Pignoramento conto corrente: cos’è, quando avviene e come evitarlo

Le conseguenze di un pignoramento del conto corrente possono essere diverse, con il blocco di parte o di tutti i tuoi soldi. Scopri come funziona e quali sono i limiti previsti dalla legge.

Pignoramento conto corrente

In momenti di crisi economica, con il rincaro del costo della vita come sta avvenendo negli ultimi mesi, può capitare di contrarre un debito e di non riuscire a pagarlo, subendo il pignoramento del conto corrente.

Questo termine, spesso temuto dai piccoli imprenditori, ma anche se hai sottoscritto un mutuo o un finanziamento, è una procedura in base alla quale un creditore, nel momento in cui un debitore non ha adempiuto a quanto dovuto, può richiedere il pagamento forzato.

Ciò comporta come conseguenza diretta il blocco parziale o totale del tuo conto corrente. Un qualcosa che non avviene dall’oggi al domani, ma prevede una serie di comunicazioni. Inoltre, vi sono anche dei limiti su quanti soldi possono essere prelevati dal tuo conto. In questa guida, troverai tutte le principali domande e quali sono le soluzioni legali per proteggere i tuoi soldi.


Quando si può pignorare un conto corrente?

Quando si può pignorare un conto

Il pignoramento del conto corrente è un’esecuzione forzata regolata dall’art 491 del Codice civile. Rientra in quelle azioni, come il pignoramento dello stipendio, del TFR e della pensione, che permettono a un creditore di rivalersi su un debitore nel caso di un mancato pagamento.

Può essere effettuato su:

  • un conto corrente bancario;
  • un conto corrente postale;
  • altre forme di strumenti finanziari.

Infatti, non si fa distinzione, ai fini dell’esecuzione forzata, tra conti bancari online o quelli tradizionali. Può essere eseguita sia se hai un conto BancoPosta, sia se hai aperto una PostePay Evolution. Inoltre, l’esecuzione può avvenire anche su una carta conto prepagata con IBAN oppure su un conto deposito.

Per permettere il pignoramento di un conto corrente deve essere presente un titolo che dimostri un debito a favore del creditore. Ecco quali sono i casi più comuni:

  • cambiale;
  • finanziamento;
  • mutuo sulla casa;
  • fattura non quietanzata;
  • assegni non pagati.

In tutti questi casi il tuo conto corrente non verrà pignorato immediatamente, ma sarà necessario rispettare, da parte del creditore, una serie di passaggi.

Chi può pignorare un conto corrente?

Per effettuare il pignoramento di un conto correte è necessario un atto da parte del creditore. Questa procedura non avviene in automatico quando non si riceve un pagamento. Per esempio, non basta aver saltato una rata della finanziaria.  

Inoltre, devi distinguere se il tuo debito è di natura fiscale, oppure collegato a un mancato pagamento per un accordo tra soggetti privati. Questa distinzione è importante, dato che andrà a incidere sul procedimento dell’esecuzione forzata e sulle tempistiche.

Il pignoramento del conto corrente non deve essere sottovalutato, dato che può determinare il blocco parziale o totale del tuo conto anche per diversi mesi, fin quando non verrà risolta la pendenza. Inoltre, anche la comunicazione avverrà in modo diverso.

Come viene comunicato il pignoramento del conto corrente?

Comunicazione pignoramento

Non riceverai la comunicazione all’improvviso, ma questa sarà anticipata prima da una notifica da parte del creditore, dell’Agenzia delle Entrate oppure di un privato, per richiederti il pagamento di quanto dovuto.

Nel caso in cui non hai la possibilità di adempiere al tuo debito, allora si innescherà un procedimento che avrà come conclusione il pignoramento.

Si deve precisare che, in alcuni casi, soprattutto nei rapporti con i privati, potrai ricevere direttamente un decreto ingiuntivo da parte del creditore con l’intimazione al pagamento. Un elemento importante dato che avrai la possibilità di regolarizzare il tuo debito onde evitare l’esecuzione forzata.


Come funziona il pignoramento del conto corrente? Procedimento

Andiamo a vedere in pratica come funziona un pignoramento sul conto corrente. Il procedimento si differenzia se è effettuato:

  1. dall’Agenzia delle Entrate;
  2. da un privato.

Infatti, dopo la chiusura di Equitalia, la riscossione di eventuali tributi non pagati collegati a cartelle esattoriali emesse, sarà a carico proprio della sezione Pagamenti e Riscossione dell’Agenzia delle Entrate.

Per i debiti fiscali, al fine di semplificare il recupero delle somme dovute, il sistema è molto più veloce. Invece, tra i privati, il creditore dovrà ottenere una sentenza del giudice.

1. Pignoramento conto corrente Agenzia delle Entrate

Logo Agenzia delle Entrate

Non hai pagato il bollo auto, oppure hai delle pendenze contributive o per aliquote di imposte non versate? In questo caso, l’Agenzia delle Entrate ti invierà una cartella esattoriale in cui ti inviterà a pagare quanto dovuto entro 60 giorni.

A questo punto avrai diverse opzioni:

  • fare ricorso;
  • pagare quanto dovuto;
  • chiedere la rateizzazione del pagamento;
  • non fare nulla.

Nel caso del ricorso, dovrai avere validi motivi, ad esempio disporre di una ricevuta per una determinata tassa o imposta già versata, o se l’importo è superiore rispetto a quello previsto. È un’operazione che non potrai fare in prima persona, ma richiede il supporto di un legale specializzato o di un commercialista, con costi aggiuntivi. Per questo, prima di procedere in questa direzione, valuta con attenzione quali sono i pro e i contro.

Se esegui il pagamento utilizzando il bollettino o il relativo F24 online, avrai saldato il debito e quindi non sarai sottoposto a eventuale pignoramento. Hai anche la possibilità di chiedere la rateizzazione del pagamento. In questo caso, si sospenderà la procedura previa approvazione da parte dell’Agenzia delle Entrate di un piano di rientro.

Se non hai la possibilità economica di affrontare uno dei casi precedenti, trascorsi 60 giorni, l’Agenzia delle Entrate effettuerà comunicazione alla banca su cui hai il tuo conto corrente.

Ora avrai ancora altri 2 mesi di tempo prima che il conto venga pignorato, nel corso dei quali potrai evitare il pignoramento effettuando il pagamento della cartella esattoriale in ritardo. Trascorsi questi ulteriori 60 giorni, le somme spettanti verranno prelevate dal tuo conto in modo diretto.

2. Pignoramento conto corrente tra privati

Il procedimento tra privati avviene in maniera differente e richiede più tempo. In primo luogo, il creditore dovrà inviarti comunicazione con richiesta di pagare entro 10 giorni il tuo debito. Questa è una procedura non obbligatoria, ma può essere effettuata soprattutto per le piccole somme onde evitare l’aggiunta di spese legali.

Una volta trascorso questo termine, potrà richiedere un decreto ingiuntivo al giudice, data la presenza di un titolo di credito. Ecco qual è l’iter previsto:

  • comunicazione del decreto ingiuntivo da parte dell’Ufficiale Giudiziario;
  • sentenza del giudice per il pagamento della somma spettate del debitore, salvo eventuale opposizione;
  • atto di precetto da parte del creditore con l’invito al pagamento entro 10 giorni.

Trascorsi i 10 giorni, l’atto di pignoramento verrà notificato alla banca: a questo punto verrà eseguita l’esecuzione forzata sulle somme presenti sul conto corrente.


Cosa succede dopo il pignoramento di un conto corrente?

Tipologia di contoEffetto del pignoramento
Conto cointestatoSi applica solo sul 50% delle somme
Conto con fido in rossoIl pignoramento non può essere eseguito
Somme pari o inferiori all’atto di pignoramentoIl conto viene bloccato
Conto con somme superiori al pignoramentoVengono prelevate le somme spettanti al creditore, mentre le restanti possono essere utilizzate dal debitore

Nel momento in cui l’atto di pignoramento viene comunicato alla banca, quest’ultima bloccherà il tuo conto per un importo complessivo pari a quello della somma prevista dal pignoramento e, in alcuni casi, con l’aggiunta di 1/2 del suo valore.

Per esempio, se è previsto un pignoramento pari a 2.000€, l’importo che verrà bloccato sarà pari a un massimo di 3.000€. L’esecuzione forzata avrà conseguenze differenti in base alla situazione del conto.

Infatti, devi distinguere tra:

  1. pignoramento conto cointestato: in questo caso potrà essere sottoposto ad esecuzione solo il 50% dell’importo presente;
  2. conto in rosso: se è presente un fido sul tuo conto corrente, questo non è sottoposto a pignoramento fino alla sua estinzione;
  3. somme presenti sul conto pari o inferiori all’importo richiesto: il conto verrà bloccato fino alla sentenza del giudice per l’assegnazione del denaro a titolo di pagamento;
  4. conto corrente con denaro superiore: la somma prevista dal pignoramento sarà bloccata, mentre la restante parte potrà essere utilizzata dal debitore.

Pignoramento conto corrente: limiti

Limiti pignoramento conto corrente

Con il pignoramento del conto corrente il creditore avrà diritto ad ottenere il pagamento di tutte le somme spettanti. Tuttavia, in base all’articolo 545 Codice Civile, sono previsti alcuni limiti all’importo che può essere prelevato.

Infatti, è necessario distinguere tra:

  • lavoratori autonomi e imprese;
  • lavoratori dipendenti e pensionati;
  • conto cointestato.

Se sei un professionista con partita IVA, un’impresa come un S.r.l., o un lavoratore occasionale, devi sapere questo: se la somma dell’atto di pignoramento è presente sul conto, verrà bloccata in attesa della chiusura dell’esecuzione forzata. Questa avverrà da parte del giudice, con l’assegnazione di quanto dovuto.

La restante quota di denaro potrà essere liberamente utilizzata dal debitore. Invece, se il creditore non viene soddisfatto, eventuali somme successive verranno utilizzate per estinguere il debito. Per esempio, se l’atto di pignoramento prevede il pagamento di 3.000€ e sul tuo conto hai 6.000€, verrà sottratta la parte prevista.

Nel caso in cui hai solo 2.500€, il conto verrà bloccato. Se successivamente ricevi un bonifico di 2.000€, su questa somma sarà prelevata la differenza di quanto dovuto al creditore e il conto verrà liberato dal pignoramento.


Pignoramento conto corrente con stipendio o pensione

Una situazione diversa si verifica se ricevi lo stipendio sul conto corrente, per un contratto a tempo determinato o indeterminato, o se sei titolare di una pensione. In questo caso, il pignoramento prevede dei limiti ben precisi.

Infatti, in presenza di somme sul tuo conto, dovrà essere lasciato un saldo pari a 3 volte l’assegno sociale. Questo nel 2022 è equivalente a 468,38€. Ciò significa che la somma che dovrà essere lasciata sul conto è di 468,38 x 3 = 1.404,84€.

Invece, per il denaro successivo accreditato con la pensione o attraverso lo stipendio, potrà essere prelevato solo 1/5 dell’importo. Quindi se hai un contratto con una contribuzione pari a 1.500€, il denaro soggetto a pignoramento ogni mese può essere solo di 300€.

In questo caso, il creditore potrà valutare di agire direttamente alla fonte, richiedendo il pignoramento al datore di lavoro, oppure all’INPS, senza passare per il tuo conto corrente. Vi sono dei limiti anche nel caso in cui sul tuo conto corrente sia presente il TFR (trattamento di fine rapporto): il creditore non potrà prelevare più di un quinto della somma che hai ottenuto.

Esecuzione forzata conto cointestato

Infine, un altro limite riguarda i conti cointestati. In questo caso, la somma soggetta a pignoramento sarà pari al 50% del denaro presente. Infatti, si presuppone che l’altra parte dei soldi sia di proprietà del cointestatario.

Vi sono però delle eccezioni. Infatti, nel caso in cui il cointestatario è responsabile in solido di un finanziamento o di un mutuo, in questa evenienza il creditore potrà agire sull’intera somma presente sul conto, oltre a quelle che verranno versate in futuro in rispetto dei limiti previsti.

Leggi anche la nostra guida su quali sono i migliori conti correnti cointestati

Quando un conto corrente non può essere pignorato?

Pignoramento conto corrente

Al fine di tutelare i soggetti che si trovano in condizione economiche di svantaggio o se è presente una disabilità che limita le loro possibilità lavorative, sono previsti dei casi in cui l’esecuzione forzata non potrà avere luogo da parte della banca.

Ciò si determina quando i conti correnti sono alimentati dalle seguenti fonti di reddito:

Devi però fare attenzione alla presenza di eventuali altre fonti di reddito. Infatti, se su quel conto è presente del denaro di natura diversa, allora sarà soggetto a pignoramento entro i limiti che abbiamo indicato prima.

Come faccio a sapere se il mio conto corrente è stato pignorato?

Dal momento in cui ti viene comunicato l’atto di precetto, per l’esecuzione da parte della banca possono passare diversi giorni, dato che il creditore ha tempo fino a tre mesi (90 giorni) dal precetto per effettuare l’esecuzione forzata.

Come fare a sapere se il pignoramento è avvenuto? In teoria, potresti ricevere una comunicazione da parte della banca attraverso i seguenti sistemi:

Queste forme non sono però obbligatorie. In alcuni casi, se hai un conto online, riceverai un e-mail all’indirizzo di posta elettronica che hai registrato, in cui si comunica il blocco del conto e l’invito a contattare il servizio clienti.

Invece, se hai un conto con una banca tradizionale, potresti ricevere una comunicazione da parte del direttore di filiale, con l’invito a presentarti in banca per motivi importanti. In ogni caso, dal tuo estratto conto puoi capire subito se hai ricevuto il pignoramento.

Infatti, se è stata soddisfatta completamente la richiesta del creditore, troverai a debito, sul saldo, la voce di riferimento. Invece, se non è stato completato il pignoramento, il conto verrà bloccato, salvo i limiti per gli importi minimi previsti per un dipendente o un pensionato.

Quanto dura il pignoramento del conto corrente

Durata pignoramento conto corrente

Il pignoramento dura fin quando il debito non viene estinto. La tempistica varia in base alla tipologia di conto che è stato sottoposto ad esecuzione forzata.

Per esempio, se hai uno stipendio o sei un pensionato, il pignoramento può durare diversi mesi o anche anni, dato che la somma che può essere presa è limitata solo a 1/5 dell’importo che ti viene accreditato ogni mese sul conto.

Lo stesso vale se hai ricevuto il TFR. In ogni caso, potrai chiudere in anticipo il pignoramento versando sul tuo conto l’importo spettante al creditore.

Come proteggere i propri soldi dal pignoramento

Come difendersi da un pignoramento

Partiamo da un dato di fatto. La presenza del pignoramento è collegata a un debito e quindi a una somma dovuta da parte di un soggetto a un altro.

Quindi, per evitare di essere sottoposti a pignoramento del conto corrente, la soluzione più evidente è quella di pagare l’importo previsto. Ovviamente questa evenienza prevede una disponibilità economica. Un qualcosa che può essere difficile per le famiglie e le PMI a causa del Covid-19, della crisi energetica e al tasso alto d’inflazione.

Tuttavia, questa è l’unica soluzione per evitare il pignoramento. Infatti, anche se hai un conto in rosso e trasferisci i tuoi soldi su un’altra banca, basterà un’indagine sull’anagrafe tributaria per evidenziare la presenza di una disponibilità economica su un altro conto corrente.

Inoltre, mantenere un fido aperto comporta dei costi che, a lungo andare, possono essere gravosi. A questo devi aggiungere che una banca può anche ritirare un fido in presenza di un pignoramento, con il problema di versare l’importo scoperto sul conto nel giro di 10-15 giorni. Lo stesso vale se hai un conto cointestato, dato che comunque si applicherà un pignoramento del 50%.

Quindi, nel caso in cui non possiedi l’intera somma al fine di saldare il debito, può essere sempre utile trovare un compromesso con il creditore, richiedendo un’eventuale rateizzazione al fine di non procedere con l’iter legale, oltre a ridurre le tempistiche. Infatti, nella maggior parte dei casi, tra il decreto ingiuntivo e la chiusura di un pignoramento, possono passare anche diversi anni.

Pignoramento conto corrente: domande frequenti

Quali sono i conti correnti non pignorabili?

Il pignoramento di un conto corrente non può avvenire nel momento in cui il denaro che alimenta il conto proviene da sussidi statali o dalla pensione di invalidità.

Cosa succede quando ti bloccano il conto?

Con il pignoramento, il denaro sul tuo conto verrà bloccato fino a quando il giudice non assegnerà l’importo al creditore. Se sono presenti dei soldi in più, potranno essere utilizzati dal debitore.

Come viene comunicato il blocco di un conto corrente?

Il pignoramento del conto corrente prevede una notifica da parte dell’Agenzia delle Entrate, oppure se richiesto da un privato verrà comunicato attraverso un decreto ingiuntivo.

Argomenti:

Paolo Serafini

Trader, esperto di borse e forex

Trader, esperto di borse e forex con un passato da consulente finanziario. Collabora con FinanzaDigitale, scrive libri e investe sui mercati mondiali.

Lascia un commento

Altri Articoli Su Finanza Digitale