Vivere di rendita: qual è il capitale necessario per smettere di Lavorare

Smettere di lavorare e vivere di rendita è il sogno di tutti. Ma quali sono i metodi, i lavori o gli investimenti che offrono la libertà finanziaria?

vivere di renditaUno dei quesiti che la maggior parte dei risparmiatori si pone riguarda la reale possibilità di smettere di lavorare ed iniziare a vivere di rendita. Sembra una follia o un’incredulità, ma ci sono tanti e diversi casi concreti che ne confermano la reale possibilità.

Quali sono i consigli utili per smettere realmente di lavorare e vivere di rendita? C’è chi non riuscirebbe a vivere senza lavoro e chi invece sogna di potersi ritirare definitivamente dal mercato occupazionale per vivere “da nababbo”.

Quanti soldi occorre mettersi da parte per smettere realmente di lavorare? Si può già anticipare che non esiste una risposta univoca ed oggettiva, ma tutto dipende da come e da dove si vuole trascorrere il resto della vita tra gli ozi ed il riposo. Mai più senza pensieri di doversi alzare ogni mattina per portare a casa uno stipendio.

Ecco la guida utile che consiglia e suggerisce i vari modi per iniziare a vivere definitivamente di rendita.

Vivere di rendita: è possibile?

Si può realmente abbandonare il mercato del lavoro ed iniziare a vivere di sola rendita, ma quanti soldi servono? Se si è giovani, si può già iniziare a fare qualche conto in tasca per capire intorno a quale età è possibile definitivamente ritirarsi dal mercato del lavoro per dedicarsi ad altro o, magari, oziare si qualche isola tropicale vivendo di rendita.

Pianificare è lo step iniziale

A meno che non si vinca alla Lotteria o si erediti da qualche zio milionario una “fortuna”, è necessario pianificare ad hoc la possibilità di vivere senza dover lavorare.

LEGGI TUTTO
Jiffy: la rivoluzione degli E-payment tramite smartphone

Un vero sogno per la maggior parte dei risparmiatori ed investitori, ma il problema cruciale è quanto accumulare? Quanti soldi dobbiamo mettere da parte per iniziare a pensare di dover vivere solo di rendita?

Dipende molto da diversi fattori di natura soggettiva ed oggettiva e bisogna fare una sorta di “aspettativa della propria vita”: se si smette di lavorare a 40/50 anni occorre tenere debitamente conto della possibilità di dover mantenere o meno la famiglia con i figli.

Un altro discorso deve essere fatto se si continua a vivere in casa con i genitori da single: in questo caso occorreranno meno soldi per fare fronte alle esigenze future.

Tutto dipende anche da come si è abituati, quale stile di vita si segue, qual è la propensione al risparmio e da dove si vuole andare a vivere (in Italia o all’estero?).

Pianificare la possibilità di vivere di rendita nel medio-lungo termine, deve tener debitamente conto anche della variabile inflazione dato che tra 20 anni 1.000 euro potrebbero non essere sufficienti per sopravvivere dignitosamente, pur contenendo al minimo le spese e abbassando le aspettative.

Quindi, al quesito posto “E’ possibile vivere di rendita e smettere di lavorare?”, si deve rispondere in modo affermativo, ma il problema principale rimane quello di dover stabilire il quantum ovvero il capitale da risparmiare e da accumulare nel corso della propria vita professionale ed occupazionale, se si vorrà in un recente futuro ritirarsi definitivamente dal mercato del lavoro.

Per questo non esiste una scienza esatta che stabilisca in automatico l’ammontare di capitale da accumulare necessario per vivere di sola rendita. La sfida è “aperta” e tutto dipende da vari fattori di natura esogena ed endogena.

LEGGI TUTTO
Donne e Arte del fare impresa agricola: tra vocazione territoriale, localismi, genuinità e competitività

Consigli utili per smettere di lavorare

Per poter smettere definitivamente di lavorare e ritirarsi definitivamente dal mondo del lavoro si possono mettere in atto diverse strategie interessanti.

Un primissimo consiglio che può portarti fortuna è quello di investire sulle criptovalute: ci sono tantissimi uomini divenuti milionari grazie al trading con le valute digitali.

C’è chi fa del trading con Bitcoin, Ethereum, Litecoin, Monero, Ripple etc. una vera professione, mentre altri negoziano e scambiano asset digitali è fanno trading di CFD solo per pura passione o per introitare extra profitti.

Anche se investire in valute digitali non è scevro da pericoli di subire perdite, bisogna considerare il fatto che può nascondere un potenziale enorme in termini di opportunità di ottenere capital gain nel breve periodo.

Un consiglio utile per evitare delusioni è quello di costruire un portafoglio criptovalute che sia il più diversificato possibile e permetta di ottimizzare il rapporto rischio/rendimento.

Oltre ad investire in valute digitali, per assicurarsi una rendita e vivere di introiti è buona strategia iniziare ad acquistare fondi comuni di investimento immobiliari che consentono di trasformare gli asset immobiliari in quote di attività finanziarie che consentono di generare liquidità senza che l’investitore debba acquisire direttamente un immobile.

Interessante è investire in titoli azionari, obbligazioni, materie prime, risparmiare su tutto e trasferirsi all’estero in quale bell’isola tropicale o nell’Arcipelago delle Canarie o delle Isole Baleari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *