Comunicazione dati pagamenti Pos all’Agenzia delle Entrate: prorogate le scadenze

A causa delle difficoltà tecniche degli operatori, l'Agenzia delle Entrate ha prorogato i termini di scadenza per la trasmissione dei dati Pos

scadenza comunicazione dati agenzia delle entrate

L’Agenzia delle Entrate ha emanato un nuovo provvedimento lo scorso 2 settembre, con il quale sposta le scadenze per la comunicazione dei dati sui pagamenti effettuati con Pos.

Viste le difficoltà tecniche emerse nell’invio delle comunicazioni dei dati di pagamento elettronico tracciabile, l’AdE comunica sul proprio sito ufficiale che per le operazioni effettuate dal 1° settembre la data di scadenza viene traslata al 15 ottobre.

Lo stesso provvedimento prevede che per le transazioni effettuate da inizio 2022 e fino al mese di agosto, la scadenza prevista per la comunicazione dei dati Pos viene posticipata al 30 novembre.


Nuove scadenze per la comunicazione dei pagamenti Pos

Nuove scadenze per la comunicazione dei pagamenti Pos

L’articolo 22, comma 5 del decreto Fiscale 2020 prevede l’obbligo di trasmettere i dati dei pagamenti elettronici con Pos, avvenuti quindi mediante strumenti tracciabili quali carte di credito, debito, ecc.

Il provvedimento e le sue successive modifiche è volto a contrastare l’evasione fiscale, i pagamenti in nero e limitare quanto il più possibile il riciclaggio di denaro sporco.

A causa delle complicazioni tecniche che non avrebbero permesso agli operatori finanziari il rispetto delle scadenze prefissate per fornire i dati in tempo utile, l’Agenzia delle Entrate è intervenuta prorogando le precedenti scadenze sulla trasmissione dei dati Pos.

Posticipare le scadenze e riportare il sistema a regime, consentirebbe inoltre il corretto calcolo del credito d’imposta relativo ai pagamenti effettuati dagli esercenti attraverso gli strumenti elettronici tracciabili.

Agenzia delle Entrate intende riportare a regime l’intero sistema che prevedrà l’invio della comunicazione dei dati Pos entro e non oltre il terzo giorno lavorativo dalla data in cui viene contabilizzata la transazione elettronica.

Sono previste multe per chi rifiuta i pagamenti elettronici e non rispetta le scadenze imposte dall’Agenzia delle Entrate, la quale interverrà applicando sanzioni su chi non effettua la comunicazione dei dati Pos entro le scadenze previste.

Tenuto conto che il provvedimento dell’AdE è stato emanato lo scorso 2 settembre, la prima data utile per la trasmissione è prevista il 5 settembre e posticipa la scadenza al 15 ottobre.

Invece, come precedentemente accennato, le operazioni effettuate dal 1° gennaio 2022 al 31 agosto del corrente anno beneficeranno di una proroga al 30 novembre, data entro e non oltre la quale dovranno essere trasmesse le operazioni Pos effettuate.

Nuove date per la comunicazione dei dati Pos all’AdE

La tabella seguente riporta le nuove date previste dall’Agenzia delle Entrate tramite le modifiche al provvedimento n. 253155 del 30 giugno 2022, in tema di trasmissione dei dati identificativi degli strumenti di pagamento messi a disposizione degli esercenti.

Comunicazione dati pagamento elettronicoScadenze previste il 30 giugno 2022Scadenze prorogate il 2 settembre 2022
A regimeEntro il secondo giorno lavorativo successivo alla data di contabilizzazioneEntro il terzo giorno lavorativo successivo alla data di contabilizzazione
Contabilizzazione dal 1° gennaio al 31 agosto 202231 ottobre 202230 novembre 2022
Contabilizzazione dal 1° settembre 20225 settembre 2022Dal 5 settembre al 15 ottobre 2022

Come si evince dalla suddetta tabella, oltre alle nuove scadenze prorogate dall’Agenzia delle Entrate, a regime sarà necessario d’ora in poi inviare la comunicazione dei dati Pos entro e non oltre il terzo giorno lavorativo successivo alla data di contabilizzazione.

Ricordiamo che il Governo sta attuando l’obbligo dei pagamenti digitali e saranno applicate sanzioni per chi non detiene strumenti idonei per garantire ai clienti il pagamento elettronico.

Se non ti sei ancora dotato di tali strumenti, scopri i Pos più convenienti, soluzioni mobili e fissi, il canone annuo, le commissioni ed i costi applicati e tutte le informazioni utili al riguardo.

Luca Conti

Esperto di mercati finanziari e trader indipendente

Esperto di mercati finanziari e trader indipendente. Collabora con Finanza Digitale curando i contenuti dedicati al trading.

Lascia un commento