periodo, è bene rapportare i livelli attuali con lo storico della quotazione, ossia con i punti di massimo e di minimo pregressi. È quindi possibile impostare un grafico a 5 anni, che mette in evidenza una crescita del 39,10%.

A seguire 5 fasi significative sui prezzi storici del caffè (espressi in USX):

  1. nel mese di marzo del 2018, il prezzo dei futures sul caffè Arabica aveva di poco superato i 117,00, prima di salire sopra i 122 nel mese di maggio e mostrare successivamente una correzione sotto i 91 a inizio maggio 2019;
  2. dal maggio del 2019, il trend del caffè è stato mediamente positivo, con nuovi punti di massimo annuali raggiunti il 16 dicembre, pari a oltre i 130,70;
  3. dopo un ribasso sotto i 100 a giugno del 2020, l’interesse del mercato e una domanda in aumento della materia prima, hanno spinto la quotazione a crescere, dapprima sopra i 160 a giugno del 2021, fino ad arrivare oltre i 185 nel mese di agosto 2022;
  4. con il mercato in fervore, il prezzo del caffè ha continuato la sua corsa anche sul finire del 2022, mostrando un valore pari a 252 nella giornata del 7 febbraio;
  5. dall’8 febbraio fino all’11 gennaio del 2023, l’andamento è stato negativo, con quote sotto i 144, prima di recuperare terreno a fine gennaio, con un valore sopra i 170.

Cosa influenza il prezzo del caffè

Cosa influenza il prezzo del caffè

Così come per ogni altro strumento finanziario, o in questo caso materia prima, anche i prezzi del caffè possono essere influenzati da diversi fattori, che puoi tu stesso valutare prima di impostare la tua strategia di investimento.

Fra gli stessi ricordiamo:

  1. domanda e offerta;
  2. condizioni climatiche;
  3. decisioni dei grandi acquirenti;
  4. malattie delle piante.

1. Domanda e offerta

Domanda e offerta nel mercato

Il prezzo del caffè è ovviamente influenzato dalla domanda e dall’offerta del mercato. In altri termini, se la domanda è alta, ossia se c’è molta richiesta della materia prima, ma una bassa offerta, i prezzi tendono a salire.

Di contro, se l’offerta dei produttori e di chi deve vendere la commodity è alta, ma la domanda del mercato è bassa, ovvero mostra uno scarso interesse, allora i prezzi tendono a diminuire.

Leggi di più su come investire in materie prime

2. Condizioni climatiche

Al pari delle altre materie prime alimentari, che derivano quindi dai raccolti, anche il caffè è fortemente influenzato dalle condizioni climatiche. Sono più facili da prevedere rispetto al sentimento del mercato e possono portare aumenti o diminuzioni di prezzo.

Se il meteo permette una semina, una crescita e un raccolto fiorente, allora l’offerta di mercato aumenta e i prezzi scendono in modo esponenziale. Nel 2013, un periodo ideale di semina in Brasile, ha garantito uno dei raccolti più proficui, con l’abbassamento dei prezzi.

Di contro, come visto dal grafico storico, nel 2014 la quotazione del caffè Arabica ha subito un aumento significativo. A contribuire al suo rialzo è stato anche il difficile periodo di siccità e con poche piogge nella medesima zona del Brasile, fra i maggiori produttori del caffè.

3. Decisioni dei grandi acquirenti

Decisioni dei grandi acquirenti

Recenti studi hanno rivelato come la metà di tutto il caffè prodotto annualmente nel mondo sia acquistato da poche, ma grandi compagnie industriali. Conosciute anche come “le quattro grandi”, sono: Nestlé, Sara Lee, Kraft e Procter & Gamble.

Agendo ampiamente sulla domanda di mercato, è chiaro come una loro decisione sulla diminuzione, sull’aumento, o nella peggiore delle ipotesi su uno stop sugli acquisti, possa influire positivamente, o negativamente, sulla quotazione del caffè.

Potrebbero interessarti anche:

4. Malattie delle piante

In modo molto simile alle condizioni climatiche, anche eventuali malattie delle piante possono influire – in questo caso negativamente – sull’offerta del caffè, scatenando un’improvvisa impennata dei prezzi sul mercato.

Una delle malattie più note è ad esempio “la ruggine del caffè”. Iniziata nel 2013, ha portato alla riduzione del 70% circa della produzione in Guatemala, altro grande produttore, generando un aumento vertiginoso dei prezzi della materia prima.

Trading caffè: previsioni

Previsioni sul prezzo del caffè

Per te che sei interessato a fare trading sul caffè, quali sono le possibili previsioni sulla quotazione? Per rispondere a questa domanda è opportuno tenere a mente alcune considerazioni economiche e legate all’asset.

Contrariamente dal grano, prodotto principalmente in Ucraina, la guerra non ha portato grossi travolgimenti nella produzione ed esportazione del caffè. Anche la Russia rientra, infatti, fra le zone poco utilizzabili per le piantagioni della materia prima.

A pesare maggiormente sulle sorti della quotazione, potrebbero essere le variazioni dell’offerta, ossia sulla produzione di caffè. A fine 2022 l’International Coffee Organization (ICO), ha dichiarato come l’offerta sulla piazza non sia riuscita a soddisfare la domanda.

Il direttore esecutivo dell’ICO, parlando dello scarso raccolto del 2021 e 2022, ha ribadito:

“Abbiamo molti problemi climatici nelle principali regioni produttrici”, continuando con: “nonostante i prezzi in aumento, i coltivatori non sono stati in grado di fornire una maggior quantità di prodotto a causa del cambiamento climatico”.

Parole supportate anche dai numeri sulla produzione, in calo nel 2021-2022, con una riduzione dai 170,83 milioni di sacchi ai 167,2 milioni. Nel mese di novembre 2022, pur restando molto cauti, gli esperti di Fitch Solutions hanno ipotizzato un target price sul caffè a $ 1,90/Lb per il 2023.

Conviene fare trading sul caffè?

Conviene fare trading caffè

Considerando quanto esposto, conviene fare trading sul caffè oggi? Al di là degli aspetti negativi sul cambiamento climatico, che è una delle sfide più importanti nel 2023 per l’intera industria del caffè, alcuni produttori hanno ottenuto risultati soddisfacenti.

Gli analisti di Tridge hanno di recente ricordato come le abbondanti pioggia e il clima di semina ottimale, abbiano creato un ambiente efficiente per la produzione di caffè nella stagione 2023-2024.

La convenienza o meno dell’investire sul caffè con il trading dipende molto dalla riuscita o meno delle strategie che decidi di attuare. Devi quindi considerare i possibili fattori a favore della crescita dei prezzi e gli eventuali fattori a favore della discesa.

Fattori legati all’aumento dei prezzi

  • l’aumento nel mercato dei sostituti del caffè;
  • le ostilità climatiche nelle zone di coltivazione;
  • una richiesta, ossia un consumo di caffè maggiore nel mondo.

Fattori legati alla diminuzione dei prezzi

  • l’assenza nel mercato dei sostituti del caffè;
  • le condizioni climatiche favorevoli nelle zone di coltivazione;
  • una richiesta, ossia un consumo di caffè minore.

Investire sul trading caffè con CFD

Investire sul caffè con CFD

Se hai deciso di investire su questa materia prima e fare trading sul caffè con CFD, puoi utilizzare una delle migliori piattaforme di trading. Con una rapida registrazione ti permettono di accedere alla sezione delle commodities e di negoziare in autonomia.

Con il broker eToro (qui la recensione), puoi iniziare senza impegno con un ottimo account demo, senza nessun limite di tempo. La modalità reale richiede invece un deposito a partire da 50€, che puoi aggiungere con diversi sistemi di pagamento, fra i quali anche PayPal.

Qui in basso una tabella con i migliori broker per fare trading CFD sul caffè.

1 Miglior Broker del 2022
etoro
  • Azioni, crypto, ETF
  • 20+ milioni di utenti
  • Social Trading
  • Conto Demo gratis
  • 9.7
    Rated 5 stars out of 5
  • 50 $ deposito minimo
  • Reg. CONSOB 2830
capex trading
  • Partner Juventus
  • Piattaforma Web e App
  • Licenza CySec, ASF, CNMW
  • 8.7
  • 100 € deposito minimo
  • Reg. CONSOB 4640
liquidityx
  • eBook sul trading scaricabili
  • Piattaforma MetaTrader 4
  • Conto Demo CFD gratis
  • 9
    Rated 5 stars out of 5
  • 250 $ deposito minimo
  • Reg. CONSOB 5311
plus500
  • Trading CFD
  • Conto demo gratis
  • Licenza ASiC, CySEC. Reg. CONSOB
  • 8.5
    Rated 4.5 stars out of 5
  • 100 € deposito minimo
  • Reg. CONSOB 4161
naga
  • Azioni, crypto, ETF
  • Copy Trading
  • Conto Demo gratis
  • 8.2
    Rated 5 stars out of 5
  • 50 $ deposito minimo
  • Reg. CONSOB 3844
trade republic
  • Azioni, crypto, ETF
  • 1+ milioni di clienti
  • Piani di risparmio lungo termine
  • 8
    Rated 5 stars out of 5
  • 50 $ deposito minimo
  • Reg. BaFin Trade Republic Bank
avatrade trading
  • Piattaforma Web, App e MT4/MT5
  • Guida al Trading
  • Licenza CySec
  • 7.6
    Rated 4 stars out of 5
  • 100 € deposito minimo
  • Reg. CONSOB 2640
broker trading
  • Conto di risparmio e trading
  • Investi in azioni e IPO
  • 1 milione di strumenti finanziari

*Capital is at risk

  • 7.5
  • Nessun deposito minimo
  • Reg. CONSOB 4792
xtb trading
  • Azioni e ETF reali 0% commissioni
  • Materiale formativo per principianti
  • Conto Demo gratis
  • 7.2
    Rated 5 stars out of 5
  • 100€ deposito minimo
  • Reg. CONSOB 3569

Trading caffè – FAQ

Come fare trading sul caffè?

Per fare trading sul caffè puoi utilizzare i CFD, ossia contratti per differenza, che replicano l’andamento della quotazione, permettendoti di puntare sia al rialzo sia al ribasso, con l’acquisto o la vendita.

Dove fare trading sul caffè?

Se hai deciso di investire su questa materia prima puoi fare trading sul caffè utilizzando uno dei migliori broker online di CFD, ossia eToro, con il quale puoi iniziare con una demo gratuita, o con un deposto da 50€.

Qual è il valore del caffè?

Se vuoi fare trading sul caffè è importante tenere continuamente sotto controllo il valore dello stesso. Per conoscere il prezzo attuale puoi utilizzare il grafico in tempo reale che trovi nel nostro articolo.

eToro è una piattaforma multi-asset che offre sia l’investimento in azioni e criptovalute, sia il trading di CFD.
Si prega di notare che i CFD sono strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. L\81% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se hai capito come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre l’alto rischio di perdere i tuoi soldi.

La performance passata non è un’indicazione dei risultati futuri. La storia di trading presentata è inferiore a 5 anni completi e potrebbe non essere sufficiente come base per la decisione di investimento. Il copy trading è un servizio di gestione del portafoglio, fornito da eToro (Europe) Ltd., che è autorizzato e regolamentato dalla Cyprus Securities and Exchange Commission.

Gli investimenti in criptoasset sono altamente volatili e non regolamentati in alcuni Paesi UE. Nessuna protezione per i consumatori. Possono essere applicate imposte sui profitti. Il tuo capitale è a rischio.
eToro USA LLC non offre CFD e non rilascia alcuna dichiarazione e non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda l’accuratezza o la completezza del contenuto di questa pubblicazione, che è stata preparata dal nostro partner utilizzando informazioni pubbliche non specifiche di eToro.

Luca Conti

Esperto di mercati finanziari e trader indipendente

Esperto di mercati finanziari e trader indipendente. Collabora con Finanza Digitale curando i contenuti dedicati al trading.

Lascia un commento

Altri Articoli Su Finanza Digitale