Investimenti > ETF > Migliori Etf Obbligazionari

Migliori ETF obbligazionari ad alto rendimento

Con un ETF obbligazionario hai possibili guadagni interessanti, una rendita passiva e l’opportunità di investire su diversi asset in contemporanea. Scopri la classifica dei 10 migliori Exchange Traded Funds Bond.

+ Perché fidarti di Finanza Digitale
×

In Finanza Digitale, ci impegniamo per offrirti analisi finanziarie imparziali e affidabili. Pur ricevendo compensi attraverso affiliazioni, la nostra integrità editoriale rimane il nostro pilastro: le nostre classifiche e recensioni sono frutto di rigorose analisi e indipendenza. La tua fiducia è la nostra missione.

Aggiornato il:

Tempo lettura:
11 min
+ Fidati di Noi
×

In Finanza Digitale, ci impegniamo per offrirti analisi finanziarie imparziali e affidabili. Pur ricevendo compensi attraverso affiliazioni, la nostra integrità editoriale rimane il nostro pilastro: le nostre classifiche e recensioni sono frutto di rigorose analisi e indipendenza. La tua fiducia è la nostra missione.

Aggiornato il:

Tempo lettura:
11 min
ETF obbligazionari

Diversificazione, costi di gestione convenienti e rischio medio basso sono le caratteristiche che spingono sempre più investitori a comprare gli ETF obbligazionari.

Sono fondi di investimento indicizzati composti al loro interno solo da obbligazioni di diversa natura. Strumenti che ti permettono di investire sul mercato obbligazionario senza dover valutare, una dopo l’altra, le singole obbligazioni, impiegando anche piccole somme.

Inoltre, puoi in ogni momento venderli, per ripristinare la tua liquidità. Grazie alla loro composizione puoi esporti al mercato delle obbligazioni in modo più equilibrato rispetto all’acquisto di singoli bond.

Alcuni ETF sono composti da obbligazioni corporate, altri da Titoli di Stato dei principali paesi sviluppati. Infine, vi sono quelli che offrono un’esposizione a bond dei Paesi emergenti.

Il crescente numero di questi strumenti rende a volte difficile valutare su quali investire. Di seguito troverai i 10 migliori ETF obbligazionari, selezionati in base alle valutazioni di analisti esperti.

Piattaforme partner per ETF obbligazionari

1

Fineco Bank

Banca
fineco
  • Bond, BTP
  • Reg. amministrato
  • Azioni, fondi, ETF
2

Trade Republic

Banca
trade republic
  • Obbl. governative e societarie
  • Commissione fissa 1€
  • PAC ETF
3

DEGIRO

Broker
Logo DEGIRO broker
  • Corporate bond
  • Commissioni basse
  • ETF e obbligazioni

10 Migliori ETF obbligazionari Giugno 2024

ETFISINRendimento da inizio anno
UBS ETF MSCI World UCITS ETFIE00BK72HM9620,47%
BNP Paribas Easy S&P 500 UCITS ETF EUR C  FR001155018519,04%
SPDR Bloomberg High Yield Bond ETF IE00B6YX5M318,44%
Vanguard FTSE All-World UCITS ETF Distributing  IE00B3RBWM257,62%
iShares Core MSCI EM IMI UCITS ETF USDIE00BKM4GZ665,33%
Lyxor Euro Gov.t Bond 10-15YLU16504893854,29%
Amundi EUR Overnight ReturnFR00105108002,75%
Lyxor EuroMTS 10Y Italy BTP Government Bond   LU15986912171,75%
iShares Core US Aggregate Bond ETF IE00BZ043R461,21%
iShares core GI. Aggr. Bond ETF EurIE00BDBRDM351,00%

UBS ETF MSCI World UCITS ETF

Un’opportunità di investire sui migliori bond Usa ed europei è l’ETF UBS ETF MSCI World emesso dalla USB Fund Management, con una replica totale dell’indice MSCI World SRI Low Carbon 5%. Ha una capitalizzazione di 155 milioni di euro.

Da valutare grazie alla sua composizione in cui sono presenti per il 67% obbligazioni Usa, un 10,79% di quelle dell’Europa occidentale, un 7% tra bond giapponesi e asiatici.

Prevede un costo annuo pari al 0,27%, con un rendimento che, per il 2023, è stato del 20,14%.

BNP Paribas Easy S&P 500 UCITS ETF EUR C

Tra gli migliori ETF bond con high yield puoi valutare il fondo BNP Paribas Easy S&P 500 UCITS ETF EUR C emesso dalla banca BNP Paribas, con un rendimento, nel 2023, pari a 19,04%.

Ha ottenuto un voto di cinque stelle da Morningstar grazie anche a un andamento che in 3 anni ha totalizzato il 44% di crescita. Prevede una replica sintetica dell’indice S&P 500, composto solo da obbligazioni USA.

Ha una capitalizzazione di 1,689 miliardi, con un costo di gestione di 0,15%.

SPDR Bloomberg High Yield Bond ETF 

Con un rendimento annuo del 8,44% e un andamento in 5 anni del 10%, l’ETF SPDR Bloomberg High Yield Bond è un prodotto interessante da inserire nel tuo portafoglio.

Prevede la replica a campionamento dell’indice Bloomberg Liquidity Screened Euro High Yield Bond, in cui sono presenti obbligazioni provenienti da tutto il mondo, con il 60% dai Paesi emergenti. Ha una capitalizzazione di 446 milioni di euro e un costo annuo dello 0,40%.

Vanguard FTSE All-World UCITS ETF Distributing

È inserito dalla rivista Forbes tra i migliori 10 ETF obbligazionari USA con replica a campionamento dell’indice Bloomberg Global Aggregate Bond.

Un fondo di grandi dimensioni pari a 1,46 miliardi che ha attirato l’interesse degli investitori sia per il suo rendimento, pari al 7,62% in un anno, sia per la composizione del fondo: sono presenti solo obbligazioni del tesoro USA.

Quindi il suo rendimento è collegato all’andamento dei Treasury Bond americani.

iShares Core MSCI EM IMI UCITS ETF USD

Emesso dalla società BlackRock, iShares Core MSCI EM IMI UCITS ETF USD ha ottenuto una recensione a quattro stelle dal sito Morningstar, grazie a un rendimento annuo del 5,33% e una media in 3 anni del 4,14%.

Prevede una replica dell’indice MSCI Emerging Markets Investment, con un costo di gestione dello 0,18%. Considerato interessante se vuoi investire nei Paesi Emergenti, contenendo per l’80% obbligazioni di Stati asiatici, un 10% di bond del Medio Oriente e un 10% di quelli dei Paesi africani.

Lyxor Euro Gov.t Bond 10-15Y

L’ETF obbligazionario Lyxor Euro Gov.t Bond 10-15Y rientra tra quelli su cui investire, grazie a un rendimento medio per quest’anno pari al 4,29%. La società emittente è Amundi Asset Management.

È un fondo indicizzato con capitalizzazione di quasi 1 miliardi di euro, composto al 100% da obbligazioni con prevalenza dei Paesi europei. Grazie a queste caratteristiche ha ottenuto un voto di 5 stelle da Morningstar. Replica in modo totale l’indice Bloomberg Euro Treasury Bond.

Amundi EUR Overnight Return

È un fondo obbligazionario con replica sintetica dell’indice Solactive Euro Overnight Return. Ha una dimensione di 1,085 milioni di euro, ed emesso dalla società Amundi Asset Management.

È considerato interessante da un sito come Forbes e da Morningstar (con 4 stelle) grazie al rendimento da inizio anno, pari al 2,75% e un andamento medio nei tre anni del 2%. Inoltre, ha un costo di gestione davvero basso pari allo 0,10%.

Lyxor EuroMTS 10Y Italy BTP Government Bond 

Il Lyxor EuroMTS 10Y Italy BTP Government Bond è un ETF da valutare se vuoi investire in prevalenza sui titoli di Stato italiani come i BTP.

Infatti, replica in modo totale l’indice MTS Mid Price Italy 10y in cui sono presenti i titoli governativi italiani a più alto rendimento. Prevede un costo annuo dello 0,17% con un rendimento che nel 2023 è stato dell’1,75%.

iShares Core US Aggregate Bond ETF 

Valutato come uno dei migliori ETF obbligazionari da un sito come Morningstar, che gli ha attribuito tre stelle, iShares Core US Aggregate Bond ETF è un fondo di investimento che replica, a campionamento, l’indice Bloomberg Global Aggregate Bond.

Al suo interno sono presenti obbligazioni di diversi Stati, ma con il 60% di quelle provenienti dai Paesi emergenti. Ha una capitalizzazione di 2,63 miliardi. Interessante grazie ai costi bassi e a un rendimento che negli ultimi 5 anni è del 7,75%.

iShares core GI. Aggr. Bond ETF Eur

Puoi considerarlo tra i migliori ETF obbligazionari scambiati sulla Borsa di Milano, con un high yield nel 2022 del 2,13%.

Emesso dalla società BlackRock ha una dimensione di 1,456 miliardi, con un costo annuo pari allo 0,10% e una replica a campionamento dell’indice Bloomberg Global Aggregate Bond.

È consigliato dal sito Morningstar con tre stelle, grazie a un rendimento annuo medio dell’1%.

La tabella prende come riferimento i migliori ETF obbligazionari per il 2024 valutati dai esperti analisti di Morningstar, Forbes USA e JustETF.

Delle tantissime opportunità previste, abbiamo considerato quelli della Borsa Italiana e scambiati sulla Borsa di New York, che hanno ottenuto la migliore votazione. Ad esempio, per il sito Morningstar si sono considerati gli ETF bond con un voto dalle 3 alle 5 stelle, oltre a valutare i rendimenti costanti negli ultimi due anni, e il costo di gestione al di sotto dello 0,50%.

Infine, anche se prevedono un indice di volatilità maggiore, troverai alcuni dei più interessanti fondi indicizzati negoziati composti da obbligazioni dei Paesi emergenti.

Cosa sono gli ETF obbligazionari

Gli ETF (Exchange Traded Funds) rientrano tra i fondi di investimento, ma con particolari caratteristiche:

  • fondi: prevedono un paniere di titoli;
  • indicizzati: replicano l’andamento di un asset sottostante;
  • negoziati: puoi comprarli e venderli come le azioni oltre ad avere una quotazione che varia nell’arco della giornata;
  • gestione passiva: al loro interno possono essere inseriti solo asset che riflettono la natura del fondo.

Quindi, combinano alcune caratteristiche di un fondo permettendoti di ottenere un rendimento passivo, utile per diversificare il tuo portafoglio, ma anche del mercato azionario. Si definiscono ETF obbligazionari quelli al cui interno sono presenti solo obbligazioni.

Come funziona un ETF obbligazionario

Un ETF obbligazionario ti permette di operare non su un unico bond, ma su un numero diversificato di obbligazioni. Tuttavia, rispetto agli ETF azionari, in cui il gestore acquista la totalità degli asset che fanno parte dell’indice di riferimento, in quelli obbligazionari quasi sempre vengono selezionate, tra le migliaia di asset che compongono un indice, solo una serie di titoli.

Nella maggior parte dei casi, la scelta avviene prendendo come riferimento la qualità della società che emette l’obbligazione, il rendimento e la durata. Per questo quando si parla di ETF obbligazionari devi distinguere tra tre tipologie di replica degli asset sottostanti:  

  1. replica fisica: viene replicato l’intero asset sottostante;
  2. sintetica o swap: la replica avviene attraverso l’utilizzo di strumenti derivati, andando a riprodurre solo un gruppo di obbligazioni presenti in un indice;
  3. campionamento: la replica avviene con riferimento solo a un gruppo di asset.

Inoltre, mentre le obbligazioni hanno una data di scadenza, gli ETF obbligazionari prevedono una durata finanziaria continua: è compito del gestore del fondo integrare nuove obbligazioni in modo da mantenere il rendimento costante.

A questo devi aggiungere che rispetto ai tradizionali bond, un ETF prevede diverse opzioni di pagamento delle cedole. In alcuni  casi si attua la distribuzione degli interessi in date stabilite, in altri, definiti ETF ad accumulazione, il rendimento ottenuto viene, in modo autonomo, investito dal gestore del fondo aumentando il tuo capitale iniziale e permettendoti di ottenere un possibile guadagno maggiore.

Quando conviene comprare un fondo obbligazionario?

Quando comprare un ETF bond

Gli ETF obbligazionari possono essere degli strumenti molto utili per diversificare i tuoi investimenti, oltre a creare un piano di accumulo del capitale (PAC), grazie alla possibilità di:

  • ottenere un rendimento passivo;
  • rischi medio bassi;
  • ridotti costi di operatività;
  • prezzo di investimento basso;
  • negoziazione.

Oltre a ottenere un rendimento annuo in base all’andamento del fondo, gli ETF bond sono strumenti a basso rischio, data la loro composizione in obbligazioni. Inoltre, prevedono costi operativi limitati. Basta considerare che alcune piattaforme di trading permettono il loro acquisto senza applicare commissioni. Puoi operare anche con un capitale iniziale ridotto. Infine, hai il vantaggio di poterli vendere in ogni momento, recuperando la tua liquidità.

Sono strumenti molto utili anche se vuoi equilibrare il tuo portafoglio, rispetto alla presenza di asset più volatili come le azioni o le crypto.

Rischi di un ETF

Se da un lato gli ETF Bond sono considerati asset a basso rischio, come tutte le forme di investimento, sarà sempre presente però un’alea. Ecco quali sono i principali rischi di un fondo indicizzato obbligazionario:

  • il capitale non è garantito, quindi il tuo rendimento è soggetto all’andamento del fondo;
  • in caso di default della società che emette l’ETF ti troverai a perdere il denaro;
  • gli ETF sono soggetti all’andamento dei tassi d’interesse, dato che, quando i tassi aumentano, i rendimenti delle obbligazioni normalmente scendono;
  • alcune tipologie di ETF, come quelli dei Paesi emergenti possono avere un’elevata volatilità.

Quanto costa un ETF obbligazionario?

Costi ETF obbligazionari

Per investire in ETF devi considerare i costi, che andranno a influire sul tuo rendimento finale. Ecco quelli principali:

  • operatività: sono le commissioni che ti verranno richieste dalla piattaforma di trading per negoziare un ETF obbligazionario;
  • costo dell’ETF: come per altri asset, ogni fondo indicizzato ha un valore unitario di acquisto;
  • costo di gestione (TER): è il costo espresso in percentuale applicato dalla società emittente per la gestione dell’ETF.

In linea di massima, il prezzo di un ETF varia in base alla tipologia di composizione del fondo, da pochi euro a salire. In media il costo di gestione si aggira tra lo 0,10% allo 0,50% del valore dell’investimento. Infine, tra le spese da valutare per l’operatività sugli ETF bond devi aggiungere anche la tassazione.

Questa si applica sul rendimento ottenuto e sull’eventuale capital gain al momento della vendita. L’importo è normalmente pari al 26% del guadagno percepito, ma per gli ETF obbligazionari composti da Titoli di Stato italiani, la tassazione è abbassata al 12,5%.

Come e dove investire nei bond ETF

come e dove investire negli ETF obbligazionari

Per investire negli ETF obbligazioni hai le medesime opzioni di operatività previste per quelli azionari:

  • acquisto reale;
  • trading CFD.

Se vuoi approfondire le singole modalità, ti invitiamo a leggere la nostra guida su come investire negli ETF.

Qualunque sia la tua strategia, il primo passo è quello di valutare, con la dovuta attenzione, l’intermediario attraverso cui accedere ai mercati, prendendo in considerazione solo i broker di trading autorizzati e inseriti nel registro Consob, che prevedano la possibilità di investire negli ETF.

Se non sai quali scegliere, ecco di seguito la classifica dei migliori broker ETF per il 2024.

Broker del Mese piattaforma trading fineco
  • Piattaforma: Fineco Trading
  • Albo Banca d’Italia: 3015
  • Asset: Titoli di Stato, Bond societari, ETF obbligazionari
  • Trading n. 1 in Italia (Report Assosim 09/2023)
  • Software: Fineco App e FinecoX
  • PAC di ETF da 2,95€/mese
  • Deposito Minimo
  • ZERO
  • non richiesto
Leggi di più
2. piattaforma trading TradeRepublic
  • Piattaforma: Trade Republic
  • Elenco Consob: Iscr. num. 5130
  • Asset: Obbligazioni societarie e governative, ETF obbligazionari
  • Deposito Garantito: Come in banca, fino a 100.000 €
  • Commissioni Trading: 0% +1€ ad operazione
  • Utenti: +1 Milione
  • Limite Prelievi: 2.000€ al mese
  • Deposito Minimo
  • 10
  • (nessun conto demo)
Leggi di più
3. scalable capital
  • Piattaforma: Scalable Capital
  • Elenco Consob: Reg. 4664
  • Asset: ETF obbligazionari
  • Commissioni Trading: 0,99€ ad operazione
  • Liquidità Remunerata: ottieni 2,6% fino a 100.000 €
  • PAC ETF: automatici
  • Prelievi: nessun costo
  • Deposito Minimo
  • 1
  • (nessun conto demo)
Leggi di più
4. piattaforma Trading degiro
  • Piattaforma: DEGIRO
  • Albo banca d’Italia: 21986
  • Asset: Fondi, obbligazioni, ETF Obbligazionari
  • 2,5 milioni di investitori
  • Software: App mobile e webtrader
  • Modello precompilato per dichiarazione dei redditi
  • Deposito minimo
  • 0, 1€
Leggi di più

Migliori ETF obbligazionari: domande frequenti

Cosa vuol dire ETF obbligazionario?

Un ETF obbligazionario è un Exchange Trade Funds composto solo ed esclusivamente da bond. Scopri quali sono i migliori su cui investire nella nostra guida.

Quando conviene comprare un ETF obbligazionario?

Investire in un ETF obbligazionario può essere utile per diversificare ed equilibrare il tuo portafoglio con asset che prevede un basso-medio rischio e con un rendimento passivo. Scopri i vantaggi nella nostra guida.

Quali sono i migliori ETF obbligazionari?

Oggi sono presenti numerosi ETF obbligazionari. Scopri quali sono i 10 migliori con high yield nella nostra classifica.

Imprenditore tech e investitore indipendente, esperto in criptovalute e strumenti di trading speculativo. Scrive per FinanzaDigitale e altri magazine economici.

Lascia un commento

Potrebbero interessarti anche: